FedEx: zero emissioni entro il 2040 grazie all’elettrificazione della flotta e alla ricerca scientifica

CONDIVIDI

mercoledì 3 marzo 2021

Azzerare, entro il 2040, le emissioni di CO2 generate dalle proprie operazioni globali. L'ambizioso obiettivo è stato annunciato oggi dal corriere aereo FedEx.

A questo scopo è stato messo in campo un investimento iniziale di oltre 2 miliardi di dollari a iniziative tese a incrementare la sostenibilità delle operazioni aziendali nell’ambito della flotta di aerei e veicoli a motore, così come delle infrastrutture. 

Tra questi, 100 milioni saranno destinati all’Università di Yale per contribuire alla fondazione del Center for Natural Carbon Capture e accelerare le ricerche sui metodi di sequestro di carbonio su ampia scala, partendo dal controbilanciare una quantità di emissioni di gas serra equivalenti alle emissioni attuali del trasporto aereo.

Gli step verso la neutralità carbonica

Entro il 2040, l’intera flotta dedicata al ritiro e alla consegna (PUD) di FedEx sarà composta da veicoli elettrici a zero emissioni grazie a programmi progressivi tesi alla sostituzione dei veicoli esistenti. Entro il 2025, per esempio, il 50% degli acquisti di veicoli PUD globali FedEx Express riguarderà veicoli elettrici. Entro il 2030 questa percentuale arriverà al 100%.

Soluzioni sostenibili per i clienti. FedEx collaborerà con i clienti per offrire alle loro supply chain una sostenibilità “end-to-end”, con proposte di spedizione a emissioni zero e soluzioni di imballaggio sostenibili. 

Ridurre il consumo di carburante della flotta aerea

FedEx darà seguito al successo delle iniziative FedEx Fuel Sense, mirate a ridurre il consumo di carburante della flotta aerea. Dal 2012, i programmi di modernizzazione della flotta e FedEx Fuel Sense hanno permesso di risparmiare un totale di 1,43 miliardi di galloni di carboturbo ed evitare oltre 13,5 milioni di tonnellate di emissioni di diossido di carbonio (CO2). 

Meno carbonio grazie alle ricerche dello Yale Center for Natural Carbon Capture

I finanziamenti di FedEx contribuiranno all’istituzione dello Yale Center for Natural Carbon Capture a supporto della ricerca applicata di soluzioni naturali per il sequestro di carbonio.

Il percorso verso la sostenibilità si fonda su nuove strategie per la rimozione e l’immagazzinamento del carbonio in eccesso nel pianeta. Il centro catalizzerà la ricerca interdisciplinare tra scienze naturali e ingegneria per accelerare il raggiungimento dell’obiettivo.
I ricercatori svilupperanno metodi tesi a rafforzare i sistemi naturali per l’immagazzinamento del carbonio, tra cui ecosistemi biologici e ciclo geologico del carbonio, migliorando così, ove possibile, la velocità di assorbimento del carbonio, le quantità contenibili e la durata dell’immagazzinamento. Con questi sforzi gli scienziati di Yale intendono creare un portafoglio di strategie per la rimozione del carbonio rilevanti su scala globale.

Consolidando le attiità nel settore aereo, il Centro amplierà il suo raggio d’azione verso ulteriori fonti di emissioni globali. I risultati saranno pubblicati e condivisi per permettere a imprese, industrie e governi di beneficiare di un lavoro teso ad accelerare l’adozione e l’implementazione di strategie naturali per la cattura del carbonio a livello mondiale.

Tag: ecosostenibilità, fedex, emissioni co2

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Mobilità elettrica: Acea lancia una App per la ricarica dei veicoli

Una nuova app per la ricarica dei veicoli elettrici. L'ha lanciata Acea Energia ed è utilizzabile su oltre 10.000 punti abilitati in tutta Italia. Acea entra così nel settore...

Camion e autobus a emissioni zero: l'industria chiede di ampliare la rete di ricarica elettrica

Più stazioni di ricarica elettrica per i veicoli pesanti. I produttori di autocarri e le associazioni ambientaliste chiedono all'Ue di implementare 11.000 punti di ricarica per camion...

Sostenibilità: l'Ue invita a presentare progetti per ridurre le emissioni con tecnologie green

Lanciare progetti per tecnologie e soluzioni per favorire l'uso dell'drogeno rinnovabile e per ridurre le emissioni di carbonio. L'invito parte dalla Commissione Ue ed è rivolto a tutti...

Riduzione emissioni CO2: ACEA, pronti a obiettivi Ue più severi ma servono punti di ricarica e stazioni

Secondo l'Associazione europea dei produttori di automobili ACEA, la revisione del regolamento sulle emissioni di CO2 per le autovetture e i furgoni, ora sul tavolo dell'Ue,  dovrà...

Firenze: scatta lo stop ai veicoli più inquinanti all'interno della ZTL

Nuovo stop a Firenze ai veicoli più inquinanti: scatta il divieto di accesso e il transito alle auto e ai veicoli merci delle classi diesel Euro 3 ed Euro 4 all'interno della Ztl e nella...

Mercedes-Benz Vans: in arrivo la prima ambulanza elettrica sulla base dell'eSprinter

"Da oggi, insieme al nostro partner Ambulance-Mobile, possiamo offrire per la prima volta un’ambulanza elettrica a batteria in grado di effettuare il trasporto di persone non solo in sicurezz...

Civitavecchia, Fiumicino e Gaeta: nasce la nuova comunità logistica dei porti laziali

Nasce la nuova Comunità logistica portuale di Civitavecchia, Fiumicino e Gaeta (PLC). Le parti firmatarie hanno sottoscritto e condiviso il Memorandum of Understanding (MoU), che fa capo...

Mobilità elettrica: Scania entra in Motus-E per accelerare la transizione verso la sostenibilità

Scania approda in Motus-E, l'associazione che riunisce e rappresenta la filiera della mobilità elettrica. L'azienda svedese ha da poco presentato sul mercato la prima gamma di veicoli ibridi...