Autotrasporto: allarme approvvigionamento in Gran Bretagna, mancano 100mila camionisti

CONDIVIDI

lunedì 30 agosto 2021

Nel Regno Unito mancano almeno 100mila camionisti, indispensabili per il trasporto delle merci. Le ragioni, in gran parte, sono legate alle conseguenze di Brexit e Covid.

Ma tale tendenza, che ha in realtà radici ben più profonde, riguarda l’intero settore dell’autotrasporto internazionale e continua a destare grande preoccupazione. Si prevede che la carenza di autisti di camion aumenterà di oltre un quarto nel 2021.

In Gran Bretagna, recentemente, è stato segnalato addirittura allarme approvvigionamento: sempre più scaffali nei negozi alimentari sono vuoti, la catena Mc Donalds ha dovuto rinunciare a vendere milkshakes e bibite in bottiglia.

Co-operative Group, uno dei maggiori gruppi di vendita al dettaglio del Regno Unito si sta muovendo per risolvere il problema addestrando parte del suo personale a guidare i camion.
“Rischiamo di cancellare nuovamente il Natale”, ha dichiarato al Guardian il direttore della catena di supermercati Iceland, Richard Walker, esortando poi il governo a intervenire sulle regole della Brexit per permettere di assumere camionisti all'estero. Nei suoi negozi ormai si cancellano 30-40 consegne al giorno, comprese quelle di prodotti freschi come il pane. E le consegne di bibite sono calate del 50%.

Situazione Italia: l’appello dell’Anita

La ripresa economica, che sta seguendo la grave crisi pandemica, rischia di incepparsi perché le imprese del settore non riescono a trovare autisti per le proprie flotte. Nell’immediato ne servirebbero almeno 5mila, una cifra che sale a quota 17mila se proiettata nel prossimo biennio.
Il problema è stato segnalato nuovamente nelle ultime settimane dall’associazione di settore Anita che ha chiesto “il rafforzamento delle politiche attive del lavoro e l’avvio di una efficace azione per qualificare persone, anche disoccupate o coinvolte in situazioni di crisi aziendali che potrebbero essere collocate nel settore”.

Secondo l'Anita, va poi rivista completamente la formazione scolastica per allargare il bacino di potenziali interessati a intraprendere la professione di conducente professionale: "I veicoli di ultima generazione richiedono conoscenze di tecnologie più alla portata delle nuove generazioni e garantiscono maggiore sicurezza e sostenibilità ambientale. In questo modo si supererebbe anche la questione dei costi legati all’ottenimento della CQC e della patente professionale che sono oggi certamente un ulteriore elemento deterrente per i giovani

Giovannini: “Servono contratti a tempo indeterminato”

Il ministro delle Infrastrutture e della mobilità sostenibili Enrico Giovannini, nel corso di un’intervista su Radio 24, ha spiegato che sono necessarie politiche attive del lavoro e un impegno degli operatori privati, “ma anche il settore produttivo deve far capire quali esigenze sono temporanee e quali permanenti".
"La ripartenza economica è molto robusta- ha proseguito Giovannini- quindi ci possono essere delle carenze di offerta di lavoro; pensiamo al settore delle costruzioni con l'investimento straordinario che si farà con il Pnrr , c'è un rischio di non trovare sufficienti operari per le costruzioni, ma quello che è importante da parte delle imprese è far capire che certe esigenze non sono soltanto temporanee, ma dei cambiamenti strutturali che possono essere fronteggiati con contratti a tempo indeterminato e con remunerazioni adeguate", ha concluso il ministro Giovannini.

Azienda logistica veneziana cerca autisti tra afghani giunti in Italia

Tra i fattori che incidono sugli scarsi nuovi ingressi nel settore pesa anche la percezione del ruolo professionale con condizioni di lavoro percepite come difficili, mentre risulta ancora non vinta la sfida di attrarre giovani e donne.

Un’azienda logistica veneziana si è rivolta alla Farnesina: "Sto cercando di interloquire con il Ministero degli Esteri per vedere se fra gli afghani giunti in Italia negli ultimi giorni, ci siano persone capaci di guidare i camion, ho una decina di posizioni urgenti da coprire e non ci sono candidati", ha detto oggi Damaso Zanardo, presidente dell'omonimo gruppo veneziano della logistica.

"Purtroppo in Italia - ha aggiunto Zanardo - c'è una cultura di demonizzazione degli autotrasportatori, indicati come responsabili degli incidenti più gravi, a causa della quale le persone che si avvicinano ad un mestiere invece indispensabile e sempre meglio pagato sono insufficienti rispetto a quelle che ci servono".

Tag: brexit

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Regno Unito, Brexit: le aziende Ue possono continuare a inviare semirimorchi non accompagnati

Recentemente sono arrivati dal fronte Brexit alcuni chiarimenti circa le novità in materia di trasporti internazionali e Regno Unito (Ne abbiamo parlato qui).L'associazione Anita oggi ha...

Brexit, Logistic Uk lancia l'allarme: porti paralizzati in estate?

Il monito arriva da Logistics Uk, il principale ente commerciale logistico del Regno Unito. Le conseguenze della Brexit potrebbero danneggiare i traffici commerciali a partire dalla prossima...

Carenza di autisti nel Regno Unito: situazione in miglioramento in base agli ultimi dati delle associazioni di categoria

Nel Regno Unito è in atto un’inversione di tendenza del problema rappresentato dalla carenza di autisti di mezzi pesanti e di altri lavoratori della logistica venutosi a creare nei mesi...

Brexit: facilitare le operazioni di sdoganamento e agevolare l’e-commerce

Cosa comporta il nuovo obbligo di dichiarazione, è necessario dotarsi di un centro logistico proprio in loco e in che modo si possono organizzare con affidabilità spedizione, trasporto...

Regno Unito: appello per trovare 300 autisti stranieri, rispondono solo in 127

Solo 127 autisti di mezzi pesanti hanno fatto richiesta, dall'estero, per il visto temporaneo di lavoro nel Regno Unito dopo la Brexit. Il governo sta offrendo circa 300 visti immediati rivolto ad...

In Regno Unito manca il carburante, priorità al personale medico

Accesso prioritario ed esclusivo ad alcune pompe di benzina ai lavoratori dei servizi essenziali, a cominciare dai medici. E' questa la soluzione a cui sta pensando il governo britannico per il piano...

Il lungo colpo di coda della Brexit: Made in Italy a rischio

In pericolo 3,6 miliardi di valore annuale delle esportazioni agroalimentari Made in Italy in Gran Bretagna, che nel 2021 per la prima volta da almeno un decennio risultano in calo (-2%). Gli...

Regno Unito: stazioni di servizio chiuse a causa della carenza di camionisti

La chiusura di alcune stazioni di rifornimento di carburante nel Regno Unito ha riacceso la discussione sulla carenza di autisti dei camion che dovrebbero trasportare i rifornimenti. Secondo quanto...