Car sharing elettrico: il perché di un successo

CONDIVIDI

giovedì 23 settembre 2021

Da un lato un successo stabile, dall’altro un fenomeno mobile in costante aumento.
Si tratta del car sharing e in particolare quello elettrico, che è stato recente oggetto di analisi dell’ International Council on Clean Transportation (ICCT) in uno studio intitolato: “Success factors for electric carsharing”. L’analisi, condotta lo scorso agosto, ha esaminato vantaggi e punti di forza del car sharing elettrico, con uno sguardo all’Europa ma anche al Nord America. 

L’Italia tra i maggiori utilizzatori

Secondo i dati analizzati, il car sharing elettrico si posiziona in maniera decisamente vincente rispetto al car sharing convenzionale con motore a combustione, non solo da un punto di vista ambientale, ma anche come valore percepito. Già nel 2019, un sondaggio aveva mostrato che il 66% delle vetture adibite a car sharing erano elettriche e che il 25% dei paesi utilizzavano veicoli elettrici a batteria. Tra i cinque paesi che ne effettuavano il maggior utilizzo, spiccava l’Italia, insieme a Stati Uniti, Regno Unito, Giappone e Francia. L’uso del car sharing in Italia è ancora oggi in forte aumento, con Milano come città capolista per il maggior utilizzo. La spinta verso gli autoveicoli elettrici non sembra rallentarne l’utilizzo bensì accelerarlo. 

I vantaggi del car sharing elettrico

La prima cosa a cui viene da pensare in presenza del car sharing è forse la libertà di spostamento. Si tratta infatti della soluzione perfetta per chi desidera muoversi comodamente sia in città che al di fuori delle aree urbane o per chi ha necessità di muoversi da una zona all’altra per motivi lavorativi. In particolare, il car sharing elettrico è un car sharing ecologico, quindi permette il libero accesso a centri storici e aree urbane a traffico limitato.

Si assiste quindi a un incremento dell’ agevolazione della mobilità. Poiché la maggior parte degli studi condotti sul car sharing elettrico evidenzia in maniera netta il positivo impatto ambientale del fenomeno, è lecito poi pensare che grazie alla possibilità di un utilizzo ricaricabile e quindi smart e green, le riduzioni di emissioni di gas a effetto serra continueranno ad aumentare. Con un numero maggiore di famiglie pronte a familiarizzare con questa nuova tecnologia, potremo infine aspettarci anche un aumento della quota di mercato dei veicoli elettrici. Le auto elettriche garantiscono inoltre una guida semplice, piacevole e leggera, ma anche più sicura, rispetto alle classiche auto a benzina o diesel, grazie all’uso di tecnologie più avanzate e all’impiego di sistemi intelligenti.

Car sharing round trip e one-way

A partire dal 2021, le città potrebbero consentire veicoli elettrici a batteria solo per i gli operatori della modalità di car sharing one way (o free floating), modalità questa che non richiede la restituzione dell’autoveicolo nello stesso punto di prelievo. Questa soluzione è la più praticabile da un punto di vista economico - soprattutto nelle città densamente popolate- perché più comoda e quindi più richiesta rispetto al car sharing round trip, dove l’auto viene presa e riconsegnata in specifiche stazioni di servizio. Le città potrebbero comunque richiedere agli operatori di car sharing in modalità round trip di diventare completamente elettrici, sebbene operino in maniera più vincolante rispetto al free floating.

Conclusioni: un successo annunciato e il necessario sostegno di aziende e governo

In un’ era di sharing mobility come quella in cui viviamo, l’ integrazione di veicoli elettrici deve procedere di pari passo con le infrastrutture di ricarica, con il sostegno dalle aziende di car sharing nell'installazione di caricabatterie disponibili al pubblico, ma anche l’appoggio di ogni governo si dimostrerà di vitale importanza. L'infrastruttura di ricarica dovrà adattarsi ai diversi modelli di business (per decidere il numero sufficiente di caricabatterie) e alle diverse dimensioni dei veicoli. Sebbene il car sharing non necessiti necessariamente di sostegno finanziario nelle aree urbane dense, le politiche cittadine progettate per incoraggiare il car sharing a diventare elettrico possono garantirne il successo se saranno almeno pari a quelle adottate per le auto private.

Tag: car sharing, smart mobility, mobilità sostenibile

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Anas: dall’Italia alla Svezia Smart Road a confronto

Una delegazione composta dalla principessa Victoria di Svezia, il principe Daniel, il ministro del Commercio Estero Svedese, Anna Hallberg, e l’ambasciatore di Svezia in Italia, Jan...

Turchia: i fattori alla base di una crescita economica robusta

La Turchia ha un'economia robusta che si è rilevata resiliente durante la pandemia, con tassi di crescita di 1,8 subito dopo Cina e Irlanda. Nel 2020 si è posizionata all'11^ posto a...

A Ecomondo 2021 le soluzioni industriali Scania per applicazioni elettriche o ibride

Anche quest'anno Scania sarà presente a Ecomondo, manifestazione fieristica di riferimento in Europa per l'innovazione industriale e tecnologica dell'economia circolare in programma a Rimini...

Mims: in otto mesi adottati 62 decreti attuativi e altri 20 in via di definizione

Una delle quattro linee di azione prioritarie perseguite dal Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili in questi otto mesi ha riguardato l’accelerazione della...

La tecnologia al servizio della tracciabilità dei bagagli in ambito aeroportuale

Dal tracking con RFID tag alle notifiche in real time a passeggeri e staff, dal laser all’intelligenza artificiale, la “Nuova normalità” post-pandemia sarà...

Smart mobility: Targa Telematics e Iveco estendono i servizi di connettività del Daily

Migliorare consumi e performance anche di veicoli finora privi di connettività. Targa Telematics, tech company specializzata nello sviluppo di soluzioni digitali nel campo della telematic...

Mobility as a service for Italy: parte il progetto aperto alle città metropolitane, via alle candidature

Le nuove tecnologie digitali aprono nuovi scenari anche nel mondo dei servizi dedicati alla mobilità. Il MaaS è un nuovo concetto di mobilità urbana che prevede...

Trasporto pubblico: nel Lazio solo il 48,2% degli autobus è Euro 5 o Euro 6

Qual è la provincia italiana con il parco autobus circolante più vecchio? A questa domanda ha risposto un'elaborazione dell'Osservatorio sulla Mobilità sostenibile di Airp...