Trasporti internazionali e Brexit: procedure per il transito alla dogana

CONDIVIDI

venerdì 25 giugno 2021

Sono trascorsi sei mesi dalla Brexit e le questioni da risolvere per chi opera nel Regno Unito non sono ancora finite.

Tra le principali criticità registrate figurano la carenza di autisti – sia di conducenti di mezzi pesanti sia di furgoni – e i ritardi per alcune spedizioni che potrebbero aggravarsi con l’entrata in vigore delle nuove regole commerciali a partire dal mese di ottobre.

L'associazione britannica dei corrieri Speedy Freight ha spiegato che i clienti che attualmente affrontano maggiori ritardi (dalle 24 alle 72 ore) sono quelli che spediscono prodotti di origine animale. E per cercare di risolvere alcune di queste problematiche la Dogana francese ha fornito indicazioni in materia doganale agli operatori, per trasporti di merce diretta o proveniente dal Regno Unito.

Con una nota si ricorda che, con l’ingresso del Regno Unito nella convenzione sul transito comune, per le operazioni di transito che riguardano Regno Unito e Francia è ora obbligatorio indicare un ufficio di passaggio (il cosiddetto transit office, codice TRA) nella casella 51 del documento di accompagnamento (TAD). La dogana fornisce anche l’elenco di tali uffici.

Per l’ingresso nel territorio doganale dell’Unione, deve essere indicato un solo ufficio di passaggio.

Modalità di notifica all’arrivo delle merci a destinazione

Sono previste, inoltre, due modalità di notifica all’arrivo delle merci a destinazione.
La prima è la procedura standard in ufficio (presso l’ufficio di destinazione); la seconda è semplificata presso le sedi di un destinatario abilitato.

Nel caso della procedura standard, la normativa sul transito, il codice doganale e la convenzione sul transito comune prevedono che il regime di transito si concluda quando le merci, il documento di accompagnamento e le altre informazioni siano presenti nell’ufficio doganale di destinazione che notifica l’arrivo delle merci.

Il trasportatore e qualsiasi altra persona che riceva le merci, consapevole che sono state vincolate al regime del transito, sono responsabili della presentazione delle merci all’ufficio doganale di destinazione.

Nel caso della procedura presso le sedi del destinatario abilitato (semplificazione doganale), quest’ultimo deve notificare l’arrivo delle merci tramite il sistema britannico Delta T.
Se la notifica non viene fatta, si attiva una procedura di ricerca che può concludersi con un procedimento esecutivo per il recupero di dazi e imposte.

Si sottolinea anche che la notifica di arrivo delle merci deve avvenire solo quando le merci sono effettivamente arrivate nelle sedi indicate sull’autorizzazione del destinatario abilitato.

Quando il traffico si verifica in senso inverso è obbligatorio indicare un ufficio di passaggio.
Nel caso di un transito che parte dall’Ue verso il Regno Unito, l’ufficio di passaggio è posto Oltremanica (la nota della dogana fornisce un elenco). Si dovrà segnalare qualsiasi difficoltà all’ufficio doganale francese interessato all’operazione di transito.

Tag: brexit

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Brexit, Logistic Uk lancia l'allarme: porti paralizzati in estate?

Il monito arriva da Logistics Uk, il principale ente commerciale logistico del Regno Unito. Le conseguenze della Brexit potrebbero danneggiare i traffici commerciali a partire dalla prossima...

Carenza di autisti nel Regno Unito: situazione in miglioramento in base agli ultimi dati delle associazioni di categoria

Nel Regno Unito è in atto un’inversione di tendenza del problema rappresentato dalla carenza di autisti di mezzi pesanti e di altri lavoratori della logistica venutosi a creare nei mesi...

Brexit: facilitare le operazioni di sdoganamento e agevolare l’e-commerce

Cosa comporta il nuovo obbligo di dichiarazione, è necessario dotarsi di un centro logistico proprio in loco e in che modo si possono organizzare con affidabilità spedizione, trasporto...

Regno Unito: appello per trovare 300 autisti stranieri, rispondono solo in 127

Solo 127 autisti di mezzi pesanti hanno fatto richiesta, dall'estero, per il visto temporaneo di lavoro nel Regno Unito dopo la Brexit. Il governo sta offrendo circa 300 visti immediati rivolto ad...

In Regno Unito manca il carburante, priorità al personale medico

Accesso prioritario ed esclusivo ad alcune pompe di benzina ai lavoratori dei servizi essenziali, a cominciare dai medici. E' questa la soluzione a cui sta pensando il governo britannico per il piano...

Il lungo colpo di coda della Brexit: Made in Italy a rischio

In pericolo 3,6 miliardi di valore annuale delle esportazioni agroalimentari Made in Italy in Gran Bretagna, che nel 2021 per la prima volta da almeno un decennio risultano in calo (-2%). Gli...

Regno Unito: stazioni di servizio chiuse a causa della carenza di camionisti

La chiusura di alcune stazioni di rifornimento di carburante nel Regno Unito ha riacceso la discussione sulla carenza di autisti dei camion che dovrebbero trasportare i rifornimenti. Secondo quanto...

Gran Bretagna: patenti, iter più snello per diventare autotrasportatore

Il sistema dei test del governo britannico per le patenti dei camionisti è in procinto di essere riformato.  L'obiettivo è snellire la procedura per far fronte alla penuria di...