Porti del Mare Adriatico Centrale: passeggeri e merci in crescita nel segno della sostenibilità

CONDIVIDI

giovedì 6 ottobre 2022

I porti del Mare Adriatico Centrale nel 2021 hanno movimentato 11,9 milioni di merci, registrando una crescita del 21% rispetto al 2020, e hanno accolto 729.067 passeggeri in transito, in aumento del 92% rispetto al 2020.

Prosegue inoltre l’impegno dei porti per la sostenibilità economica, sociale e ambientale, come attestato nel primo Bilancio di sostenibilità redatto dall’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Centrale, un documento che raccoglie quanto attuato nel 2021 e che presenta le indicazioni operative del prossimo futuro.

“La vera sfida sarà lo sviluppo complessivo del sistema e di ogni singolo porto secondo le proprie ambizioni e caratteristiche – spiega il presidente dell’Autorità di sistema portuale, Vincenzo Garofalo –. L’obiettivo che dobbiamo raggiungere sarà quello di crescere nei traffici, negli scambi e nell’economia valorizzando le doti di ogni scalo e rafforzando la ricaduta positiva che possono generare sulle comunità di Marche e Abruzzo, grazie alle capacità di moltiplicatore che posseggono i porti, tassello fondamentale per esaltare le specificità dei territori. Per fare ciò terremo un confronto continuo con le istituzioni, le imprese, gli operatori portuali e con le comunità”.

Fra le priorità dell’Autorità di sistema portuale, la volontà di cogliere le opportunità di crescita e sviluppo utilizzando efficacemente i fondi nazionali e del Pnrr a disposizione, per circa 200 milioni di euro. “È necessario – aggiunge il presidente Garofalo – concludere l’iter del Documento di programmazione strategica di sistema portuale. Sono questi gli strumenti di programmazione e finanziari di riferimento per assicurare la transizione dei porti del mare Adriatico centrale verso uno sviluppo sostenibile, elemento orizzontale presente in ogni azione di crescita degli scali”.


Sostenibilità, digitalizzazione e cooperazione istituzionale

Rimane centrale per l’AdSP il tema dello sviluppo sostenibile, presente in ogni azione di crescita degli scali, alla base del potenziamento e la manutenzione delle infrastrutture e il miglioramento delle connessioni terrestri da cui possono venire ulteriori spinte per la crescita dei volumi degli scali, da Pesaro a Vasto, e per dare concretezza allo sviluppo delle Zone economiche speciali.

I porti proseguono il proprio percorso di digitalizzazione, il lavoro per il ripristino dei fondali e la relativa gestione dei sedimenti, l’incremento della qualità delle acque costiere, la gestione dei rifiuti e la riduzione delle emissioni marine. Quest’ultime grazie agli investimenti per la realizzazione di impianti di “cold-ironing”, con lo scopo di abbattere l’inquinamento delle navi grazie all’elettrificazione delle banchine.

Fra le azioni elencate nel Bilancio di sostenibilità centrale è anche un’organizzazione della struttura capace di rispondere con tempismo ed efficacia alle richieste degli operatori e ai cambiamenti dei mercati e delle priorità di policy, della security e della prevenzione sul lavoro.

“Il principale sforzo sarà quello di dare pieno compimento ai documenti programmatici e organizzativi approvati dal Comitato di gestione nel corso del 2022 – spiega il segretario generale dell’Autorità di sistema portuale del mare Adriatico centrale, Salvatore Minervino –, il Piano integrato di attività e organizzazione, nella sua prima applicazione, e il Piano operativo triennale, valorizzando appieno i recenti investimenti volti a digitalizzare le procedure interne ed esterne dell’Autorità di sistema, tra cui lo Sportello unico amministrativo”.

Sarà prioritaria, per l’AdSP, anche la prosecuzione di una cooperazione con le istituzioni collegate all’ambito portuale per proseguire i progetti di innovazione tecnologica indispensabili al miglioramento della competitività dell’Autorità di sistema portuale e dei porti e al supporto allo sviluppo economico del territorio.

Tag: porto di ancona, sviluppo sostenibile

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Sostenibilità: le strategie di Man Truck & Bus per il post-utilizzo delle batterie

Individuare una strategia di post-utilizzo per le batterie dei camion comincia a diventare un'esigenza imprescindibile per le case costruttrici impegnate nella transizione energetica. Secondo il...

Roma: pronto il calendario 2022-2023 delle domeniche ecologiche

La Giunta Capitolina rinnova l'impegno relativo alle domeniche ecologiche. E' pronta la programmazione del calendario predisposto dall’Assessorato all’Agricoltura, Ambiente e Ciclo dei...

Sviluppo sostenibile: il Sud come cerniera tra Europa e Mediterraneo, le proposte dell'Asvis

"Il Sud come cerniera sostenibile tra Europa e Mediterraneo" è il titolo dell'evento organizzato dall'ASviS, l'Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile al porto di Napoli a bordo della...

Industria Italiana autobus e la portoghese CaetanoBus produrranno bus a idrogeno

Lo sviluppo della mobilità sostenibile e la transizione delle fonti energetiche costituiscono uno degli assi portanti del Pnrr. E il settore del trasporto pubblico locale gioca un ruolo...

Torino: in arrivo 100 biciclette elettriche per una mobilità urbana intermodale

Le biciclette elettriche rappresentano un mezzo pratico e sostenibile: consentendo anche di coprire distanze elevate, si adattano a ogni esigenza di spostamento urbano e offrono una modalità...

Giovannini: una nautica da diporto più sostenibile grazie al nuovo regolamento

Apre i battenti il 62° Salone nautico a Genova. Presente all'inaugurazione anche il ministro Giovannini, il quale ha annunciato che il regolamento per la nautica da diporto è pronto e...

Dall'Ue 292 milioni per rafforzare colonnine e stazioni di rifornimento di idrogeno

Dall'installazione di stazioni di ricarica elettrica lungo la rete stradale alla creazione di stazioni di rifornimento di idrogeno per auto, camion e autobus, all'elettrificazione dei servizi di...

Transizione energetica. Giovannini: in 18 mesi un piano da oltre 500 miliardi

Un piano di investimenti infrastrutturali da oltre 500 miliardi in 18 mesi, fondi a valere sulla visione descritta nell’Allegato Infrastrutture al Documento di Economia e Finanza.Questi i...