Stazioni ferroviarie d'Italia: a Napoli Centrale, principale scalo dell'Italia meridionale

CONDIVIDI

giovedì 19 agosto 2021

Prosegue la rubrica dedicata alle stazioni ferroviarie d'Italia. Un appuntamento quindicinale che ci condurrà alla scoperta delle stazioni più importanti, più antiche o più suggestive del nostro Paese.

Qui l’articolo precedente.

La stazione di Napoli Centrale fu costruita tra il 1861 e il 1866 dall'architetto Alvino, negli stessi anni in cui a Roma veniva realizzata quella di Termini. Le analogie tra le due opere sono evidenti ed entrambe, con la loro ricostruzione, furono arretrate di circa 250 metri, così da creare una sconfinata piazza frontale (nel capoluogo campano Piazza Garibaldi).

Con il suo tetto particolare a piramidi, è il principale scalo ferroviario dell'Italia meridionale con un traffico passeggeri di circa 50 milioni all’anno, dovuto anche alla crescita dell’Alta Velocità. Nell’atrio è stata costruita un’area servizi chiamata “Diamante” per la sua particolare forma, mentre le grandi vetrate hanno aumentato la luminosità all’interno degli spazi; è presente anche un’area di 2500 mq dedicata allo shopping.

Ovviamente nel 1866 non era così! Inizialmente era costituita da soli 6 binari (adesso ne ha 23) e da tre padiglioni principali circondati da un giardino all’interno del quale vi era la fontana della Sirena. Al lato dell’edificio centrale, nei decenni successivi, fu realizzato l’ulteriore scalo di Napoli Piazza Garibaldi, a servizio della linea metropolitana Pozzuoli-Gianturco e dei treni che attraversavano il passante di Napoli; questa fermata esiste ancora ma si trova nel sottosuolo ed è collegata con un accesso diretto alla stazione centrale. Allora il traffico dei treni era regolato da due enormi orologi collocati in posizione centrale, uno rivolto verso i binari, l’altro verso la piazza; il primo venne distrutto dai bombardamenti della guerra, il secondo venne prima sostituito con uno più moderno a sfondo nero a cifre arabe e poi eliminato con la costruzione della nuova stazione nel 1960.

La vocazione storica della stazione

La storia della ferrovia italiana è strettamente legata a Napoli e alle sue tratte ferroviarie; nel 1839 infatti venne realizzata la prima linea d'Italia che univa il capoluogo campano a Portici.

Per rimanere sul tema storico, ogni anno viene effettuato il Pietrarsa Express, un treno composto da carrozze anni 30 che da Napoli ha come destinazione il Museo nazionale ferroviario di Pietrarsa. Ogni 2 giugno alle 11:30 invece, in contemporanea con le principali stazioni d’Italia, squillano le trombe e rullano i tamburi delle fanfare e delle bande dell’Esercito Italiano; questo per commemorare la Festa della Repubblica proprio in quei luoghi, come i grandi scali ferroviari, che per importanza logistica hanno svolto un ruolo fondamentale nella gigantesca opera di ricostruzione, all’indomani della Seconda Guerra Mondiale.

A Napoli Centrale c’è anche il progetto dei “pianoforti condivisi”; Grandi Stazioni ha donato questo strumento a chi ha voglia di suonarlo liberamente e anche per coloro che passando di lì in attesa del proprio treno possono ascoltare e cantare le improvvisate sessioni musicali.

Tag: stazione, ferrovie

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Sostenibilità: Eridania, con Mercitalia Rail risparmiate oltre 400 tonnellate di CO2 nel 2021

Eridania, marchio della dolcificazione italiana, si affida al trasporto su ferro e con Mercitalia Rail (Gruppo Fs Italiane) ha tolto dalla strada in un anno 547 camion con un conseguente...

Dalla collaborazione Nato-Enea nasce il sistema per proteggere aeroporti, stazioni e metro dagli attentati

La protezione degli spazi pubblici è un settore in continua espansione, che in particolare dall’inizio degli anni Duemila ha posto con sempre maggiore incisività l’urgenza...

Gruppo FS: 1,6 miliardi per autoproduzione di energia pulita ed efficientamento di treni e stazioni

Un’accelerata decisa verso la decarbonizzazione dei trasporti attraverso la produzione di energia rinnovabile grazie a pannelli fotovoltaici installati sui tetti delle stazioni, delle officin...

Gruppo FS, Piano Industriale 2022-2031: 190 miliardi di investimenti. Previsto raddoppio del volume merci su rotaia

Favorire il trasporto multimodale, raddoppiare il trasporto merci su ferro e coprire il 40% del fabbisogno energetico attraverso l’autoproduzione da fonti rinnovabili. Sono questi alcuni dei...

Transpotec Logitec: TotalEnergies e AS 24 presenti con i servizi dedicati ai professionisti del trasporto

I nuovi servizi e prodotti di TotalEnergies Marketing Italia e AS 24 Italia dedicati ai professionisti del trasporto, sono stati presentati all’edizione 2022 del Transpotec Logitec.AS 2...

Gruppo FS: puntare sull'intermodalità per lo sviluppo del traffico merci verso il nord Europa

“Il nuovo piano industriale del Gruppo FS prevede obiettivi ambiziosi nel campo della logistica e nel miglioramento del traffico merci verso l’Europa. Puntiamo a sviluppare maggiori...

Gruppo FS: 3 mld di finanziamenti per nuovi convogli e infrastruttura Alta Velocità

Emissione di nuovi bond e ricorso ad altri strumenti di provvista a medio/lungo termine per un importo complessivo massimo di 3 miliardi di euro. Le emissioni, a valere sul Programma EMTN quotato...

Rendere le stazioni ferroviarie hub della mobilità condivisa: intesa RFI-Osservatorio Sharing Mobility

Rendere le stazioni ferroviarie dei veri e propri hub della mobilità condivisa, integrando in maniera efficace e comoda il treno con i servizi di sharing mobility. Con questo obiettivo Rete...