Car sharing elettrico: il perché di un successo

CONDIVIDI

giovedì 23 settembre 2021

Da un lato un successo stabile, dall’altro un fenomeno mobile in costante aumento.
Si tratta del car sharing e in particolare quello elettrico, che è stato recente oggetto di analisi dell’ International Council on Clean Transportation (ICCT) in uno studio intitolato: “Success factors for electric carsharing”. L’analisi, condotta lo scorso agosto, ha esaminato vantaggi e punti di forza del car sharing elettrico, con uno sguardo all’Europa ma anche al Nord America. 

L’Italia tra i maggiori utilizzatori

Secondo i dati analizzati, il car sharing elettrico si posiziona in maniera decisamente vincente rispetto al car sharing convenzionale con motore a combustione, non solo da un punto di vista ambientale, ma anche come valore percepito. Già nel 2019, un sondaggio aveva mostrato che il 66% delle vetture adibite a car sharing erano elettriche e che il 25% dei paesi utilizzavano veicoli elettrici a batteria. Tra i cinque paesi che ne effettuavano il maggior utilizzo, spiccava l’Italia, insieme a Stati Uniti, Regno Unito, Giappone e Francia. L’uso del car sharing in Italia è ancora oggi in forte aumento, con Milano come città capolista per il maggior utilizzo. La spinta verso gli autoveicoli elettrici non sembra rallentarne l’utilizzo bensì accelerarlo. 

I vantaggi del car sharing elettrico

La prima cosa a cui viene da pensare in presenza del car sharing è forse la libertà di spostamento. Si tratta infatti della soluzione perfetta per chi desidera muoversi comodamente sia in città che al di fuori delle aree urbane o per chi ha necessità di muoversi da una zona all’altra per motivi lavorativi. In particolare, il car sharing elettrico è un car sharing ecologico, quindi permette il libero accesso a centri storici e aree urbane a traffico limitato.

Si assiste quindi a un incremento dell’ agevolazione della mobilità. Poiché la maggior parte degli studi condotti sul car sharing elettrico evidenzia in maniera netta il positivo impatto ambientale del fenomeno, è lecito poi pensare che grazie alla possibilità di un utilizzo ricaricabile e quindi smart e green, le riduzioni di emissioni di gas a effetto serra continueranno ad aumentare. Con un numero maggiore di famiglie pronte a familiarizzare con questa nuova tecnologia, potremo infine aspettarci anche un aumento della quota di mercato dei veicoli elettrici. Le auto elettriche garantiscono inoltre una guida semplice, piacevole e leggera, ma anche più sicura, rispetto alle classiche auto a benzina o diesel, grazie all’uso di tecnologie più avanzate e all’impiego di sistemi intelligenti.

Car sharing round trip e one-way

A partire dal 2021, le città potrebbero consentire veicoli elettrici a batteria solo per i gli operatori della modalità di car sharing one way (o free floating), modalità questa che non richiede la restituzione dell’autoveicolo nello stesso punto di prelievo. Questa soluzione è la più praticabile da un punto di vista economico - soprattutto nelle città densamente popolate- perché più comoda e quindi più richiesta rispetto al car sharing round trip, dove l’auto viene presa e riconsegnata in specifiche stazioni di servizio. Le città potrebbero comunque richiedere agli operatori di car sharing in modalità round trip di diventare completamente elettrici, sebbene operino in maniera più vincolante rispetto al free floating.

Conclusioni: un successo annunciato e il necessario sostegno di aziende e governo

In un’ era di sharing mobility come quella in cui viviamo, l’ integrazione di veicoli elettrici deve procedere di pari passo con le infrastrutture di ricarica, con il sostegno dalle aziende di car sharing nell'installazione di caricabatterie disponibili al pubblico, ma anche l’appoggio di ogni governo si dimostrerà di vitale importanza. L'infrastruttura di ricarica dovrà adattarsi ai diversi modelli di business (per decidere il numero sufficiente di caricabatterie) e alle diverse dimensioni dei veicoli. Sebbene il car sharing non necessiti necessariamente di sostegno finanziario nelle aree urbane dense, le politiche cittadine progettate per incoraggiare il car sharing a diventare elettrico possono garantirne il successo se saranno almeno pari a quelle adottate per le auto private.

Tag: car sharing, smart mobility, mobilità sostenibile

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Obiettivo mobilità integrata e sostenibile: accordo Trenitalia-TIER

TIER, operatore multinazionale di servizi di micro-mobilità condivisa, e Trenitalia (Gruppo FS Italiane) uniscono le forze per accelerare l’evoluzione della mobilità verso sistemi...

Progetto Next: la mobilità urbana del futuro sarà elettrica, modulare e flessibile

"I progetti in corso in Federico II, compreso quelli legati al neo-costituito Centro Nazionale per la Mobilità Sostenibile, le lauree triennali e magistrali in particolare quella...

Servizi di ricarica elettrica in autostrada: l'Art approva le misure per le subconcessioni

L’Autorità di regolazione dei trasporti (ART) ha approvato le misure per la definizione degli schemi dei bandi relativi alle gare cui sono tenuti i concessionari autostradali per gli...

Ricarica mobile a domicilio per veicoli elettrici: parte il progetto di Enel x Way e E-GAP

Vacanze sostenibili anche dal punto di vista dei trasporti. All’Argentario, in Toscana, e a Santa Margherita Ligure, ad agosto, sarà possibile usufruire di un servizio innovativo grazie...

Sostenibilità: 27 camion a idrogeno Hyundai XCIENT Fuel Cell entrano nelle flotte di sette aziende tedesche

La Germania punta alla neutralità carbonica. Sette aziende tedesche nel settore della logistica, della produzione e della vendita al dettaglio inseriranno 27 camion a idrogeno Hyundai XCIENT...

Emissioni e trasporti: dall'Ue una consultazione pubblica per compiere scelte informate e più sostenibili

Facilitare la misurazione e il confronto delle prestazioni ambientali delle diverse modalità di trasporto. La Commissione europea ha avviato una consultazione pubblica su un'iniziativa volta a...

Turchia: il marchio automobilistico TOGG lancia un nuovo programma di accelerazione della mobilità

Automobile Joint Venture Group (Togg), il consorzio che sviluppa l'auto indigena della Turchia, ha annunciato una cooperazione con Plug and Play, la più grande piattaforma di innovazione...

Mobility as a Service: Bari, Torino e Firenze selezionate per la sperimentazione

Dopo Roma, Milano e Napoli, selezionate nel primo bando promosso dal Dipartimento per la trasformazione digitale della Presidenza del Consiglio dei ministri e dal Ministero delle infrastrutture...