Turchia: nasce la prima associazione di esportatori di energia rinnovabile

CONDIVIDI

venerdì 24 settembre 2021

Sarà la città di Izmir (nota nell’antichità con il nome di Smirne) ad ospitare la prima associazione degli esportatori di attrezzature e servizi per l’energia rinnovabile in Turchia, che sarà costituita da 309 aziende, di cui 200 situate nella stessa Smirne. L’iniziativa nasce all'interno dell’ associazione degli esportatori dell'Egeo (EİB). Le aziende verranno analizzate in base alla loro produzione, ai servizi ed in base alle esportazioni registrate.

L’importanza dei codici HS

Jak Eskinazi, coordinatore capo dell' EİB, ha dichiarato che la nuova associazione mira ad aiutare le aziende di energia rinnovabile in Turchia a unire le forze, riunendole sotto un unico tetto per tenersi al passo con la tecnologia in continua evoluzione, promuovendo al tempo stesso i settori della ricerca e dello sviluppo. Eskinazi ha affermato che la Turchia ha realizzato molti progressi nella produzione di apparecchiature per l'energia rinnovabile al punto che il paese sarà in grado di produrre turbine eoliche quasi al 100% a livello locale. Parte del lavoro dell'associazione sarà condurre uno studio sensibile per formare un sistema di codifica per le esportazioni di energia rinnovabile.

“Non abbiamo codici di sistema armonizzati (codice HS) in Turchia per le esportazioni di energia rinnovabile. Ad esempio, una parte del motore utilizzata in una turbina eolica non è registrata come attrezzatura per l'energia rinnovabile perché non esiste un codice che la classifica come tale. Viene classificato come equipaggiamento per l'industria della difesa. Pertanto, dobbiamo definire i codici HS utilizzati per il settore delle energie rinnovabili per monitorare il potenziale nel paese", ha spiegato Eskinazi.

Nuovi sistemi di codifica e opportunità per gli investitori internazionali

Con l'obiettivo di incorporare la capacità di esportazione della regione dell'Egeo in una struttura aziendale, Alper Kalaycı, presidente dell' Associazione degli industriali e degli uomini d'affari dell'energia (ENSIA), ha affermato di aver già avviato valutazioni di fattibilità e di aver iniziato a esaminare le imprese di esportazione nel settore delle energie rinnovabili per istituire un sistema di codifica coerente.

"Nel prossimo futuro saranno fatti i primi passi per unire le imprese i cui codici SA corrispondono al sindacato che sarà fondato a Smirne", ha affermato Kalayci. Gran parte del lavoro tecnico richiesto è già coperto dal progetto "Best For Energy", finanziato dall'UE nel 2020. Nell'ambito di questo progetto, l'ENSIA sta collaborando con l'Agenzia per analizzare le 309 aziende di energia rinnovabile che hanno partecipato a uno studio "Clean Energy and Clean Technology Capability Matrix (CLEANMATRIX)".
I risultati hanno rilevato che il 67% di queste aziende sono esportatrici, il 90% ha aumentato i propri redditi mentre l'83% ha aumentato la propria redditività negli ultimi due anni. Gli studi sul campo mostrano anche che le esportazioni di apparecchiature per l'energia rinnovabile della Turchia ammontano a più di 500 milioni di dollari all'anno.

"Come con gli aumenti annuali della capacità installata nelle risorse energetiche rinnovabili della Turchia, anche il potenziale di produzione ed esportazione dei produttori di apparecchiature per l'energia rinnovabile aumenterà. Quando si tiene conto di ciò, l'importanza del coordinamento e della collaborazione in questo settore diventa più evidente", ha affermato Kalaycı, il quale ha sottolineato come la prevista associazione di esportatori sarà anche un punto di contatto per gli investitori internazionali che intendono entrare nel mercato turco.

Tag: Turchia, energie rinnovabili, sviluppo sostenibile

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Turchia: inaugurato l'aeroporto Rize-Artvin

L'aeroporto Rize-Artvin è stato inaugurato il 14 maggio scorso, durante una cerimonia alla presenza del Presidente Recep Tayyip Erdoğan e del Presidente Ilham Aliyev dell'Azerbaigian. Si...

Turchia: la produzione industriale cresce del 9,6% superando le previsioni

La produzione industriale della Turchia  è cresciuta del 9,6% lo scorso  marzo superando ogni  previsione di espansione. Un recente sondaggio Reuters  aveva infatti...

L’edilizia turca prospera in Africa

L'industria edile turca continua ad investire con successo nel continente africano, marcando una forte presenza sulla scena dei mercati internazionali. In passato, numerosi erano già stati...

“Fare impresa in Turchia”: nasce il canale podcast dedicato agli investimenti

Al via l’ascolto del primo podcast dedicato alla Turchia ed alle sue opportunità di investimento. Il canale, a cura dell’Ufficio Investimenti della Repubblica di Turchia- Invest in...

L'UIC lancia l'Indice di sostenibilità dei trasporti ferroviari

Valutare le prestazioni del sistema ferroviario sulla base di una selezione di indicatori chiave di prestazione (KPI) grazie a un nuovo strumento progettato per e con la comunità ferroviaria...

Energie rinnovabili: la Turchia mira a diventare uno dei principali produttori di pannelli

Il Ministro dell'Energia e delle risorse naturali Fatih Dönmez ha annunciato che la Turchia mira ad aumentare la sua capacità di produzione di pannelli solari a 9.110 megawatt entro il...

Ford Pro E-Transit: il furgone all-electric prodotto in Turchia in viaggio verso i clienti europei

I primi esemplari dell’E-Transit, il furgone all-electric prodotto nella fabbrica Ford Otosan, a Kocaeli in Turchia, stanno raggiungendo i clienti di tutta Europa. Ford Pro ha infatti avviato...

Crescita del 7% per l’economia turca nel primo trimestre 2022

Il Ministro del Tesoro e delle finanze Nureddin Nebati ha dichiarato che l'economia turca è cresciuta nel primo trimestre del 2022, con un tasso che si assesta tra il 6% e il 7%. Durante un...