Ferrovia Napoli-Bari: 2,5 mld per il raddoppio della tratta

CONDIVIDI

mercoledì 15 gennaio 2014

L’assessorato regionale ai Trasporti della Regione Campania è stato il teatro dell’incontro sul raddoppio della tratta Apice–Orsara, relativa alla linea  ferroviaria ad alta capacità Napoli-Bari. Alla riunione convocata dall’assessore regionale ai Trasporti Sergio Vetrella, erano presenti i  rappresentanti dei comuni di Sant’Arcangelo Trimonte e Apice e di Rete Ferroviaria Italiana.
Gli enti locali si sono impegnati a dare il loro via libera al progetto, in virtù delle rassicurazioni ricevute. L’opera consiste nella realizzazione del raddoppio con caratteristiche di “Alta Capacità”, della linea Apice–Orsara, a partire dalla stazione di Apice fino a raggiungere il territorio di Grottaminarda, dove si prevede l’ubicazione della stazione denominata “Irpinia”.
Costo dell’investimento della tratta è di circa 2 miliardi e mezzo di euro.
“Nei mesi scorsi – ha detto l’assessore Sergio Vetrella al termine dei lavori - l’iter che conduce all’approvazione del progetto da parte della Giunta regionale aveva conosciuto una battuta d’arresto perché i miei uffici erano ancora in attesa del definitivo parere di alcuni tra i comuni interessati. Nel corso del procedimento infatti, i comuni di Apice, Ariano Irpino e Sant’Arcangelo Trimonte, avevano sollevato alcune perplessità circa il tracciato che verrà alla luce con questa importante opera. Per tale motivo, seguendo il metodo da sempre adottato da parte del mio assessorato, di concerto con il presidente Caldoro, in questi mesi abbiamo lavorato in stretta sinergia con i rappresentanti delle comunità locali al fine di sciogliere gli ultimi nodi e venire incontro alle legittime esigenze dei territori interessati. Ora raccogliamo i frutti di questo lavoro avendo definitivamente ricevuto parere favorevole anche da parte dei tre comuni. Il comune di Ariano Irpino, pur non essendo presente all’incontro, ha fatto comunque pervenire le proprie determinazioni positive. La Giunta può quindi procedere senza indugio  all’approvazione del progetto preliminare relativo all’intervento.Ricordo infine che tale intervento è stato incluso tra quelli strategici e prioritari nel piano degli investimenti approvato dalla Giunta Regionale, in quanto rappresenta un fondamentale corridoio di collegamento tra il nord ed il sud dell’Italia, e potrà dare nuovo slancio al sistema economico regionale attraverso la creazione di centinaia di posti di lavoro”, ha concluso l’assessore.

Tag: ferrovie, alta capacità

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Gruppo FS: 1,6 miliardi per autoproduzione di energia pulita ed efficientamento di treni e stazioni

Un’accelerata decisa verso la decarbonizzazione dei trasporti attraverso la produzione di energia rinnovabile grazie a pannelli fotovoltaici installati sui tetti delle stazioni, delle officin...

Gruppo FS, Piano Industriale 2022-2031: 190 miliardi di investimenti. Previsto raddoppio del volume merci su rotaia

Favorire il trasporto multimodale, raddoppiare il trasporto merci su ferro e coprire il 40% del fabbisogno energetico attraverso l’autoproduzione da fonti rinnovabili. Sono questi alcuni dei...

Alta Velocità Salerno-Reggio Calabria: chiuso il dibattito pubblico

Con la presentazione della relazione conclusiva per la tratta Battipaglia-Romagnano si è chiuso ufficialmente il dibattito pubblico sul progetto di realizzazione della nuova linea ad Alta...

Gruppo FS: puntare sull'intermodalità per lo sviluppo del traffico merci verso il nord Europa

“Il nuovo piano industriale del Gruppo FS prevede obiettivi ambiziosi nel campo della logistica e nel miglioramento del traffico merci verso l’Europa. Puntiamo a sviluppare maggiori...

Gruppo FS: 3 mld di finanziamenti per nuovi convogli e infrastruttura Alta Velocità

Emissione di nuovi bond e ricorso ad altri strumenti di provvista a medio/lungo termine per un importo complessivo massimo di 3 miliardi di euro. Le emissioni, a valere sul Programma EMTN quotato...

Rendere le stazioni ferroviarie hub della mobilità condivisa: intesa RFI-Osservatorio Sharing Mobility

Rendere le stazioni ferroviarie dei veri e propri hub della mobilità condivisa, integrando in maniera efficace e comoda il treno con i servizi di sharing mobility. Con questo obiettivo Rete...

Gruppo FS-Inail: firmato protocollo per la sicurezza sul lavoro

La rilevante dimensione del coinvolgimento del Gruppo FS nella realizzazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR) e la stringente tempistica fissata per il completamento delle opere...

Duegi Editrice di Padova entra in Fondazione Fs: nuovi progetti in programma

La Duegi Editrice di Padova entra in Fondazione Ferrovie dello Stato Italiane. La casa editrice italiana è specializzata nel settore del trasporto su rotaia e nel modellismo...