La Iata rivede al ribasso gli utili per le compagnie aeree

CONDIVIDI

martedì 20 marzo 2012
La Iata, l’associazione internazionale del trasporto aereo, ha rivisto al ribasso le proprie previsioni per il 2012, a causa dell’aumento del prezzo del greggio. Secondo le nuove stime quest’anno le compagnie aeree registreranno utili per 3 miliardi di dollari, con un margine dello 0,5%. Si tratta di una diminuzione di 500 dollari rispetto alle previsioni di dicembre poiché si basano su un prezzo del greggio di 115 dollari a barile, contro un prezzo di 99 dollari a barile del dicembre scorso. “Il 2012 continua ad essere un anno pieno di sfide per le compagnie aeree”, ha commentato Tony Tyler, direttore generale e ceo della Iata. “Il rischio di un peggioramento della crisi dell’Eurozona è stato sostituito da un altro ugualmente pericoloso, l’aumento dei prezzi dei petrolio”. Per il 2011, la Iata ha invece rivisto al rialzo le stime per i profitti a 7,9 miliardi dollari, dovuto alla buona performance dei vettori cinesi. Secondo la Iata quasi tutte le regioni registreranno un calo dei profitti nel 2012, con Europa e Africa che avranno le performance peggiori. I vettori europei subiranno infatti una perdita di 600 milioni di dollari, con un margine dello 0,3%, mentre quelli africani di 100 milioni di dollari. Per le compagnie del Nord America è previsto invece un profitto di 900 milioni di dollari, in calo rispetto alle precedenti previsioni, quando era pari a 1,7 miliardi di dollari. I vettori dell’Asia Pacifico continueranno ad ottenere buoni risultati, soprattutto quelli cinesi, tanto che registreranno i risultati migliori, a 2,3 miliardi di dollari (200 milioni in meno rispetto alle previsioni di dicembre). In Medio Oriente le compagnie otterranno profitti per 500 milioni di dollari (in rialzo dai 300 di dicembre) mentre restano invariate a 100 milioni di profitto le previsioni per le compagnie dell’America Latina.
Tag: iata

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Iata: cargo aereo in rallentamento a settembre

A settembre il trasporto aereo di merci ha registrato volumi in calo del 10,6% rispetto allo stesso mese 2021 (-10,6% anche per le operazioni internazionali), continuando ad assestarsi su livelli...

Iata: passeggeri ancora in forte crescita a giugno

Il traffico aereo di passeggeri a giugno è cresciuto del 76,2% rispetto allo stesso mese 2021, spinto principalmente dalla forte ripresa in corso del traffico internazionale, che è...

Iata: a giugno cargo aereo stabile e resiliente

A giugno di quest’anno il trasporto aereo di merci ha registrato a livello globale volumi in diminuzione del 6,4% rispetto allo stesso mese 2021 (misurati in tonnellate-chilometro cargo), -6,6%...

Iata: traffico aereo in ripresa a gennaio, ma si avverte l’impatto di Omicron

Nel mese di gennaio il traffico aereo internazionale di passeggeri è cresciuto dell'82,3% rispetto a gennaio 2021; è diminuito, invece, del 4,9% rispetto a dicembre 2021. Il traffico...

Il futuro delle merci aeree: gli impegni dello Iata Cargo Committee

Il 15 marzo, a conclusione del suo sesto World Cargo Symposium –tenuto in Malaysia, a Kuala Lumpur ed al quale hanno partecipato quasi mille delegati che per tre giorni hanno dibattuto le questioni...

Iata: per l’air cargo legami più stretti con i “regolatori chiave”

“Il tema del nostro simposio è stato ‘partnership at work’ e adesso siamo impegnati ad agire tutti insieme non soltanto come un unico comparto air cargo, ma anche attraverso la ‘supply...

Iata Cargo Committee: Gunning nuovo Chairman

Nuovo Chairman del Cargo Committee della Iata è Steve Gunning, managing director of IAG Cargo, che fa parte dello stesso comitato dal 2007 e che ha accumulato quattordici anni di esperienza...

Air cargo: necessarie forti partnership nell’intera “value chain”

“L’air cargo è cruciale per l’economia mondiale; come valore rappresenta oltre il 35% dei beni commercializzati a livello internazionale, ma conta per appena lo 0,5% del totale dei volumi...