Brexit: l'Europarlamento approva l'accordo commerciale UE-UK

CONDIVIDI

mercoledì 28 aprile 2021

La questione Brexit tiene ancora col fiato sospeso tutto l'Europa a causa, soprattutto, delle conseguenze che potrebbe avere sui traffici commerciali.

Proprio in questi giorni il Parlamento europeo ha approvato a larga maggioranza l'accordo che stabilisce le regole delle future relazioni Ue-Regno Unito.

Con l'approvazione del Parlamento, l'accordo entrerà in vigore, dopo il voto formale del Consiglio, il 30 aprile.

Il 24 dicembre 2020 i negoziatori Ue e del Regno Unito avevano trovato la quadra sull'accordo commerciale e di cooperazione che stabilisce i termini della futura cooperazione. Per ridurre al minimo le perturbazioni, l'accordo è stato applicato provvisoriamente dal 1° gennaio 2021. Il consenso del Parlamento è necessario affinché l'accordo entri in vigore in modo permanente, prima della sua scadenza il 30 aprile 2021. Con l'approvazione in plenaria, l'accordo entrerà in vigore, dopo il voto formale del Consiglio, il 30 aprile prossimo.

Obiettivo limitare le conseguenze negative dell'uscita del Regno Unito

Nella risoluzione preparata dal gruppo di coordinamento per il Regno Unito e dalla Conferenza dei presidenti, il Parlamento accoglie favorevolmente la conclusione dell'Accordo commerciale e di cooperazione che limita le conseguenze negative dell'uscita del Regno Unito dall'Ue, considerato dal Parlamento un "errore storico", in quanto "nessun Paese terzo può godere degli stessi benefici di uno membro".

La plenaria dà poi un giudizio positivo anche sull'Accordo commerciale a zero quote e zero tariffe tra l'Ue e il Regno Unito e le garanzie sulle regole per la concorrenza leale, che "potrebbero servire come modello per futuri accordi commerciali". Inoltre, il Parlamento è d'accordo con le disposizioni riguardanti, tra l'altro, la pesca, i consumatori, il traffico aereo, l'energia e la protezione dei dati. Tuttavia, i deputati deplorano che il Regno Unito "non abbia voluto che l'accordo si estendesse alla politica estera, di sicurezza e di sviluppo e non abbia voluto confermare la propria partecipazione al programma di scambio di studenti Erasmus+".

Il Pe chiede al Governo britannico "di agire in buona fede e di attuare pienamente i termini degli accordi che ha firmato", compreso il protocollo sull'Irlanda e l'Irlanda del Nord, e di applicarli "secondo il calendario stabilito congiuntamente con la Commissione europea". Infine, i deputati sottolineano che il Parlamento "deve svolgere un ruolo rilevante nel monitoraggio dell'applicazione dell'accordo, anche attraverso un coinvolgimento in possibili future azioni unilaterali dell'Ue nell'ambito dell'intesa".

Tag: brexit, trasporto merci, trasporti internazionali

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Federauto Trucks&Van: autotrasporto ancora in difficoltà, manca continuità nei sostegni

Le difficoltà delle aziende dell'autotrasporto, costrette a fronteggiare i costi elevati dei carburanti, sono seguite con attenzione e apprensione da Federauto Trucks&Van. Nonostante la...

TDV Group entra nella rete ASTRE Italia

ASTRE Italia ha annunciato l’ingresso nella Rete di un nuovo socio: TDV Group, società portoghese operativa dal 1977.ASTRE è il 1° Raggruppamento europeo di...

Polo Logistico Gruppo FS: Fit-Cisl, necessario un concreto rilancio del cargo ferroviario

Grande interesse è stato espresso dalla Fit-Cisl per il nuovo Piano industriale del Gruppo Fs Italiane, che prevede anche la riorganizzazione delle società in quattro Poli di...

La ferrovia del Brennero al limite, Anita sollecita l'eliminazione divieti di transito

Le questioni aperte e le sfide che deve affrontare oggi la filiera del trasporto merci sono state al centro dell'incontro che si è svolto a Roma tra il Ministro delle Infrastrutture...

Mare: dall'Istituto Italiano di Navigazione la rotta per tutelare gli interessi nazionali

L'Istituto Italiano di Navigazione ha organizzato un importante incontro per discutere della sfida sempre attuale della protezione degli interessi e delle attività nazionali attraverso il...

Autotrasporto: agevolazioni beni strumentali, nuove regole per le Pmi

Cambiano, sebbene parzialmente, le regole per accedere ai finanziamenti della cosiddetta “Nuova Sabatini”. Dal 1° gennaio 2023, infatti, sono entrate in vigore le modifiche apportate...

Autotrasporto: Decreto Flussi 2023, ecco la quota di lavoratori stranieri autorizzati a lavorare in Italia

Il Decreto Flussi 2023 ha stabilito l'ingresso di 82.705 lavoratori stranieri in Italia per quest'anno. Di questi, 30.105 sono destinati a diversi settori, tra cui autotrasporto merci, edilizi...

Trasporto alimentari: nuove procedure per le stazioni di prova ATP private

Il Ministero dei Trasporti ha pubblicato un decreto che stabilisce le procedure per l'autorizzazione delle nuove stazioni di prova ATP private. Queste stazioni affiancheranno i centri gestiti...