Mare: le sfide per il futuro e un nuovo logo per la Confederazione italiana armatori

CONDIVIDI

mercoledì 27 giugno 2018

La Confederazione italiana armatori in occasione dell’Assemblea annuale ha tracciato un bilancio positivo dell’anno appena trascorso e definito gli obiettivi futuri. Durante i lavori è stato anche varato il nuovo logo.

“Il nostro scopo primario – spiega il Presidente Mario Mattioli - è quello di rappresentare tutta l’industria armatoriale italiana. In quest’ottica, ed anche per celebrare i 20 anni del Registro Internazionale che ha consentito alle nostre navi di essere competitive, abbiamo voluto aggiornare il nostro logo associativo con una chiara indicazione del carattere italiano, non solo della nostra flotta, ma di questa organizzazione, degli armatori che la compongono, del territorio da cui operiamo su tutti i mercati marittimi”.

Segue alla presentazione dei bilanci annuali l’incontro “Il Registro Internazionale: 20 anni di straordinaria attualità” aperta ad altri armatori e a rappresentanti di istituzioni pubbliche e private. A margine dell’incontro il Presidente ha annunciato l’intenzione di realizzare insieme a Andrea Margelletti, Presidente CeSI, un Think tank del mare “nell’ambito del quale elaborare proposte per un ulteriore sviluppo della flotta mercantile e di tutto il cluster marittimo italiano che ruota intorno ad essa, con l’auspicio che possa nascere in tempi brevi una “governance del mare”.

Come si evince dai dati annuali la flotta di bandiera italiana è tra le principali al mondo, nonché una delle più giovani e moderne. Vanta, sottolinea Mattioli “16,3 milioni di tonnellate di stazza e posizioni di leadership o di assoluto rilievo nei settori più sofisticati quali unità ro-ro, navi da crociera, navi per prodotti chimici”.

“Sono poche le organizzazioni di categoria – prosegue il Presidente - che possono vantare, come la Confederazione Italiana Armatori, 117 anni di età nel corso dei quali la priorità è sempre stata la tutela degli interessi marittimi nazionali, fronteggiando e vincendo ogni sfida.

La storia ha dimostrato che le sfide si vincono se si è uniti. Per questo continueremo a lavorare per essere sempre il punto di riferimento, in Italia e all’estero, dell’intero cluster marittimo, nazionale e internazionale”.

Accrescere la competitività del settore rimane l’obiettivo principale di Confitarma. Tra gli interventi necessari auspicati: il rinnovo del CCNL, la promozione di una formazione di qualità, nonché le nuove misure di tipo, che condizionano fortemente l’impostazione della politica marittima, la semplificazione delle norme e delle procedure burocratiche per mantenere alto il vessillo italiano nel mondo.

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Assarmatori-Confitarma: firmato accordo di rinnovo CCNL del settore marittimo

Confitarma, Assarmatori, Assorimorchiatori e Federimorchiatori hanno sottoscritto oggi a Roma con Filt-CGIL, Fit-CISL e Uiltrasporti l’accordo per il rinnovo di tutte le sezioni del contratto...

Confitarma: Mattioli confermato presidente

Mario Mattioli è stato confermato presidente di Confitarma, la Confederazione Italiana Armatori. “Ringrazio gli amici e colleghi per la rinnovata fiducia nel mio operato - ha affermato...

Economia del mare: Confitarma chiede una cabina di regia e sinergia tra tutti gli attori

“Occorre prendere coscienza del fatto che il mare per noi è fondamentale. Purtroppo  abbiamo perso terreno nei confronti dell'estero". Lo ha detto Mario Mattioli, presidente di...

Dl Agosto: Confitarma, norme che rendono giustizia al settore armatoriale

È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il Dl contenente le misure urgenti per il sostegno e il rilancio dell'economia, che si inserisce nella manovra straordinaria promossa dal...

Avvicendamento marittimi: appello delle organizzazioni marittime per un’azione urgente del governo italiano

Tredici organizzazioni rappresentanti le parti sociali marittime europee e internazionali hanno scritto una lettera al Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, per sollecitare una urgente azione...

Marittimi, Assarmatori e Confitarma chiedono misure urgenti per i cambi equipaggio

Assarmatori e Confitarma chiedono risposte immediate sull’avvicendamento dei marittimi. Mario Mattioli e Stefano Messina, rispettivamente Presidenti di Confitarma e Assarmatori, hanno...

Dl Rilancio: Confitarma, delusione per la norma che impedisce l'autoproduzione

Confitarma ha espresso delusione per l’inserimento nel Disegno di legge di conversione del Decreto Rilancio, approvato il 9 luglio dalla Camera dei deputati, della norma che impedirà...

Dl Rilancio: Confitarma chiede un dialogo costruttivo sull’autoproduzione

La Confederazione Italiana Armatori ha espresso preoccupazione per le iniziative volte a modificare il regime dell’autoproduzione delle operazioni portuali previsto dall’articolo 16 della...