Gruppo FS, Piano Industriale 2022-2031: 190 miliardi di investimenti. Previsto raddoppio del volume merci su rotaia

CONDIVIDI

lunedì 16 maggio 2022

Favorire il trasporto multimodale, raddoppiare il trasporto merci su ferro e coprire il 40% del fabbisogno energetico attraverso l’autoproduzione da fonti rinnovabili. Sono questi alcuni dei pilastri del nuovo Piano Industriale 2022-2031 del Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane che mette in campo investimenti per 190 miliardi, presentato oggi a Roma dalla Presidente Nicoletta Giadrossi e dall’Amministratore Delegato Luigi Ferraris.

Sul tavolo, una profonda ridefinizione della governance e una nuova struttura organizzativa che si modulerà attraverso quattro poli di business, ognuno con chiari obiettivi strategici: Infrastrutture, Passeggeri, Logistica e Urbano.
Il Piano, ha spiegato Giadrossi, si fonda su una strategia di sostenibilità basata che ruoterà attorno a  tre pilastri - ambiente, sociale e governance – per portare il Gruppo a essere carbon neutral entro il 2040
“Siamo nel pieno di un grande cambiamento, è necessario essere resilienti e flessibili”, ha detto la Presidente.

I numeri di Fs

Luigi Ferraris, nel suo intervento, ha fornito i numeri del Gruppo: più di 82mila dipendenti, oltre 10mila treni ogni giorno, 1 miliardo di presenze annuali su treni e bus e 45 milioni di tonnellate di merci all’anno; la rete ferroviaria gestita da Rete Ferroviaria Italiana è di 16.800 km, di cui circa 700 km di rete sono dedicati ai servizi alta velocità. Il Gruppo gestisce anche una rete stradale di circa 32.000 chilometri.

L’orizzonte decennale permetterà di affrontare le grandi sfide che attendono il Gruppo, a partire da una nuova e diversa domanda di mobilità passeggeri, caratterizzata dal ritorno a livelli pre-Covid dei viaggi di piacere e turismo entro il 2025 e da un efficientamento della catena logistica, per sostenere lo spostamento modale a favore del ferro.

Le attività del Gruppo, inoltre, dovranno confrontarsi anche con uno scenario inflattivo in crescita, lo sviluppo e il recupero di competenze professionali specifiche e gli eventi climatici sempre più estremi.

I quattro poli d'azione

A queste sfide risponderà il nuovo assetto organizzativo.
Il primo polo di business, quello legato alle infrastrutture, prevede investimenti per 110 miliardi di euro e farà capo a RFI. Punterà a realizzare gli investimenti e potenziare la dotazione trasportistica attraverso nuovi criteri di sostenibilità. Si punta, entro il 2031, a incrementare la capacità ferroviaria del 20%.
Per quanto riguarda Anas, sono previsti investimenti pari a circa 50 miliardi di euro.

Per il polo passeggeri, la parola d’ordine sarà multimodalità, al fine di promuovere il trasporto collettivo. Con oltre 15 miliardi di euro sarà potenziata l’alta velocità, l’integrazione, le soluzioni personalizzate e i servizi a mercato su gomma. Il polo fa capo a Trenitalia.

Mercitalia Logistics si occuperà dello sviluppo del polo logistico. Fs punta a un’evoluzione importante: un passaggio di ruolo da fornitore a operatore multimodale di sistema attraverso partnership e lo sviluppo di collegamenti per l’ultimo miglio, porti e interporti. Un progetto che si avvarrà di 2,5 miliardi di investimenti per raddoppiare il volume delle merci su rotaia. Oggi il trasporto si ferro copre l’11% degli spostamenti sul totale in Italia e il Gruppo copre il 50% di questa percentuale (quindi circa il 5%). L’obiettivo del Gruppo è arrivare al 10%.

Infine, al polo urbano saranno destinati 1,5 miliardi per rigenerare spazi del patrimonio immobiliare, parcheggi, stazioni.

Agli obiettivi fin qui elencati si associa un’attenzione particolare alla transizione ecologica, con un piano di efficientamento e riduzione dei consumi e una serie di attività finalizzate all’autoproduzione da fonti energetiche rinnovabili. Le attività del Gruppo, infatti, richiedono un elevato consumo di energia annuo pari a circa il 2% della domanda nazionale.

Per questa ragione, Ferrovie dello Stato, punta a valorizzare o a riconvertire parte dei propri asset installando impianti di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili, per garantire la copertura almeno del 40% del fabbisogno del Gruppo.

Previsto infine, un piano di assunzioni di oltre 40mila figure nell'arco di piano.

Tag: ferrovie, trenitalia, mobilità sostenibile

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Assiterminal: incentivare l'intermodalità ferroviaria nei porti

Un’accelerazione concreta sull’incentivazione all’intermodalità ferroviaria da e verso i porti, ampliando la vision attraverso tutti i nodi di collegamento tra Reti Ten...

Il personale di Trenitalia a bordo delle navi nello Stretto di Messina

Per migliorare l’esperienza di viaggio e assistere più adeguatamente i passeggeri, Trenitalia dispone il potenziamento del personale anche a bordo delle navi traghetto che ogni giorno...

In Frecciargento da Roma a Genova in meno di 4 ore

Si accorciano le distanze tra Genova, Firenze e Roma. Una revisione degli orari ha permesso a due collegamenti Frecciargento di velocizzare i tempi di percorrenza rispetto al precedente...

Campania: al via la gara d'acquisto per 200 bus ecosostenibili

La Campania prosegue il percorso di rinnovo del parco autobus circolante, con l'obiettivo di garantire ai cittadini campani mezzi adeguati ed ecosostenibili. La Giunta De Luca ha annunciato la...

IBE 2022: IBE Intermobility and Bus Expo si prepara alla X edizione con nuovi espositori, nuovi spazi, nuove alleanze e nuove idee

  IBE Intermobility and Bus Expo, l’appuntamento biennale di Italian Exhibition Group, in agenda dal 12 al 14 ottobre alla Fiera di Rimini, dedicato al trasporto collettivo di person...

Volvo Trucks testa camion a idrogeno: emissioni zero e autonomia fino a 1000 km

Un camion che emette solo vapore acqueo e produce elettricità a bordo: Volvo Trucks ha iniziato a testare veicoli per il trasporto pesante muniti di celle a combustibile alimentate a...

Camion e autobus elettrici: accordo Volvo, Daimler Truck e Traton per sviluppare una rete di ricarica europea

I produttori di veicoli commerciali Volvo Group, Daimler Truck e Traton Group hanno firmato un accordo per creare una joint venture per installare e gestire un impianto ad alte prestazioni per la...

Alimentazioni alternative: con la patente B si potranno guidare veicoli fino a 4,25 tonnellate

Per accelerare la transizione ecologica nel settore dei trasporti, in particolare in quello delle merci nell’ultimo miglio, sarà permesso a i titolari di patenti B di guidare un veicolo...