Global Value Chains: il ruolo della Turchia negli scenari logistici internazionali

CONDIVIDI

lunedì 30 maggio 2022

Offshoring, frammentazione delle attività e outsourcing hanno permesso alle catene di valore globali (GVC) di svilupparsi rapidamente sugli scenari del commercio internazionale e di aumentare la resilienza delle catene di approvvigionamento delle aziende. Ad oggi, l'integrazione dei paesi nell'economia globale è strettamente legata alla loro partecipazione alle GVC. Ci troviamo a fare i conti con una pandemia ancora non del tutto alle spalle ed un bollettino di guerra pesante, che porta con sé crisi e blocco delle materie prime, rincaro dell’energia, aumento del costo del carburante e conseguente crisi per il mondo dell’autotrasporto e della distribuzione delle merci. Adattandosi alle sfide e alle trasformazioni dell'economia mondiale, la Turchia emerge come un hub regionale post-pandemico integrato con catene del valore globali, che ha registrato una crescita economica dell'11% nel 2021, grazie ad esportazioni nette, produzione industriale ed investimenti.

Un’economia resiliente ed in rapida crescita

Quella della Turchia è un'economia resiliente, competitiva ed in rapida crescita, che offre un clima di investimento favorevole alle imprese, con un pool di talenti competenti ed un accesso al mercato globale. Un’economia in continuo fermento, che mira ad aumentare la resilienza delle catene di approvvigionamento e salire nella catena del valore globale. La Turchia è diventata un hub regionale non solo per le attività manufatturiere, ma anche per le funzioni di ricerca e sviluppo, progettazione, approvvigionamento, logistica, formazione e gestione delle multinazionali. Il paese aveva già registrato una crescita importante negli anni 2000 quando le riforme economiche avevano inaugurato gli investimenti diretti esteri (IDE) e le catene del valore si erano ampliate, aumentando così la produttività e le esportazioni. Ad oggi, la quota della Turchia nelle esportazioni globali ha superato l'1% per la prima volta nella  storia. Anche le multinazionali hanno approfondito la partecipazione delle GVC della Turchia, giocando un ruolo importante nell'export e le aziende europee e nordamericane stanno aumentando i loro acquisti dalla Turchia. Molti marchi globali sono destinati ad ampliare le proprie attività di produzione ed approvvigionamento verso il paese, nell’intento di avvicinarsi e servire meglio il mercato europeo e nordamericano, riducendo così al minimo i problemi con le catene di approvvigionamento globali e l'aumento dei costi di spedizione.

 Il potenziamento delle infrastrutture

Alla luce dell’incremento dei costi di logistica dalla Cina causati dalla recente pandemia e data la posizione strategica che unisce tre continenti, la Turchia sta rafforzando la propria posizione nella ricerca di alternative alla rete di produzione con sede in Asia, candidandosi a prendere il posto della Cina e di altri paesi dell'estremo oriente nelle catene globali del valore delle imprese europee. Nel frattempo, la Turchia sta rafforzando il ruolo delle ferrovie per valorizzare il trasporto merci e la catena logistica e per continuare ad agire come corridoio internazionale verso l’Asia. Il Middle Corridor- o via della seta- raggiunge l’Europa dalla Cina attraverso la Turchia in maniera economica e veloce, riducendo il tempo di percorrenza di quindici giorni rispetto alla rotta marittima. Oltre ai progetti ferroviari, anche il potenziamento del trasporto marittimo è infatti tra gli obiettivi dell’ economia turca per poter sviluppare al meglio l'interscambio commerciale, soprattutto in vista del green deal e del recente piano Transport Vision 2053, che  prevede di destinare risorse ingenti (oltre 180 miliardi di euro) per il settore dei trasporti (ferroviario, stradale, marittimo e aereo). Ad aiutare la comunità imprenditoriale globale, l’l'Ufficio Investimenti della Presidenza della Repubblica di Turchia, che fornisce  assistenza agli investitori con servizi gratuiti di informazione, facilitazione e follow-up durante l'intero processo di investimento. L’Ufficio, al fine di migliorare ulteriormente lo sviluppo economico del Paese, sostiene ed incoraggia in particolar modo gli investimenti  ad alta tecnologia, quelli  a valore aggiunto ed in grado di generare occupazione. Attivo su scala globale, l'Investment Office è presente anche nel nostro Paese con consulenti italiani che hanno operato per decenni nel business industriale  internazionale.

Le GVC ed i paesi terzi

Nell’ambito delle collaborazioni verso paesi terzi, le catene globali del valore (GVC) rappresentano una indubbia opportunità di crescita e di creazione di valore aggiunto per le economie nazionali e quel tentativo di  contribuire a ridurre le disuguaglianze economiche, grazie all’inserimento in percorsi di sviluppo globale sostenibili. Il ruolo crescente della politica estera turca rispetto al continente africano e alla zona euro-asiatica, la posizione strategica della Turchia che si interseca con più di 10 time zones e la presenza di Turkish Airlines e di Turkish Cargo che collegano oltre 320 destinazioni e più di 100 paesi, colloca la Turchia come testa di ponte per entrare facilmente nelle geografie asiatiche ed africane. In questo scenario, gli interessi bilaterali di Italia e Turchia possono portare ad azioni congiunte importanti verso i paesi africani, lanciando una sfida importante per l’economia globale. I due paesi sono infatti uniti da un interscambio commerciale molto forte, destinato a crescere e a migliorare le reciproche sinergie.

Veronica Concilio Scott

Tag: Turchia, logistica, infrastrutture

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

La figura della logistica entra per la prima volta nel Codice civile

Per la prima volta nella storia della Repubblica viene introdotta la figura della logistica all’interno del Codice civile. La Camera ha approvato in via definitiva il D.L 36/2022 sul PNRR (A.C....

Dalla Torino-Lione al Brennero: in arrivo fondi dall'Ue per 11 progetti italiani

Undici progetti italiani rientrano tra i 135 progetti di infrastrutture di trasporto che riceveranno fondi Ue. Tra questi quello relativo alla galleria di base Lione-Torino, con 10.713.000 euro a...

Intermodalità e flessibilità: le strategie della logistica per affrontare la crisi internazionale

Covid, aumento del costo dei noli, difficoltà di approvvigionamento, guerra in Ucraina: negli ultimi due anni il settore trasporti e logistica ha dovuto fronteggiare difficoltà...

Porto di Trieste: via al nuovo collegamento ferroviario con la Slovenia

“Il porto di Trieste si caratterizza per essere una piattaforma ferroviaria totale. Ormai non esiste nessun terminal nel nostro scalo che non sviluppi treni sia di tipo tradizionale sia...

Assiterminal: incentivare l'intermodalità ferroviaria nei porti

Un’accelerazione concreta sull’incentivazione all’intermodalità ferroviaria da e verso i porti, ampliando la vision attraverso tutti i nodi di collegamento tra Reti Ten...

Sfide e opportunità dell’autotrasporto 4.0: il 7 e l’8 luglio il IV Congresso Nazionale di Assotir

Innescare un cambio di passo significativo per il settore della logistica e puntare finalmente a un autotrasporto 4.0 aprendo un confronto tra politica, associazioni e imprese sulle principali sfid...

Al via l'Intermodal Academy Golia, la business school dedicata all'intermodalità

Entro il 2030, secondo quanto stabilito dall’Unione europea, il 30% della quota modale di trasporto merci su percorrenze superiori a 300 km dovrà essere trasferito su rotaie o sul mare....

La Turchia è il quinto paese in Europa per numero di progetti IDE

Secondo i dati dell’ EY Attractiveness  Survey Europe, il numero di progetti di IDE in Turchia è aumentato notevolmente nel 2021, circa il 27%, grazie al  reshoring e al...