Porti dell’Adriatico centrale: traffico merci in aumento rispetto ai numeri pre Covid

CONDIVIDI

venerdì 13 maggio 2022

Dati più che positivi i per il traffico merci dei porti di Ancona e Ortona nel primo trimestre 2022, che registrano una netta crescita anche rispetto al periodo precedente alla pandemia. Secondo le elaborazioni dell’Ufficio Statistiche dell’Autorità di sistema portuale del mare Adriatico centrale, i due scali registrano nei primi tre mesi dell’anno una crescita costante, a doppia cifra, rispetto al primo trimestre 2019: +12% per il porto di Ancona e +26% per lo scalo di Ortona.

“L’andamento dei dati dei principali porti di Marche e Abruzzo è testimone della positiva ricaduta economica e sociale dovuta al ruolo di questi scali, fondamentali per le città portuali di riferimento e per le comunità dei territori – commenta Vincenzo Garofalo, presidente dell’Autorità di sistema portuale del mare Adriatico centrale –. Come sistema portuale abbiamo il preciso compito di essere a fianco di questo dinamismo e dell’impegno costante del cluster marittimo per un miglioramento continuo”.

 

Porto di Ancona

Nel primo trimestre 2022 il traffico merci complessivo del porto di Ancona tocca le 2,71 milioni di tonnellate, con una crescita del 21,7% rispetto al primo trimestre del 2021, quando le merci movimentate furono 2,23 milioni di tonnellate.

Nello scalo dorico è positivo l’andamento di ogni tipologia di merce. Ammontano a 869.187 le tonnellate di prodotti petroliferi movimentati dalla raffineria di Falconara Marittima (+25,6%). Le merci solide rinfuse crescono del 134,3%, passando da 65.041 a 152.367 tonnellate con un aumento legato, in particolare, alla movimentazione di prodotti cerealicoli e di metalli, destinati questi ultimi alla manifattura delle Marche e del Centro Italia.

Positivo anche il traffico container pari a 42.107 teu (+19,7%) nei primi tre mesi dell’anno. Le merci trasportate attraverso mezzi su strada toccano 1,38 milioni di tonnellate, con una crescita del 14,3% confermando il ruolo del porto di Ancona nelle Autostrade del mare, grazie al potenziamento delle linee per i porti greci di Patrasso e Igoumenitsa e al buon andamento del traffico merci sulla linea per l’Albania.

Il traffico passeggeri dello scalo, nel confronto fra il primo trimestre 2021-2022, cresce del 24% arrivando a 76.659 persone imbarcate e sbarcate. Valore che rimane tuttavia inferiore al primo trimestre 2019 quando i passeggeri furono 96.800. È questo l’unico comparto dei traffici in cui gli effetti dell’emergenza sanitaria non sono stati ancora completamente assorbiti.

 

Porto di Ortona

Il movimento complessivo delle merci nel porto di Ortona, nel primo trimestre 2022, è di 320.234 tonnellate, con una crescita del 13,3% sullo stesso trimestre del 2021 quando il traffico merci era stato di 282.558 tonnellate.

Le merci liquide sono stabili (82.602 tonnellate) mentre cresce il movimento delle merci rinfuse, pari a 237.632 tonnellate (+20,4%), che vede trainanti i prodotti metalliferi e i cereali.

 

Tag: porto di ancona, trasporto marittimo

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Nuovo consiglio direttivo per Wista Italy: Costanza Musso alla guida dell'associazione delle professioniste dello shipping

A margine della Naples Shipping Week, Wista Italy ha eletto il nuovo consiglio direttivo. Confermate Costanza Musso, Gabriella Reccia, Barbara Pozzolo mentre entrano Lucia Nappi e...

I porti risorsa per l’economia e la transizione ecologica: il ministro Giovannini alla Conferenza delle Autorità Portuali

“Con Assoporti e con le Autorità di Sistema Portuale abbiamo avviato una forte collaborazione perché i porti sono una risorsa per l’economia del Paese e possono contribuire...

Porto di Vado Ligure: avviati test sull’impianto di accumulo di energia elettrica

In un momento storico in cui i prezzi dell’energia sono in drammatica ascesa, poter disporre di un impianto di accumulo di energia elettrica per un porto significa poter dare concretezza a...

Per una settimana Napoli capitale del trasporto marittimo

Una settimana di eventi, networking, approfondimento e confronto per la comunità marittima sulle novità in ambito shipping, logistica e innovazione tecnologica. Dal 26 settembre al...

Assicurare i commerci rispettando le specie marine: Msc modifica le rotte

Le compagnie di navigazione stanno intensificando il loro impegno per ridurre sempre di più l’impatto ambientale delle loro operazioni, sia in termini di emissioni nocive e di...

Riciclo dei rifiuti: ecco cosa stanno facendo i porti

Promuovere iniziative volte allo sviluppo dell’economia circolare, nel contesto delle misure del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (Pnrr), in particolare la Misura 2 - Rivoluzione Verde e...

Porto di Gioia Tauro: nuova asta ferroviaria per il caricamento delle autovetture Stellantis

Passo avanti del porto di Gioia Tauro verso il compimento della piena intermodalità e l’incremento dei trasporti internazionali, in un comparto altamente strategico e significativo come...

Federagenti: la siccità che compromette la navigazione del Reno apre nuove potenzialità per la portualità italiana

I cambiamenti climatici sono la grande sfida per i governi di tutto il mondo, al centro delle agende di politici, decisori e organizzazioni sovranazionali. Gli ultimi mesi di siccità ed eventi...