Bollo auto aziendali, Aniasa: ennesimo esempio di cattiva gestione. Il Governo intervenga subito

giovedì 30 gennaio 2020 13:09:23

La nuova normativa sul bollo auto, soprattutto per le auto aziendali, crea maggiori oneri per oltre un milione di veicoli oltre che minori introiti per l’erario. Lo sostiene Aniasa che chiede al Governo di porre rimedio, posticipando l’entrata in vigore della norma fino a quando non saranno disponibili procedure adeguate che consentano di adempiere all’obbligo.

La norma – dichiarano dall’Associazione Nazionale Industria dell'Autonoleggio e Servizi Automobilistici - aumenta la burocrazia e i costi per chi usa l’auto aziendale con il rischio concreto di una forte crescita dell’evasione della tassa automobilistica e di un boom di contenziosi connessi al mancato o non corretto pagamento del bollo.

La norma

Inserita nel DL Fiscale prevede a partire dal 1° gennaio 2020 un cambiamento epocale per il pagamento del bollo auto, cui ora è tenuto non più il proprietario del veicolo, bensì il suo utilizzatore, in base alla Regione di residenza.

Si tratta – spiegano dall’associazione - di un assurdo passo indietro, l’esatto contrario del concetto di smart mobility; soprattutto in quanto la misura è di complessa applicazione e rischia di produrre pericolosi effetti inattesi. Ad oggi risulta impossibile anche per i proprietari dei veicoli effettuare in via informatica i pagamenti per i quasi 700.000 veicoli le cui targhe risultano all’Archivio Nazionale dei Veicoli. Per questi occorre seguire una procedura totalmente avversa alla digital economy: è necessario quindi recarsi fisicamente presso gli uffici preposti, presentando carta di circolazione e copia del contratto per ogni singola targa.

“Un provvedimento nato male e gestito peggio, in totale antitesi con la tanto declamata semplificazione amministrativa, che complica la vita del contribuente. Chiediamo al Governo, evidenzia Massimiliano Archiapatti – Presidente di ANIASA, di correggere repentinamente il tiro per gestire questa transizione nel pagamento della tassa automobilistica e scongiurare il black-out tra amministrazioni locali, garantendo maggiore chiarezza sulle procedure da seguire. Intanto, riteniamo necessario posticipare l’applicazione della disposizione. Siamo a disposizione dei Ministeri, dell’ACI e della Conferenza Stato-Regioni per risolvere un problema che riguarda una realtà sempre più significativa e in costante sviluppo nell’ambito della mobilità nazionale”.

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

CONDIVIDI
Leggi anche

Flotte aziendali: nel post-covid meno trasferte e più smart working

I trend della mobilità flotte aziendali nel post COVID sono i protagonisti della sesta edizione del Fleet Motor Day, l’evento annuale dedicato ai gestori delle flotte aziendali promosso...

Ancora in crescita i furti di auto a noleggio: nel 2019 danni di oltre 12 milioni

Non conosce crisi l’industria criminale dei furti di auto in noleggio a breve termine. Nel 2019 sono state 1.800 le vetture e i furgoni sottratti, quasi 5 ogni giorno, in crescita...

Aniasa: “Velocizzare il rinnovo del parco auto attraverso incentivi sull’usato Euro 6”

“È oggi necessario stimolare la domanda di mobilità sicura, eco-sostenibile e condivisa. Per svecchiare il nostro parco circolante, il secondo più anziano d’Europ...