10 anni dell’Agenzia Nazionale per la Sicurezza delle Ferrovie: la storia in un volume

CONDIVIDI

venerdì 15 giugno 2018

L’Agenzia Nazionale per la Sicurezza delle Ferrovie è nata il 16 giugno 2008. L’Italia ha recepito una direttiva comunitaria che imponeva un’autorità terza per la regolazione e il controllo della sicurezza sui binari in un momento in cui il mercato ferroviario si stava aprendo alla concorrenza. In questo scenario, l’Italia è stata al passo con le scelte europee ed oggi è l’unico paese nell’Ue che può vantare due operatori sull’Alta velocità, oltre a molte imprese private che operano nel cargo ferroviario.

Per celebrare il decennale, l'ANSF ha preparato un volume da oggi disponibile sul sito www.ansf.it. La pubblicazione ripercorre le tappe più importanti del percorso intrapreso, racconta la storia di un’istituzione che, partendo da competenze nate in un contesto monopolista, è stata in grado di garantire autonomia e terzietà, di procedere al riordino normativo e di affrontare nuove e importanti sfide. In primis, la giurisdizione sulle ferrovie regionali interconnesse e sulle reti isolate, oltre a guardare all’entrata in vigore del IV Pacchetto ferroviario che dal prossimo anno cambierà competenze ed equilibri in Europa e negli Stati membri.

“Credo che in questi 10 anni siamo stati compiuti passi importantissimi per lo sviluppo armonico del mondo ferroviario – ha dichiarato Amedeo Gargiulo, direttore di ANSF -  Li abbiamo ricostruiti nel libro “10 anni dell’Agenzia Nazionale per la Sicurezza delle Ferrovie”, frutto del lavoro collettivo di tutti i settori dell’ANSF. Abbiamo voluto creare un documento utile, aderente alla realtà, celebrativo quanto basta: una vera testimonianza di un lavoro innovativo e di costante vigilanza sul settore. Ringrazio ancora una volta chi ha collaborato a questa realizzazione”.

Il libro è composto da 18 capitoli firmati da dirigenti, professionisti e funzionari dell’Agenzia a cui si aggiunge la premessa di Alberto Chiovelli, direttore dell’ANSF dal 2008 al 2014, l’introduzione di Amedeo Gargiulo, attuale direttore, e un inserto che celebra la bellezza del mondo ferroviario anche grazie a molte fotografie messe a disposizione dalla Fondazione FS.

I capitoli ripercorrono le diverse tappe partendo da una breve storia delle ferrovie in Europa fino alla nascita dell’ANSF in Italia, inquadrandola all’interno della liberalizzazione del mercato. Si descrive poi il ruolo istituzionale dell’Agenzia, le competenze, l’organizzazione e la funzionalità. Un capitolo è dedicato al lavoro condotto per il riordino normativo sfociato nel decreto 4 del 2012. Vengono affrontati temi come lo sviluppo tecnologico della rete e l’interoperabilità dei veicoli ferroviari nel contesto nazionale. Viene inoltre affrontata la questione legata alla licenza europea del macchinista, le pratiche per il riconoscimento e accreditamento, la manutenzione dei veicoli e dell’infrastruttura, l’evoluzione della supervisione da parte di ANSF attraverso attività di audit e ispezioni. Alcune pagine sono dedicate all’analisi statistica dell’andamento dell’incidentalità in questi 10 anni, mentre viene raccontata l’attività di comunicazione e di divulgazione dell’educazione ferroviaria, il rapporto con partner istituzionali e con le autorità europee.

Infine, le prospettive future. Una su tutte: “l’attenzione maggiore dovrà essere rivolta al mantenimento, e ove possibile, anche all’innalzamento ulteriore, dei livelli di sicurezza che si sono raggiunti nella sicurezza ferroviaria – scrive Gargiulo nel capitolo conclusivo - Il presidio della safety è infatti la mission dell’Agenzia ed è quello che i viaggiatori si aspettano e giustamente pretendono. Per continuare su questo trend positivo è necessaria tanta concentrazione, tanta determinazione e una grande sensibilità per cogliere quei segnali, anche minimi, che arrivano dall’esercizio e che possono essere indicatori di un calo dell’attenzione, con particolare riferimento alla manutenzione cioè al mantenimento del livello garantito dai grandi investimenti pubblici fatti nel settore.  Per queste motivazioni l’Agenzia dovrà aumentare ulteriormente la propria vigilanza e dovrà, grazie anche alle assunzioni programmate per il 2018, istruire e fare crescere dei giovani ai quali trasmettere il prezioso know how che, essendo relativo ad un settore di alta specializzazione, non è acquisibile solamente sui libri ma ha bisogno di un processo osmotico basato sull’esperienza pluridecennale di tanti addetti presenti in Agenzia”.

Tag: ansf, ferrovie

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Ferrovie Puglia: dal Pnrr un miliardo di euro per il rilancio

Un rilancio da un miliardo di euro grazie per i 474 chilometri di linea di Ferrovie del Sud Est: è quello avviato grazie al Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza e al centro di un recente...

Ferrovie: parte il Treno della Dolce Vita, il nuovo Orient Express d’Italia

Scoprire le bellezze del Bel Paese affacciati dal finestrino di un convoglio ferroviario di lusso che richiama l’atmosfera degli anni Sessanta, con la loro voglia di godere della bellezza e dei...

Stazioni ferroviarie d'Italia: Framura, lo scalo con vista sul Mar Ligure

Prosegue la rubrica dedicata alle stazioni ferroviarie d'Italia. Un appuntamento quindicinale che ci condurrà alla scoperta delle stazioni più important...

Presentato il nuovo orario di Trenitalia per la stagione estiva 2021

È stato presentato l’orario estivo 2021 di Trenitalia pensato dalla società del Gruppo Fs Italiane per connettere i territori attraverso una mobilità integrata e...

Stazioni ferroviarie d'Italia: a Piombino tra turismo e industria

Prosegue la rubrica dedicata alle stazioni ferroviarie d'Italia. Un appuntamento quindicinale che ci condurrà alla scoperta delle stazioni più important...

Ferrovie dello Stato: nuovo Consiglio di amministrazione, Nicoletta Giadrossi presidente

Si rinnovano i vertici di Fs. Il ministero dell'Economia e delle Finanze, d'intesa con il ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili, ha indicato i nominativi del nuovo...

Stazioni ferroviarie d'Italia: Aica, un importante scalo militare in Val Pusteria

Prosegue la rubrica dedicata alle stazioni ferroviarie d'Italia. Un appuntamento quindicinale che ci condurrà alla scoperta delle stazioni più important...

Porto di Livorno: Mercitalia Shunting & Terminal gestirà lo spostamento merci per 5 anni

Gli spostamenti merci nel porto di Livorno e i movimenti dai binari di corsa ai binari di presa in consegna degli impianti di Livorno Calambrone e Livorno Darsena saranno gestiti dal Gruppo FS...