FCA Bank estende i servizi al settore autocarri: partnership con Ford Trucks

CONDIVIDI

mercoledì 25 maggio 2022

Continua il percorso di diversificazione ed espansione della strategia di business di FCA Bank con la firma della prima partnership strategica nel mondo degli autocarri pesanti. La banca offrirà i propri servizi finanziari ai dealer e ai clienti finali di Ford Trucks, supportando il brand nella futura fase di lancio di veicoli di ultima generazione, in risposta alla richiesta di una mobilità sempre più sostenibile.

La partnership combina le idee di futuro di FCA Bank e Ford Trucks, basate su innovazione e attenzione per l’ambiente: l’Ovale Blu è sempre più impegnato nello sviluppo di nuovi modelli a zero emissioni, presto disponibili, facendo leva su mobilità elettrica e a idrogeno.

“Siamo fieri dell’accordo con Ford Trucks: un marchio storico, con una grande capacità di sviluppo dinamico del prodotto, ma anche aperto all’innovazione e proiettato al futuro. Un partner di rilievo, in grado di valorizzare ulteriormente la nostra esperienza quasi centenaria e l’attenzione che da sempre nutriamo per l’ambiente – dichiara Giacomo Carelli, Ceo e General Manager di FCA Bank –. Questo accordo sancisce il nostro ingresso nel mondo degli autocarri pesanti, un mercato in forte sviluppo in Italia e non solo”.

L’accordo, avviato sul mercato Italia, comprende i trattori stradali realizzati dal brand, dalla punta di diamante F-MAX, vincitore del premio International Truck of the Year 2019, al low cost multiruolo 1848T.

FCA Bank punta così ad ampliare la propria posizione nel percorso verso la mobilità del futuro, estendendo i propri servizi a un settore, quello dei mezzi pesanti, in forte crescita. Nel 2022 infatti il mercato degli autocarri sopra le 3,5 tonnellate ha fatto registrare, nel nostro Paese, un importante aumento delle immatricolazioni, pari al 24,8% rispetto all’anno precedente, per un totale di 24.763 veicoli (elaborazioni Anfia su dati del Mims aggiornati ad aprile 2022).

Tag: fca, Ford, Turchia

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Istanbul: aperto il primo centro TOGG Experience

TOGG, il primo marchio turco di automobili completamente elettriche, ha inaugurato il Togg experience center ad Istanbul, dove i cittadini avranno la possibilità di conoscere il  modello...

Vicenza: un incontro per raccontare l’ecosistema industriale in Turchia

Si terrà il prossimo 30 novembre un evento organizzato da Confindustria Vicenza con il supporto di Intesa Sanpaolo e dell’Ufficio per la Cultura e l’Informazione...

Pubblicato "ESG CEO Pulse”, il primo rapporto sulla sostenibilità in Turchia

L’Ufficio per gli Investimenti della Presidenza della Repubblica di Turchia ha presentato, in collaborazione con Bain & Company Türkiye, il primo rapporto sulla...

Turchia: la produzione automobilistica supera il milione di veicoli  in dieci mesi

Secondo dati recenti dell' Associazione dei Produttori Automobilistici (OSD), la produzione delle case automobilistiche turche è aumentata del 4,6% nei primi dieci mesi dell’anno...

Le esportazioni automobilistiche turche in continuo aumento nonostante l’inflazione

Le esportazioni automobilistiche turche sono arrivate a sfiorare i 2,65 miliardi di dollari durante il mese di ottobre, nonostante le preoccupazioni su una possibile recessione economica globale e...

Turchia: gli obiettivi di crescita economica per il 2023

Il Ministro del Tesoro e delle Finanze Nureddin Nebati ha dichiarato che il governo turco punta ad un tasso di crescita economica del 5% per il 2023. “In un momento in cui i rischi di...

Turchia: nuovi strumenti a supporto degli investitori

Si è svolto oggi il webinar dal titolo “Turchia: management locale e strumenti finanziari di supporto per gli investitori italiani”, organizzato da Temporary Management &...

Turchia: gli investimenti nelle start-up sfiorano i due miliardi di dollari

Secondo il "Turkish Startup Ecosystem Q3 Report 2022" pubblicato da  Startup.watch, nel  terzo trimestre del 2022 gli investimenti nelle startup turche sono aumentati di quasi 1,5 miliardi...