Trasporto merci pericolose: Anita, Fai e Fedit chiedono maggiori garanzie per la sicurezza

mercoledì 3 ottobre 2018 13:43:01

"Garantire la sicurezza nel trasporto delle merci pericolose non può essere un compito esclusivo delle imprese di autotrasporto, ma serve l’impegno collaborativo e responsabile di tutta la filiera". E' questo il messaggio che ANITA, FAI e FEDIT, le associazioni che riuniscono le più grandi imprese che trasportano merci pericolose (prodotti petroliferi e chimici), hanno rivolto ai rappresentanti della committenza.

Il trasporto in ADR (Accord Dangereuses Route) - così chiamato dall'Accordo europeo relativo ai trasporti di merci pericolose su strada - è un settore cruciale per l’economia del Paese con 10.000 addetti impiegati e 6.500 autobotti movimentate e che, stando agli ultimi dati del MIT Conto Nazionale dei Trasporti 2016, rappresenta il 7,2% (65  milioni di tonnellate l’anno) del traffico merci totale in Italia. Un comparto ad alto rischio che include materie solide e liquide infiammabili (nella misura del 76%), gas (15%), materie corrosive (7%), tossiche (0,8%), prodotti soggetti a esplosione, radioattivi, infettanti, soggetti ad accensione spontanea o a sprigionamento di gas infiammabili (nella percentuale del 1,2%).

La pericolosità dei prodotti richiede alle imprese di autotrasporto di garantire elevati standard di sicurezza e qualità attraverso notevoli investimenti in veicoli tecnologicamente avanzati e dotati di dispositivi innovativi che aumentano la sicurezza passiva e riducono l’impatto ambientale, personale qualificato, adeguate coperture assicurative, nonché una complessa organizzazione aziendale. "Elementi che, nell’insieme, contribuiscono all’aumento dei costi a carico delle imprese che operano in regime ADR, troppo spesso sottovalutati da molti committenti, i quali inseguono ancora unicamente il prezzo più basso una tendenza che deve essere invertita - scrivono le associazioni -. L’intera filiera deve fornire quelle garanzie che la collettività si attende: un trasporto di qualità e in sicurezza ha origine da una attenta selezione sul mercato di partner che garantiscono i sopra citati standard, ai quali deve necessariamente corrispondere una adeguata valorizzazione del servizio, in un mercato libero e competitivo". Per questo motivo Anita, Fai e Fedit chiedono ai committenti uno sforzo e un impegno responsabile, "se non si vuole correre il rischio di spingere fuori dal mercato proprio le imprese che lavorano in sicurezza, giocando a favore di quelle poco attente a tali valori".

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

CONDIVIDI
Leggi anche

Covid-19: prorogati i termini di validità delle abilitazioni alla guida

La Motorizzazione del Ministero delle infrastrutture e trasporti ha emanato una circolare che aggiorna le proroghe di validità delle abilitazioni alla guida - a seguito...

Covid-19: proroga dello stato di emergenza al 15 ottobre 2020

Con il Decreto Legge n.83 del 30 luglio il Governo ha prorogato al 15 ottobre 2020 lo stato di emergenza dettato dalla pandemia da Covid-19 e conseguentemente potranno continuare a essere adottate le...

Camion: Austria, ecco i divieti di circolazione integrativi per il 2020

Il ministero dei trasporti austriaco ha introdotto per il 2020 alcuni divieti per i mezzi pesanti di peso complessivo oltre 7,5 ton che circolano sul territorio austriaco, in aggiunta a quelli...