Recovery Fund: investimenti, crescita digitale, infrastrutture nel manifesto di Conftrasporto-Confcommercio

lunedì 12 ottobre 2020 14:13:19

Formazione professionale, transizione verde e digitale, infrastrutture: questi i tre punti fondamentali alla base del ‘manifesto’ di Conftrasporto-Confcommercio per il Recovery Fund. Il documento – redatto alla luce dell’emergenza Covid dalla Confederazione delle imprese italiane di autotrasporto, del trasporto marittimo e ferroviario, e della logistica – preme sull’urgenza di ‘Riconnettere l’Italia’.

La premessa da cui prende le mosse il documento sono le conseguenze devastanti che il settore dei trasporti si trova a fronteggiare a seguito della pandemia: secondo l’Ufficio studi di Confcommercio, nel primo semestre 2020 i traffici passeggeri si sono più che dimezzati e quelli merci si sono ridotti di circa un quarto. Contrazioni che minano la sopravvivenza della filiera che garantisce a imprese e persone l’accesso alla mobilità.

Per Conftrasporto-Confcommercio c’è bisogno un mix di interventi che, al necessario potenziamento infrastrutturale di medio e lungo termine, affianchi incentivi e sostegni alla domanda per trasporti più efficienti, sostenibili, sicuri. A questo proposito, il ‘manifesto’ sollecita la messa a punto di una mappa sullo stato dei ponti e delle infrastrutture (anche) per consentire ai trasporti eccezionali di poter circolare in sicurezza.

Il Recovery Fund non dovrà dimenticare gli investimenti per l’autotrasporto facilitando l’accesso al credito e agli incentivi da parte delle imprese, e semplificando le procedure amministrative.

In particolare i tre punti cardine del ‘manifesto’ sono:

Formazione e Lavoro. Conftrasporto evidenzia la necessità di investimenti per gli Istituti Tecnici Superiori della logistica e del mare per accrescere le competenze digitali dei giovani e lo sviluppo del settore. Fra gli strumenti da incentivare, la formazione a distanza per i vantaggi connaturati in termini di tempo ed economici.
Borse di studio per la formazione di alto livello per master universitari dedicati alla logistica, al fine di preparare anche a carriere lavorative manageriali.

Transizione verde e digitale. Il Green Deal proposto dalla Commissione europea impone risposte concrete e immediate. Quelle individuate da Conftrasporto sono: un ingente piano di finanziamento per il rinnovo del parco mezzi; un piano pluriennale per l’autotrasporto che rafforzi gli incentivi a favore della sostenibilità; un piano di supporto al settore del trasporto marittimo per la riconversione sostenibile dei motori. Sul piano dei combustibili, occorre incentivare la diffusione del gas naturale liquefatto (Gnl) e, contro l’inquinamento dei porti, varare un piano nazionale di elettrificazione delle banchine.

Infrastrutture per la mobilità. Conftrasporto sottolinea come questo sia un punto imprescindibili per la competitività dell’Italia in e con l’Europa, con almeno tre grandi priorità:
Corridoio Scandinavo Mediterraneo con il tunnel ferroviario del Brennero, la terza corsia autostradale, l’alta velocità ferroviaria fino a Bari e alla Sicilia con la realizzazione del Ponte sullo Stretto di Messina;

- Corridoio Reno-Alpi con la realizzazione del terzo valico dei Giovi, della velocizzazione delle tratte della Pianura Padana e delle connessioni con i valichi svizzeri, nonché, per la decongestione ligure, la realizzazione della Gronda di Genova;

- Corridoio Mediterraneo con il completamento della Tav Torino-Lione e dell’alta velocità veneta.

Il manifesto di Conftrasporto-Confcommercio sollecita inoltre un programma di interventi per la sicurezza stradale, come la manutenzione straordinaria delle infrastrutture e lo sviluppo delle ‘smart road’. Nei porti, l’obiettivo è quello di un piano che assicuri piena copertura finanziaria alle priorità nazionali indicate nell’allegato al DEF ‘Italia Veloce’. L’intermodalità ferroviaria dovrà comparire, infine, fra gli interventi connessi all’ultimo miglio dei porti.

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

CONDIVIDI
Leggi anche

MercinTreno, si chiude l'edizione 2020: cargo ferroviario in calo del 19% a causa del Covid

Calo medio del 19% per cargo ferroviario e del 14% per l’intermodale ferroviario nel periodo marzo-giugno (fonte RAM). Questi i dati principali riguardanti gli effetti del Covid-19 sul settore...

Forum MercinTreno: il Cargo su ferro tra emergenza Covid e opportunità Recovery Fund

Anche il trasporto ferroviario di merci ha risentito dell'emergenza provocata dal Coronavirus, ma ha mostrato maggiore capacità di resilienza rispetto ad altri settori e ora il Recovery...

Nuove restrizioni circolazione arco alpino, Conftrasporto: danno per l'intero sistema produttivo italiano

Le preuccpuazioni per le possibili nuove restrizioni per i trasporti nell'arco alpino sono al centro di una nota diramata oggi dalle Camere di Commercio delle Alpi e condivisa da...