La rinascita dei treni notturni in Europa: comodi, sostenibili e amati dai giovani

CONDIVIDI

giovedì 24 febbraio 2022

Il treno sta attraversando una una fase di rinnovato interesse come mezzo di viaggio veloce, comodo, flessibile e sostenibile. Poter raggiungere in ridotto spazio di tempo il centro città, grazie alle linee ad alta velocità, avere la possibilità di cambiare biglietto agevolmente in caso di necessità e non avere vincoli di dimensioni bagaglio rappresentano degli oggettivi punti di vantaggio rispetto ai viaggi aerei, insieme a un’attenzione sempre più significativa al valore aggiunto di un mezzo che permette di abbattere considerevolmente le emissioni.

E insieme all’interesse per il treno in generale, si sta rafforzando progressivamente l’interesse in tutta Europa per i treni notte.

Su questo aspetto in particolare ha fatto il punto il convegno organizzato a Parigi dal ministero dei Trasporti francese, La rinascita dei treni notturni in Europa, a cui ha partecipato anche la presidente di Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo FS), Anna Masutti.

 

L’impegno di RFI per lo sviluppo del settore lunga percorrenza

Nel panel Accesso trasparente a una rete ferroviaria di qualità: le sfide della gestione dell'infrastruttura adatto per i treni notturni, Anna Masutti ha evidenziato l’impegno di RFI per lo sviluppo in Italia del settore lunga percorrenza sia giorno sia notte, attraverso le strategie messe in campo per il potenziamento della rete ferroviaria, anche con il supporto dei fondi del PNRR e di Next Generation Europe, per traguardare gli obiettivi di shift modale (auspicando il sostegno di politiche nazionali e comunitarie), ripresa, rilancio e sviluppo del Paese, transizione digitale e green. Sempre con una grande attenzione alla sostenibilità sociale, ambientale ed economica.

In particolare, la presidente di RFI ha sottolineato come sul segmento dei treni a lunga percorrenza si stia assistendo di fatto a un ritorno di interesse verso i treni notturni, che dopo un certo declino per lo sviluppo del trasporto aereo low cost e dei servizi alta velocità, sta vivendo una rinascita e catalizzando l’attenzione dei cittadini delle istituzioni e anche dell'industria manifatturiera.

Sul tema si sta attivando una cooperazione fra gli Stati europei.

RFI – ha spiegato Masutti – partecipa ai tavoli del Prime, un gruppo di lavoro composto dai Gestori dell’infrastruttura europei che, in collaborazione con la Commissione Europea, sta portando avanti uno studio per individuare e promuovere le strategie di rilancio del segmento notte. Emerge sempre con più evidenza che sulle rotte di più corto raggio il treno è il mezzo più sostenibile e temporalmente conveniente, considerando accessibilità, tempi accessori, comfort ed esperienza di viaggio. Un servizio, quello dei treni notte, che sembra trovare forte gradimento soprattutto fra i giovani e la parte di popolazione più sensibile ai temi ambientali”.

 

Cooperazione tra vettori e integrazione modale

Il dibattito è stato anche occasione per portare in luce come il tema dell’integrazione aereo-treno possa in realtà essere visto in termini di cooperazione tra i vettori e integrazione modale.

Lo shift modale da aereo a treno sul corto raggio – come evidenziato dalla presidente RFI – può consentire, infatti, di liberare slot orari in favore di voli di lungo raggio, il che si tradurrebbe in una migliore produttività per gli aeroporti e per i vettori aerei. Inoltre, il potenziamento del trasporto ferroviario in connessione con gli aeroporti può migliorarne l’accessibilità per gli spostamenti di lungo raggio in maniera efficiente e ambientalmente sostenibile.

“La sfida, in definitiva – ha concluso Masutti – è quella di ricercare gli ambiti di convenienza dei vettori e gli spazi di possibile cooperazione con precisi interventi regolatori a supporto. Queste azioni potranno contribuire a favorire ulteriormente lo sviluppo dei servizi dei treni notte in tutta Europa”.

 

Tag: ferrovie, rfi

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Le ferrovie greche da oggi parlano italiano: il Gruppo FS presenta Hellenic Train

“Con Hellenic Train inizia il tempo nuovo anche della mobilità greca. Vogliamo dare, insieme alle istituzioni elleniche, un concreto contributo per la costruzione di un nuovo modello di...

RFI al lavoro sull’infrastruttura ferroviaria in estate: previste chiusure e cancellazioni

Mantenere alti i livelli di sicurezza, potenziare le infrastrutture ferroviarie e migliorarne le prestazioni. Queste le ragioni per cui nelle prossime settimane Rete Ferroviaria Italiana ha...

RFI: pubblicato il bando di gara per la realizzazione del collegamento ferroviario con l’aeroporto di Venezia

467 milioni di euro, finanziati anche con i fondi del PNRR; 8 km di nuova linea ferroviaria a doppio binario, di cui 3,4 in galleria.Questi i numeri salienti del progetto per la realizzazione del...

Trasporto pubblico: venerdì 17 giugno sciopero bus e metro a Roma. Possibili disagi anche sui treni

Nuovo stop per il trasporto pubblico della Capitale. Venerdì 17 giugno è stato annunciato uno sciopero di 4 ore, dalle 8:30 alle 12:30, indetto tra i lavoratori Atac dai sindacati Usb e...

Anello ferroviario di Roma: riapre dopo 32 anni la Stazione Vigna Clara

È partito questa mattina alle 7.42 il primo servizio regionale di Trenitalia che collega gli oltre 7 km tra la Stazione Vigna Clara di Roma e Valle Aurelia e poi, dopo un altro chilometro e...

Ferrovia: riattivata l'Alta Velocità Roma-Napoli, circolazione in graduale ripresa

Riattivata dal primo pomeriggio di oggi la linea ad Alta Velocità Roma-Napoli. La circolazione dei treni ad alta velocità è in graduale ripresa. Previsto anche il miglioramento...

Roma, treno alta velocità deragliato: modifiche ai collegamenti in vista del ripristino

Traffico ancora sospeso sulla linea alta velocità Roma - Napoli. Proseguono i disagi per chi viaggi in treno.Trenitalia ha spiegato che la circolazione sulla linea Roma - Pescara è in...

RFI: aggiudicata la gara da 2,7 miliardi per tecnologia ERTMS sulla rete ferroviaria nazionale

“Con l’aggiudicazione della gara viene raggiunto anticipatamente, rispetto alla scadenza di dicembre 2022, un altro obiettivo previsto dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza....