Turchia: nasce la prima associazione di esportatori di energia rinnovabile

CONDIVIDI

venerdì 24 settembre 2021

Sarà la città di Izmir (nota nell’antichità con il nome di Smirne) ad ospitare la prima associazione degli esportatori di attrezzature e servizi per l’energia rinnovabile in Turchia, che sarà costituita da 309 aziende, di cui 200 situate nella stessa Smirne. L’iniziativa nasce all'interno dell’ associazione degli esportatori dell'Egeo (EİB). Le aziende verranno analizzate in base alla loro produzione, ai servizi ed in base alle esportazioni registrate.

L’importanza dei codici HS

Jak Eskinazi, coordinatore capo dell' EİB, ha dichiarato che la nuova associazione mira ad aiutare le aziende di energia rinnovabile in Turchia a unire le forze, riunendole sotto un unico tetto per tenersi al passo con la tecnologia in continua evoluzione, promuovendo al tempo stesso i settori della ricerca e dello sviluppo. Eskinazi ha affermato che la Turchia ha realizzato molti progressi nella produzione di apparecchiature per l'energia rinnovabile al punto che il paese sarà in grado di produrre turbine eoliche quasi al 100% a livello locale. Parte del lavoro dell'associazione sarà condurre uno studio sensibile per formare un sistema di codifica per le esportazioni di energia rinnovabile.

“Non abbiamo codici di sistema armonizzati (codice HS) in Turchia per le esportazioni di energia rinnovabile. Ad esempio, una parte del motore utilizzata in una turbina eolica non è registrata come attrezzatura per l'energia rinnovabile perché non esiste un codice che la classifica come tale. Viene classificato come equipaggiamento per l'industria della difesa. Pertanto, dobbiamo definire i codici HS utilizzati per il settore delle energie rinnovabili per monitorare il potenziale nel paese", ha spiegato Eskinazi.

Nuovi sistemi di codifica e opportunità per gli investitori internazionali

Con l'obiettivo di incorporare la capacità di esportazione della regione dell'Egeo in una struttura aziendale, Alper Kalaycı, presidente dell' Associazione degli industriali e degli uomini d'affari dell'energia (ENSIA), ha affermato di aver già avviato valutazioni di fattibilità e di aver iniziato a esaminare le imprese di esportazione nel settore delle energie rinnovabili per istituire un sistema di codifica coerente.

"Nel prossimo futuro saranno fatti i primi passi per unire le imprese i cui codici SA corrispondono al sindacato che sarà fondato a Smirne", ha affermato Kalayci. Gran parte del lavoro tecnico richiesto è già coperto dal progetto "Best For Energy", finanziato dall'UE nel 2020. Nell'ambito di questo progetto, l'ENSIA sta collaborando con l'Agenzia per analizzare le 309 aziende di energia rinnovabile che hanno partecipato a uno studio "Clean Energy and Clean Technology Capability Matrix (CLEANMATRIX)".
I risultati hanno rilevato che il 67% di queste aziende sono esportatrici, il 90% ha aumentato i propri redditi mentre l'83% ha aumentato la propria redditività negli ultimi due anni. Gli studi sul campo mostrano anche che le esportazioni di apparecchiature per l'energia rinnovabile della Turchia ammontano a più di 500 milioni di dollari all'anno.

"Come con gli aumenti annuali della capacità installata nelle risorse energetiche rinnovabili della Turchia, anche il potenziale di produzione ed esportazione dei produttori di apparecchiature per l'energia rinnovabile aumenterà. Quando si tiene conto di ciò, l'importanza del coordinamento e della collaborazione in questo settore diventa più evidente", ha affermato Kalaycı, il quale ha sottolineato come la prevista associazione di esportatori sarà anche un punto di contatto per gli investitori internazionali che intendono entrare nel mercato turco.

Tag: Turchia, energie rinnovabili, sviluppo sostenibile

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Turchia: pubblicato il programma economico di medio termine 2022-2024

È stato pubblicato nella gazzetta ufficiale lo scorso 5 settembre il nuovo Programma di Medio Termine (MTP) della Turchia relativo al periodo 2022-2024. Il programma è stato sviluppato...

Aumento prezzi energia, Natali (Federmetano): abbassare l'iva del gas per autotrazione

I prezzi del carbone, del carbonio e del gas in Europa continuano a salire a livelli record (ne avevamo parlato qui). E Dante Natali, presidente di Federmetano, in audizione in commissione Industria...

Turchia: i fattori alla base di una crescita economica robusta

La Turchia ha un'economia robusta che si è rilevata resiliente durante la pandemia, con tassi di crescita di 1,8 subito dopo Cina e Irlanda. Nel 2020 si è posizionata all'11^ posto a...

Automotive: viaggio nei laboratori all'avanguardia della Turchia

Prosegue il tour riservato a una delegazione di giornalisti italiani promosso dall'Ufficio per gli Investimenti della Repubblica di Turchia (ne avevamo parlato qui). Nel secondo giorno i lavori si...

Automotive: in Turchia una roadmap dinamica che punta all’elettrificazione

"Il settore automotive entro il prossimo decennio con l'elettrificazione, la guida autonoma e le auto connesse affronterà una grande trasformazione". Lo ha detto Mehmet Fatih Kaci...

Esportazioni Turchia: una strategia per i paesi lontani

Il governo turco mira ad aggiungere un volume di 80 miliardi di dollari per aumentare le esportazioni attraverso la "strategia per i paesi lontani". Questo quanto dichiarato dal Ministro del...

Turchia: crescita del 13,1% per il mercato automobilistico e dei veicoli commerciali leggeri

Secondo un rapporto di un gruppo industriale dello scorso 4 ottobre, le vendite di autovetture e veicoli commerciali leggeri in Turchia hanno registrato un aumento del 13,1% su base annua nei primi...

Turchia: nuovi provvedimenti per la Green economy

Si è tenuta lo scorso 4 ottobre in Turchia, nella capitale Ankara, una riunione del Consiglio di coordinamento per il miglioramento dell'ambiente degli investimenti (YOIKK). “La Turchia...