Guerra e transizione ambientale: le criticità della navigazione al centro dell’Assemblea annuale Confitarma

CONDIVIDI

venerdì 10 giugno 2022

La crisi geopolitica e le conseguenze causate dalla guerra tra Russia e Ucraina hanno complicato negli ultimi mesi le catene di approvvigionamento e i trasporti globali, già messi a dura prova dalla pandemia e alle prese con il delicato momento della transizione ambientale che potrebbe rimettere ulteriormente in discussione equilibri e assetti già pesantemente destabilizzati.

Questi alcuni degli argomenti al centro dell’Assemblea della Confederazione Italiana Armatori, che ha approvato, all’unanimità, il Bilancio consuntivo e la Relazione del Consiglio per l’anno 2021.

In apertura di lavori, il presidente Mattioli ha innanzitutto espresso a Emanuele Grimaldi i migliori auguri per l’incarico che assumerà il 22 giugno prossimo, quale Presidente dell’International Chamber of Shipping (ICS): “Siamo veramente molto orgogliosi di questa nomina che porta per la prima volta un italiano al vertice dell’associazione degli armatori mondiali – ha affermato Mattioli – è senz’altro un riconoscimento alla persona e all’azienda di Emanuele Grimaldi, ma anche all’operato di Confitarma e al ruolo dello shipping italiano che, nonostante le criticità di questi anni mantiene posizioni di grande rilievo nel ranking mondiale con una flotta giovane e tecnologicamente avanzata”.

 

La rivoluzione ambientale e le altre sfide per la navigazione

Grimaldi ha sottolineato la delicatezza dell’incarico che assumerà a breve in questo particolare momento in cui le sfide che la navigazione marittima deve affrontare sono veramente molte. Precisando come a suo avviso la principale preoccupazione non sia rappresentata né dalla pandemia o dalla guerra in Ucraina: la vera e propria rivoluzione da affrontare è quella ambientale. Su questo fronte ha confermato di volersi impegnare fortemente, convinto del fatto che per la transizione ecologica e una concreta decarbonizzazione, lo shipping deve puntare a diverse soluzioni a seconda delle diverse tipologie di navi.

Successivamente, le principali tematiche del settore sono state illustrate da: Mariella Amoretti, vice presidente con delega all’organizzazione interna e al bilancio; Carlo Cameli, presidente GT Porti e Infrastrutture; Cesare d’Amico, presidente del Gruppo di lavoro Cyber/Maritime security; Giacomo Gavarone, presidente GT Risorse umane e Relazioni industriali; Guido Grimaldi, presidente GT Transizione ecologica, tecnica navale, regolamentazione, ricerca e sviluppo; Beniamino Maltese, presidente del GT Finanza e diritto d’impresa; Lorenzo Matacena, presidente GT Trasporti e logistica corto raggio e autostrade del mare); Valeria Novella, vice presidente GT Trasporti e logistica internazionali, regolamentazioni e organismi internazionali e sicurezza; Barbara Visentini, consigliere confederale che coadiuva il vicepresidente Maltese per il marketing associativo e la comunicazione.

Le attività dei Giovani Armatori sono state illustrate dal vicepresidente Giovanni Cinque e quelle del Gruppo Tecnico dal segretario Leonardo Piliego.

 

Le ripercussioni del conflitto russo-ucraino sul trasporto marittimo

La conclusione dei lavori è stata affidata al presidente Mattioli, che si è soffermato in particolare sulle conseguenze del conflitto in Ucraina, che oltre alla drammatica situazione umanitaria, sta creando gravi ripercussioni in generale sugli scambi commerciali e in particolare sui trasporti marittimi che risentono della situazione di incertezza venutasi a creare a seguito delle sanzioni che Unione europea e Stati Uniti hanno imposto alla Russia, spesso basate su regole poco chiare, oltre al crescente fenomeno degli attacchi informatici.

Tag: trasporto marittimo, confitarma

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Appuntamento a Napoli con la settimana internazionale dello shipping e della cultura del mare

Decarbonizzazione ed efficienza energetica; innovazione e digitalizzazione delle navi e dei porti; le risorse marine, la situazione geopolitica e geoeconomica nel Mediterraneo allargato; le sfide che...

Confitarma: semplificare e coinvolgere gli stakeholder per lo sviluppo dei porti e delle ZES

“Le navi e i porti, elementi fondamentali della catena logistica, sono asset strategici ai fini dell’import-export delle merci, della differenziazione delle fonti di approvvigionamento...

Porto di Civitavecchia: partite 120 Maserati verso l’Oriente

Partito dal porto di Civitavecchia il primo viaggio con 120 auto Maserati trasportate su bisarche provevienti dallo stabilimento di Cassino e dirette in Oriente (Cina, Giappone e Australia le...

Norme IMO e Fit for 55: allarme per le conseguenze sui traghetti italiani in due studi di Assarmatori

Nel 2025 il 73% delle navi ro-ro e traghetti italiani risulteranno non ottemperanti alle nuove norme IMO sulle emissioni e quindi potenzialmente non più in grado di navigare. Un vero e proprio...

Porti: in arrivo 220 milioni di euro di contributi per impianti di liquefazione gas e trasporto Gnl

Arrivano contributi per 220 milioni di euro, finanziati dal Fondo Nazionale Complementare (Pnc), per la realizzazione di impianti di liquefazione di gas naturale, di punti di rifornimento nei porti...

Utili in crescita e bilanci positivi: i risultati delle compagnie di navigazione nell'indagine Fedespedi

Il 2021 è stato l’anno della ripresa dopo il difficile 2020 segnato dal Covid; il 2022 avrebbe dovuto essere l’anno della conferma della ripresa, ma lo scoppio del conflitto...

International Chamber of Shipping: Emanuele Grimaldi eletto presidente

L’Assemblea dell'International Chamber of Shipping (ICS) ha eletto Emanuele Grimaldi presidente dell'organizzazione che rappresenta a livello globale le associazioni armatoriali nazionali e...

Porto di Civitavecchia primo in Italia a consentire lo scarico del bitume ship to truck

Arrivata al porto di Civitavecchia la prima nave che scaricherà bitume direttamente sui camion, senza passare da depositi dedicati. Si tratta della Iver Ambassador, proveniente dalla Turchi...