Trasporto merci pericolose: Anita, Fai e Fedit chiedono maggiori garanzie per la sicurezza

CONDIVIDI

mercoledì 3 ottobre 2018

"Garantire la sicurezza nel trasporto delle merci pericolose non può essere un compito esclusivo delle imprese di autotrasporto, ma serve l’impegno collaborativo e responsabile di tutta la filiera". E' questo il messaggio che ANITA, FAI e FEDIT, le associazioni che riuniscono le più grandi imprese che trasportano merci pericolose (prodotti petroliferi e chimici), hanno rivolto ai rappresentanti della committenza.

Il trasporto in ADR (Accord Dangereuses Route) - così chiamato dall'Accordo europeo relativo ai trasporti di merci pericolose su strada - è un settore cruciale per l’economia del Paese con 10.000 addetti impiegati e 6.500 autobotti movimentate e che, stando agli ultimi dati del MIT Conto Nazionale dei Trasporti 2016, rappresenta il 7,2% (65  milioni di tonnellate l’anno) del traffico merci totale in Italia. Un comparto ad alto rischio che include materie solide e liquide infiammabili (nella misura del 76%), gas (15%), materie corrosive (7%), tossiche (0,8%), prodotti soggetti a esplosione, radioattivi, infettanti, soggetti ad accensione spontanea o a sprigionamento di gas infiammabili (nella percentuale del 1,2%).

La pericolosità dei prodotti richiede alle imprese di autotrasporto di garantire elevati standard di sicurezza e qualità attraverso notevoli investimenti in veicoli tecnologicamente avanzati e dotati di dispositivi innovativi che aumentano la sicurezza passiva e riducono l’impatto ambientale, personale qualificato, adeguate coperture assicurative, nonché una complessa organizzazione aziendale. "Elementi che, nell’insieme, contribuiscono all’aumento dei costi a carico delle imprese che operano in regime ADR, troppo spesso sottovalutati da molti committenti, i quali inseguono ancora unicamente il prezzo più basso una tendenza che deve essere invertita - scrivono le associazioni -. L’intera filiera deve fornire quelle garanzie che la collettività si attende: un trasporto di qualità e in sicurezza ha origine da una attenta selezione sul mercato di partner che garantiscono i sopra citati standard, ai quali deve necessariamente corrispondere una adeguata valorizzazione del servizio, in un mercato libero e competitivo". Per questo motivo Anita, Fai e Fedit chiedono ai committenti uno sforzo e un impegno responsabile, "se non si vuole correre il rischio di spingere fuori dal mercato proprio le imprese che lavorano in sicurezza, giocando a favore di quelle poco attente a tali valori".

Tag: anita

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Premio autista dell’anno: Anita consegna il riconoscimento a Tiziano D’Aprile

Tiziano D’Aprile è il vincitore della prima edizione del Premio autista dell’anno indetto dall'associazione Anita. La consegna è avvenuta a Santa Teresa Gallura durante...

Imprese: lavoro agile prorogato fino al 31 dicembre anche per il settore trasporti

Prorogato fino al 31 dicembre 2022 il diritto di svolgere l’attività lavorativa in modalità agile per i lavoratori fragili (ossia i lavoratori con patologie croniche con scarso...

Ricollocare i congedati nell'autotrasporto: Segredifesa e ANITA firmano una convenzione

Offrire nuovi sbocchi lavorativi nell'autotrasporto ai volontari congedati. La convenzione siglata a Padova dal Segretariato Generale della Difesa e Direzione Nazionale degli Armamenti (Segredifesa)...

Autotrasporto: al centro dell'assemblea annuale Anita decarbonizzazione e transizione energetica

Un confronto tra istituzioni e imprenditori sulla transizione energetica e ambientale che l’autotrasporto merci sta vivendo, nell'ottica di una collaborazione per affrontare l’aumento dei...

Nuova proroga taglio accise carburanti, Anita: servono correttivi per l'autotrasporto

"In assenza di correttivi per l’autotrasporto, meglio non prorogare la misura”. Il commento del Presidente di Anita Thomas Baumgartner si riferisce all'ipotesi secondo cui il Governo...

Camion autonomi nei terminal entro la fine del decennio, cresce il progetto Anita-MAN

Utilizzare autocarri autonomi per il trasferimento dei container dalla strada alla ferrovia, rendendo i processi più efficienti, facili da pianificare e flessibili. È questo l'obiettivo...

Credito d’imposta per le imprese di autotrasporto, Anita: adesso servono tempistiche brevi

Giudizio positivo da parte di Anita sull'esito della riunione di ieri al Mims sulle questioni aperte per l'autotrasporto (ne abbiamo parlato qui). Il Gabinetto del MIMS ha spiegato quali sono i tempi...

Autotrasporto: il Parlamento Ue boccia la proposta di riforma del sistema ETS

Il Parlamento Ue ha respinto la proposta della Commissione europea di riforma del sistema ETS (European Union Emissions Trading Scheme), il sistema di scambio di quote di CO2. Lo ha comunicato...