Anfia: ad aprile forte rialzo per il mercato degli autocarri

CONDIVIDI

mercoledì 19 maggio 2021

Il confronto con il picco negativo raggiunto dal mercato autocarri durante lo scorso anno a causa della pandemia, fa registrare nel 2021 rialzi mensili importanti e costanti.

Dopo una chiusura positiva del primo trimestre, ad aprile il mercato degli autocarri e dei veicoli trainati risulta ancora, come accaduto per il precedente mese di marzo, in forte rialzo. Anche in questo caso, i volumi totalizzati nel quarto mese dell’anno in corso si confrontano con il picco negativo toccato ad aprile 2020, in piena crisi Covid (-61,7% per gli autocarri e -70,7% per i veicoli trainati), con lo stop produttivo e delle attività delle motorizzazioni provinciali e la chiusura di concessionari e reti vendita fino al 3 maggio 2020.

Rilasciati 2.428 libretti di circolazione di nuovi autocarri

Analizzando nel dettaglio il mercato di aprile 2021, nel mese sono stati rilasciati 2.428 libretti di circolazione di nuovi autocarri contro gli 897 libretti di aprile 2020 e 1.499 libretti di circolazione di nuovi rimorchi e semirimorchi pesanti, ovvero con ptt superiore a 3.500 kg (contro i 569 di aprile 2020), suddivisi in 139 rimorchi e 1.360 semirimorchi.

Nel primo quadrimestre 2021 si contano 9.163 libretti di circolazione di nuovi autocarri, il 46% in più rispetto al primo quadrimestre 2020, e 5.338 libretti di circolazione di nuovi rimorchi e semirimorchi pesanti (+54,1% rispetto a gennaio-aprile 2020), così ripartiti: 488 rimorchi (+73%) e 4.850 semirimorchi (+52,4%).

Per gli autocarri, a gennaio-aprile 2021, come per il primo trimestre dell’anno, tutte le aree geografiche italiane registrano incrementi di mercato a doppia cifra: +59,2% il Nord-Ovest, +53,1% il Nord Est, +43,8% l’area del Sud e Isole e +21,7% le regioni del Centro.

Rialzo maggiore per i veicoli con peso superiore a 12

Per classi di peso, sono i veicoli con peso superiore a 12 e inferiore a 16 tonnellate a riportare il rialzo maggiore delle immatricolazioni, +63% nel primo quadrimestre 2021 rispetto allo stesso periodo del 2020, seguiti dagli autocarri sopra le 3,5 e sotto le 5 tonnellate (+58,8%) e da quelli sopra le 16 tonnellate (+49,1%) che, con 7.795 unità vendute a gennaio-aprile 2021, rappresentano la classe di peso più importante in termini
di volumi. In crescita a doppia cifra anche le rimanenti classi, ad eccezione degli autocarri superiori a 8 tonnellate e fino a 11,5, in lieve flessione (-0,6%).

Gli autocarri rigidi risultano in aumento del 38,6% nei primi quattro mesi dell’anno corrente, mentre i trattori stradali chiudono il quadrimestre a +52,9%. Sia i veicoli da cantiere che i veicoli stradali si confermano in rialzo a doppia cifra a gennaio-aprile 2021, rispettivamente a +58,6% e +44,9%.

Guardando al mix delle alimentazioni, nei primi quattro mesi dell’anno la quota di mercato dei veicoli alimentati a gas risulta del 7,7% (era 6,1% a gennaio-aprile 2020), per un totale di 706 unità, mentre gli autocarri elettrici e ibridi gasolio/elettrico rappresentano appena lo 0,2% del totale (era 0,3% a gennaio-aprile 2020).
Anche per i veicoli trainati, nel quadrimestre si registra una crescita a doppia cifra in tutte le aree geografiche: +69,2% nel Nord-Est, +54,6% nell’area Sud e isole, +53,5% per le regioni del Centro, +37,2% nel Nord-Ovest.

Gli autobus chiudono con un incremento del 25%

Il mercato degli autobus con ptt superiore a 3.500 kg nel mese registra 190 nuove unità, con un incremento del 25% rispetto ad aprile 2020. Nel quarto mese del 2021, tutti i comparti, ad eccezione degli autobus adibiti al TPL (-16,9%), registrano una variazione positiva, con incrementi a tripla cifra per gli autobus e midibus turistici (+121,1%) e gli scuolabus (+250%), e a doppia cifra per i minibus (+14,7%).
Nei primi quattro mesi del 2021, i libretti di autobus rilasciati sono 1.161 (-9,7%, rispetto a gennaio-aprile 2020). Calano a doppia cifra gli autobus e midibus turistici (-44,7%) e i minibus (-40,4%), mentre chiudono positivamente il quadrimestre gli autobus adibiti al TPL (+3%; pur con una flessione del 19,7% per gli interurbani) e gli scuolabus (+52,8%).

Tag: autocarro, anfia

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Trasporto merci: la ricetta di Unrae, Federauto e Anfia per il rilancio del settore

Quello del trasporto merci e in modo particolare del trasporto merci su strada è un settore strategico per l’economia del Paese e l’esperienza della pandemia, con...

Mercato auto: a giugno calo del 13,3% rispetto al 2019

Dati recenti pubblicati dal ministero delle Infrastrutture e della Mobilità sostenibili, a giugno 2021 mostrano che il mercato italiano dell’auto totalizza 149.438 immatricolazioni...

Alberto Musso di Anfia alla presidenza del Comitato Tecnico OICA

È stata affidata ad Anfia, attraverso la figura di Alberto Musso (Responsabile Area Tecnica e Affari regolamentari di dell’associazione) la presidenza del Comitato Tecnico OICA per il...

Anfia: a maggio cresce il mercato di autocarri, trainati e bus. Ma il confronto è con l'anno nero del Covid

Cresce a maggio 2021 il mercato degli autocarri e dei veicoli trainati: lo conferma Anfia nel suo confronto con lo stesso mese del 2020 (che ricordiamo però essere stato intaccato pesantemente...

Anfia: la produzione dell'industria auto perde il 5,7% nei primi mesi del 2021

La produzione dell’industria automotive italiana sembra in crescita ma il segno più è dato solo dato dal confronto con il 2020, l’anno interessato dalle misure di...

Mercato auto: si aggrava la crisi, a maggio calo del 27,9%. Anfia, Federauto e Unrae chiedono incentivi

Il mercato italiano dell'auto è in affanno. I dati di maggio evidenziano le difficoltà a risollevarsi dalla crisi e annullano il tentativo di ripresa dei mesi scorsi sostenuto dagli...

Automotive: Anfia e Amica siglano un accordo per lo sviluppo delle filiere di Italia e Marocco

Un accordo di collaborazione per lo sviluppo delle filiere automotive dei Paesi Italia e Marocco. L'hanno firmato le associazioni AMICA (Associazione Marocchina per l’Industria Automotive e i...

Al via in Campania Borgo 4.0, il laboratorio per la smart mobilty

Ricerca, sviluppo, sperimentazione sul campo. Tecnologia e innovazione in tema di guida autonoma e connessa in un laboratorio a cielo aperto. È questo, e molto altro, il progetto Borgo 4.0...