Trasporti eccezionali: pubblicate in Gazzetta le linee guida

CONDIVIDI

martedì 20 settembre 2022

Pubblicato in Gazzetta il Decreto del MIMS sull’adozione delle “Linee guida sui trasporti in condizioni di eccezionalità”. Lo ha comunicato con una nota l'associazione Anita.

Oltre ad offrire una sintesi del quadro normativo dei trasporti in condizioni di eccezionalità sia in ambito nazionale che regionale, le linee guida descrivono i compiti attribuiti ai soggetti preposti al rilascio dell’autorizzazione per la circolazione.

Il documento propone anche un protocollo di verifica per massa che prevede, tra l’altro, la conoscenza, il monitoraggio e il controllo della sovrastruttura stradale per valutare la compatibilità del trasporto eccezionale con la pavimentazioni stradali al passaggio dei carichi, con la stabilità dei manufatti e delle opere d’arte.

In premessa, il documento richiama la normativa nazionale e la vigenza di circolari e direttive emanate dal MIT nel corso degli anni – elencandole – che hanno integrato l’art.10 del Cds e gli artt. Dal 9 al 20 del Regolamento d’esecuzione del Cds.

Le disposizioni di cui al comma 2, lett. b), dell’art. 10 del Codice della strada riguardano il trasporto eseguito con veicoli eccezionali, che ecceda congiuntamente i limiti fissati dagli artt. 61 (dimensioni) e 62 (massa) del CdS, di determinate categorie merceologiche ossia:

• blocchi di pietra naturale,
• elementi prefabbricati compositi ed apparecchiature industriali complesse per l'edilizia,
• prodotti siderurgici coils e laminati grezzi.

In tali casi il carico può essere integrato con gli stessi generi merceologici autorizzati e comunque in numero non superiore a 6 unità. Ove invece ci fosse l’eccesso di massa ma non di dimensioni, il carico può essere completato, con generi della stessa natura merceologica, per occupare l’intera superficie del veicolo o del complesso di veicoli, nell’osservanza dell’art. 164 del CdS e della massa eccezionale a disposizione.

In quest’ultima fattispecie permane il limite di 6 unità nel caso in cui il genere merceologico siano gli elementi prefabbricati compositi ed apparecchiature industriali complesse per l’edilizia. In ogni caso, la predetta massa complessiva non può essere superiore a:

• 38t se si tratta di autoveicoli isolati a tre assi;
• 48t se si tratta di autoveicoli isolati a quattro assi;
• 86t se si tratta di complessi di veicoli a sei assi;
• 108t se si tratta di complessi di veicoli a otto assi.

Per tali merceologie, il peso massimo autorizzabile varia ovviamente dalle condizioni delle infrastrutture ed è pertanto possibile vengano autorizzati pesi inferiori a quelli massimi, cosa questa che già avviene da qualche anno dopo gli episodi di crolli di cavalcavia.
Viene precisato inoltre che è auspicabile che la massa complessiva suddetta possa essere distribuita su più assi rispetto al numero indicato, che deve essere inteso come numero minimo di assi.
Soltanto nel caso di trasporto di un unico pezzo indivisibile può essere superato il limite di 108 ton.

Le argomentazioni e le valutazioni contenute nelle “Linee guida” sono valide anche per veicoli eccezionali, e trasporti eccezionali di altre tipologie di carichi, con riferimento ai soli limiti fissati dall’art. 62 del CdS, dal momento che le modalità di verifica della compatibilità del transito in condizioni di eccezionalità con la conservazione delle sovrastrutture stradali, con la stabilità dei manufatti e con la sicurezza della circolazione, non dipendono dalla tipologia delle cose trasportate ma dalle masse che andranno a sollecitare le sovrastrutture e i manufatti stessi.


Disponibili qui i documenti del MIMS

Tag: trasporti eccezionali, autocarro

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Federauto Trucks&Van: autotrasporto ancora in difficoltà, manca continuità nei sostegni

Le difficoltà delle aziende dell'autotrasporto, costrette a fronteggiare i costi elevati dei carburanti, sono seguite con attenzione e apprensione da Federauto Trucks&Van. Nonostante la...

La ferrovia del Brennero al limite, Anita sollecita l'eliminazione divieti di transito

Le questioni aperte e le sfide che deve affrontare oggi la filiera del trasporto merci sono state al centro dell'incontro che si è svolto a Roma tra il Ministro delle Infrastrutture...

Autotrasporto: Decreto Flussi 2023, ecco la quota di lavoratori stranieri autorizzati a lavorare in Italia

Il Decreto Flussi 2023 ha stabilito l'ingresso di 82.705 lavoratori stranieri in Italia per quest'anno. Di questi, 30.105 sono destinati a diversi settori, tra cui autotrasporto merci, edilizi...

Trasporto alimentari: nuove procedure per le stazioni di prova ATP private

Il Ministero dei Trasporti ha pubblicato un decreto che stabilisce le procedure per l'autorizzazione delle nuove stazioni di prova ATP private. Queste stazioni affiancheranno i centri gestiti...

La A4 Venezia-Trieste supera i livelli di traffico pre-pandemia, flusso dei tir in crescita del 4,6%

La ripresa economica del 2022, certificata da una forte crescita del Pil - in Veneto +4,2% nel 2022 - si è accompagnata a un significativo incremento degli spostamenti di merci e di...

Camion: pubblicato l'aggiornamento a gennaio 2023 dei costi di esercizio

Il ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha pubblicato i valori indicativi di riferimento dei costi di esercizio dell’impresa italiana di autotrasporto di merci per conto di terzi...

Gasolio, bonus autotrasporto: ecco i dossier ancora aperti

Sono molte le questioni ancora aperte sul tavolo dell'autotrasporto. Le ha elencate l'associazione Confartigianato Trasporti dopo l’apertura del dialogo col nuovo ministro dei Trasporti Matteo...

Limitazioni camion Brennero: il 28 gennaio iniziativa Fai-Conftrasporto a Verona

Il contingentamento dei mezzi pesanti lungo l’asse del Brennero sarà al centro di un’iniziativa in programma il 28 gennaio prossimo a Verona.  L’evento vedrà...