Trasporto merci: la ricetta di Unrae, Federauto e Anfia per il rilancio del settore

CONDIVIDI

mercoledì 7 luglio 2021

Quello del trasporto merci e in modo particolare del trasporto merci su strada è un settore strategico per l’economia del Paese e l’esperienza della pandemia, con l’implementazione dei flussi e con l’indispensabilità dei transiti, non ha fatto che confermarlo.

Ma come si può rilanciare un settore che negli ultimi 13 anni ha perso molto soprattutto in termini di immatricolazioni (-40% dal 2007 al 2020)? Come si può orientare il comparto a una maggiore efficienza ma soprattutto a un’accresciuta sostenibilità e sicurezza?

Le proposte arrivano dall’evento "La roadmap per il rilancio del trasporto merci - Transizione energetica, efficienza e sostenibilità per il futuro di un settore strategico" organizzato questa mattina dalle associazioni di categoria Anfia, Federauto e Unrae.

La roadmap per il trasporto merci

Secondo queste ultime, è necessario attuare misure per la decarbonizzazione del trasporto merci. Per questo è necessario disincentivare l’utilizzo dei veicoli più inquinanti, come per esempio con una maggiorazione del costo per il passaggio di proprietà, con l’azzeramento del rimborso dei pedaggi stradali e delle accise per i mezzi ante Euro IV, con l’entrata in vigore della revisione annuale obbligatoria, anche presso officine private. Questo perché il parco mezzi italiano è tra i più vecchi d’Europa: l’età media dei mezzi con massa superiore alle 3,5 ton è di 13,4 anni e addirittura il 56% dei mezzi circolanti è ante Euro IV, una percentuale che scende al 45,5% per i veicoli pesanti (superiori o uguali a16 t), che presentano un’età media di 11,5 anni.

Trasporto merci: puntare su nuove alimentazioni

Viceversa, bisogna incentivare gli Euro IV, molto più puliti, e soprattutto le alimentazioni alternativi. Come? Innanzitutto investendo sui bio-carburanti e su un parallelo sviluppo delle infrastrutture per le alimentazioni alternative, per procedere verso sistemi di propulsione a emissioni tendenti allo zero, come i veicoli elettrici e quelli a biometano, in attesa della diffusione dell’idrogeno come soluzione di lungo termine e per i trasporti di lungo raggio.

Ma c’è ancora un altro elemento da tenere in considerazione per il futuro del trasporto merci: l’autorizzazione alla circolazione dei veicoli di 18 metri, che essendo più grandi sono più capienti e permettono quindi di fare meno viaggi e di efficientare la catena logistica.

Tag: anfia, federauto, unrae

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Mercato auto, Unrae: a giugno immatricolazioni ancora in calo (-15%)

Il calo delle immatricolazioni di auto in Italia non si ferma: nel mese di giugno il mercato ha registrato 127.209 nuove immatricolazioni, con una flessione del 15,0% rispetto a giugno 2021.Il primo...

Artusi (Federauto Trucks): raggiungere la neutralità climatica con carburanti carbon neutral

L’apertura all’inclusione dei carburanti rinnovabili tra quelli ammessi oltre il phase-out al 2035 di diesel e benzina per i veicoli commerciali leggeri da parte del Consiglio UE...

Prorogati i termini per l'Ecobonus 2022: fino a 270 giorni per le immatricolazioni

Ecobonus 2022, definiti tempi più lunghi per l'immatricolazione di auto che beneficiano degli incentivi. Lo stabilisce una norma del decreto sulle semplificazioni fiscali proposta dal ministro...

Mercato rimorchi e semirimorchi, Unrae: a maggio 2022 +47,5%

Nuovi dati dal Centro Studi e Statistiche dell’Unrae relativamente al mercato dei veicoli rimorchiati per il mese di maggio 2022. Sulla base dei dati di immatricolazione forniti dal Ministero...

Iveco Bus torna a produrre in Italia, Anfia: ottima notizia per la filiera

Giudizio positivo da parte di Anfia sull'annuncio di Iveco Bus di riportare la produzione di autobus in Italia (Ne abbiamo parlato qui).Iveco coglierà l’opportunità prevista dal...

Autocarri e veicoli trainati: mercato in recupero a maggio. Autobus ancora in flessione

Il mercato degli autocarri e dei veicoli trainati torna positivo a maggio, dopo le pesanti flessioni di aprile. Registrato un rialzo a doppia cifra. Si aggrava, invece, la flessione già...

Mercato auto europeo, Unrae: prosegue il trend negativo (-12,5% sul 2021)

Il mercato dell’auto in Europa continua a registrare un pesante calo delle immatricolazioni. Anche il mese di maggio si conclude con il segno meno. Con 948.149 vetture registrate rispetto a...

Veicoli commerciali, Unrae: a maggio quarto calo consecutivo (-11,3%)

Unrae segnala il quarto calo consecutivo per il mercato dei veicoli commerciali leggeri (autocarri fino a 3,5 t di peso totale a terra). A maggio registrati 15.835 veicoli immatricolati contro i...