Sciopero taxi: al via due giorni di protesta contro il Ddl Concorrenza

CONDIVIDI

martedì 5 luglio 2022

È cominciato oggi alle 8 lo sciopero nazionale di 48 ore dei tassisti per chiedere lo stralcio o la modifica dell'articolo 10 del Ddl Concorrenza. (Ne avevamo parlato qui).

Il provvedimento prevede, tra l’altro, l’utilizzo di App di intermediazione gestite da enti terzi per regolamentare l’accesso e la chiamata dei mezzi da parte dell’utente senza responsabilità diretta nel trasporto da parte dei vettori.

A Piazza della Repubblica, a Roma, si prevede la concentrazione dei conducenti delle auto bianche che sfileranno per le vie del centro per raggiungere Piazza Venezia in corteo.

Ieri la viceministra delle Infrastrutture e Mobilità sostenibili Teresa Bellanova aveva convocato due incontri al Mims, prima con le rappresentanze sindacali dei tassisti e poi degli ncc.
La viceministra ha spiegato che il governo ha avanzato un’ipotesi di lavoro confermando la disponibilità a ricercare le condizioni per un testo condiviso. "Abbiamo manifestato la disponibilità a riscrivere - ha detto Bellanova - l’articolo 10 senza però stravolgere l’impianto del Ddl: rafforzare la funzione integrativa e complementare degli autoservizi pubblici non di linea rispetto al TPL con l’obiettivo di creare nuove opportunità per gli operatori; mantenere la distinzione tra taxi ed ncc; introdurre una disciplina specifica delle attività delle piattaforme elettroniche; rafforzare le misure di prevenzione e contrasto dell’esercizio abusivo anche tramite l’attuazione del registro nazionale degli operatori del settore e l’introduzione delle targhe professionali; rafforzare la tutela degli utenti; garantire la formazione professionale degli autisti e promuovere lo svolgimento dell’attività in forma associativa o cooperativa. Continuiamo a ritenere che ci siano tutte le condizioni per proseguire il confronto. Per questo ho parlato di Tavolo permanente del settore, con l’affidamento reciproco e l’obiettivo di calendarizzare mensilmente gli incontri per l’attuazione della Legge delega”.

"Al momento - conclude la Viceministra Bellanova - al Tavolo non è stato possibile raggiungere l’intesa" e le organizzazioni e le associazioni di categoria, "pur manifestando apprezzamento per le modifiche prospettate dal Governo", hanno appunto confermato lo sciopero già indetto.

Le ragioni della protesta secondo CNA Taxi Veneto

Daniela Campostrini, Presidente Regionale CNA Taxi Veneto, ha spiegato che il provvediemnto rappresenta "un danno per la categoria. Siamo consapevoli della necessità di una transizione verso il digitale, ma così come è scritto l’art. 10 del DDL Concorrenza per la categoria non può andare bene: sottostare a una App di intermediazione senza responsabilità dei vettori nei confronti dei passeggeri significherebbe ridurre la nostra categoria a semplici ‘rider di mobilità’, lavoratori subordinati ad una o più multinazionali, senza autonomia, senza identità e senza più alcuna caratterizzazione di servizio pubblico. Il nostro modello si fonda, invece, sulla cooperazione e sull’artigianato, garantiti dall’art. 47 della Costituzione. Noi siamo a favore di una App di interconnessione che consenta di traghettare verso il digitale mantenendo la nostra identità, sostenendo la categoria, tutelando le micro imprese artigiane e la qualità del servizio. Lo sciopero indetto per martedì 5 e mercoledì 6 luglio ha lo scopo di chiedere lo stralcio, o in subordine un’adeguata riscrittura dell’art 10 del DDL Concorrenza che tenga conto del completamento dell’iter legislativo di approvazione della Legge 12 del 2019, nella quale vengono stabilite la disciplina e le piattaforme di intermediazione"

Tag: sciopero trasporti, taxi, ncc

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Sciopero trasporti 2 dicembre: ecco le corse garantite dei bus Cotral

Venerdì 2 dicembre ci sarà uno sciopero generale nazionale che coinvolgerà anche il settore del trasporto pubblico (leggi l'articolo qui). Le organizzazioni sindacali Cobas e...

Sciopero trasporti 2 dicembre: ecco le modalità a Bologna e Ferrara

Venerdì 2 dicembre uno sciopero generale nazionale di 24 ore di tutte le categorie pubbliche e private metterà in difficoltà anche il mondo dei trasporti (leggi l'articolo...

Sciopero nazionale: venerdì 2 dicembre bus, metro e treni a rischio stop

Venerdì 2 dicembre 2022 tutte le organizzazioni del sindacalismo di base italiane hanno proclamato lo sciopero generale intercategoriale nazionale di 24 ore. Sono interessati tutti i settori...

Sciopero trasporti: a Roma chiusa la metro A, a Milano linee operative

Giornata di sciopero nazionale dei trasporti oggi, 11 novembre. I sindacati hanno annunciato 4 ore di stop, con orari variabili in base alle città.  A Roma lo sciopero in Atac ha portato...

Venerdì 11 novembre sciopero del trasporto pubblico a Roma

Venerdì 11 novembre possibili disagi per chi deve spostarsi con i mezzi pubblici a Roma a causa dello sciopero di 4 ore del trasporto pubblico locale, dalle 8.30 alle 12.30. La protesta...

Trasporto pubblico: venerdì 21 ottobre sciopero di quattro ore di Roma Tpl

Venerdì 21 ottobre possibili disagi per i pendolari e per quanti devono raggiungere il centro della Capitale attraverso le linee periferiche romane a causa dello sciopero di 4 ore, dalle 8.30...

Domenica 9 ottobre sciopero del personale Trenord: possibili disagi per chi viaggia in Lombardia

Possibili disagi per chi dovrà spostarsi in treno sul territorio della Lombardia nel prossimo fine settimana. Dalle 21.00 di sabato 8 ottobre alle 21.00 di domenica 9 ottobre è stato...

Primo test per l'aerotaxi che collegherà Fiumicino e Roma: guarda il video

A distanza di un anno dal lancio del primo prototipo, Aeroporti di Roma, Volocopter, UrbanV e Atlantia hanno effettuato questa mattina il primo volo di un eVTOL equipaggiato in Italia. Un evento che...