Logisitica: il Gruppo Raja riunisce le filiali europee Rajapack sotto il marchio unico Raja

martedì 3 settembre 2019 11:06:42

Il Gruppo RAJA, operatore europeo nella distribuzione di imballaggi, forniture e attrezzature per le imprese, annuncia di aver riunito tutte le sue 15 filiali europee, precedentemente note come RAJAPACK, sotto il brand unico RAJA.

L'armonizzazione delle filiali europee renderà RAJA più facilmente identificabile in tutta Europa. Con una presenza in 18 Paesi e 1.900 dipendenti, il Gruppo RAJA è specializzato nella distribuzione di materiali per imballare, proteggere, sigillare, etichettare e spedire da 65 anni. Nel 2018, il Gruppo francese ha registrato un fatturato di 631 milioni di euro, di cui quasi il 50% fuori dalla Francia, e ha servito 420.000 clienti europei di tutte le dimensioni e di tutti i settori merceologici.

"Il marchio RAJA è una promessa ai clienti sulla qualità impeccabile dei prodotti e dei servizi offerti, sullo stretto rapporto creatosi negli anni e sui significativi impegni ambientali e sociali che l’azienda da sempre sostiene", afferma Danièle Kapel-Marcovici, CEO del Gruppo RAJA (nella foto).

"Questo rebranding esprime la volontà della società di valorizzare l’offerta e consolidare il posizionamento sul mercato. - afferma Lorenza Zanardi, General Manager di RAJA Italia – Per tutti i nostri clienti, da sempre al centro della strategia RAJA, non è altro che un’ulteriore garanzia della stabilità, dell’affidabilità e dell’esperienza che ci caratterizzano. In quest’ottica, infatti, continueremo a sviluppare la nostra presenza e il nostro business sul territorio nazionale con piena fiducia nel futuro".
Obiettivi importanti e prospettive promettenti per il 2019

Presente sul mercato italiano dal 2006, RAJA Italia ha sede a Castel San Giovanni (PC) e conta circa 50 dipendenti.
Nel 2019, il Gruppo RAJA porterà avanti la sua strategia di sviluppo multicanale in tutta Europa. "Vogliamo continuare a fornire ai clienti soluzioni più innovative, personalizzate ed eco-friendly. - afferma Danièle Kapel-Marcovici - Stiamo rafforzando i prodotti a catalogo, la logistica e l'organizzazione per raggiungere rilevanti obiettivi di crescita e redditività. Queste operazioni molto probabilmente ci permetteranno di fatturare circa 690 milioni di euro nel 2019".

Obiettivi ambiziosi che saranno guidati dallo sviluppo dei principali clienti, in particolare nel dinamico settore dell'e-commerce, così come dagli investimenti in tecnologia digitale e dal miglioramento della logistica.


© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata


Leggi anche

Leggi gli altri articoli della categoria: Logistica

Altri articoli della stessa categoria

Porto di Trieste: traffico ferroviario in crescita del 7,37%

venerdì 20 settembre 2019 12:36:27
Cresce il trasporto su ferro del 7,37% per lo scalo di Trieste (5.171 treni movimentati) nel primo semestre 2019 rispetto allo stesso periodo del 2018. Doppia...

Consiglio Alis: confermata la visione green del Cluster in vista dell'Assemblea del 12 novembre

mercoledì 18 settembre 2019 11:45:18
  In vista del Assemblea Generale programmata per 12 novembre, si è riunito a Roma il Consiglio Direttivo di ALIS. L'associazione sta continuando...

Federlogistica: chiudere i porti per fermare la contraffazione non risolve il problema

lunedì 16 settembre 2019 11:24:47
Chiudere i porti della contraffazione per non danneggiare le imprese e i consumatori italiani. L'affermazione del ministro dell'Agricoltura, Teresa Bellanov...

Sostenibilità: Gls lancia un nuovo imballaggio costituito all’80% da plastica riciclata

lunedì 16 settembre 2019 11:53:34
L'operatore logistico GLS punta sull’ecosostenibilità del proprio business con le nuove buste in plastica riciclata. L’azienda...

Semplificazione del sistema logistico: Confitarma condivide le proposte del Cnel

lunedì 16 settembre 2019 19:42:11
Tre proposte di legge per la semplificazione normativa del sistema della logistica italiana sono state annunciate in Aula alla Camera dei...