Limitazioni veicoli inquinanti: Fai Conftrasporto, impraticabile senza incentivi per rinnovare i mezzi

lunedì 19 novembre 2018 13:41:35

"L’accordo l’hanno siglato Emilia Romagna, Lombardia, Piemonte e Veneto. L’obiettivo è migliorare la qualità dell’aria; lo strumento adottato, limitare la circolazione dei veicoli più inquinanti nel bacino padano. Il risultato è che, alla luce dell’inefficace politica di incentivi per il ricambio del parco circolante, si rischia di incidere negativamente sulle imprese e sulla capacità distributiva delle merci. Ergo, l’accordo tra le quattro regioni del Nord risulta insostenibile". Lo scrive Fai-Conftrasporto commentando il recente accordo sulle limitazioni al traffico per i mezzi pesanti nel bacino padano.


Di qui l’appello della Fai, la Federazione degli autotrasportatori italiani che aderisce a Conftrasporto-Confcommercio. “Occorre che le Regioni e il Governo, attraverso l’istituzione di un fondo ad hoc, si attivino da subito per garantire alle imprese di autotrasporto in conto terzi le risorse indispensabili al rinnovamento della flotta” afferma la Fai-Conftrasporto dopo un’analisi dei provvedimenti adottati dai Comuni a partire dal 1° ottobre scorso, e delle conseguenze sulla catena logistica e distributiva.

L’analisi ha anche evidenziato una disomogeneità delle limitazioni alla circolazione tra i diversi territori sia nelle finestre temporali di applicazione che nelle deroghe previste, "inficiando negativamente sulla regolarità della fornitura delle merci. E’ necessario un confronto serrato con le amministrazioni interessate, e in tal senso ci siamo già attivati - spiega la Fai - Pur partendo dalla condivisione dei principi su cui si basa l’accordo, è necessario che vengano corrette le distorsioni e che sia garantito veramente il coordinamento necessario dei provvedimenti di limitazione”.

“Il confronto deve partire certamente dalla consapevolezza che si tratta di un’emergenza e che come tale va gestita, al limite con strumenti straordinari - prosegue la Federazione degli autotrasportatori di Conftrasporto - Ma tale consapevolezza deve essere bilanciata da un sano realismo: è indispensabile un periodo di transizione funzionale al ricambio del parco circolante coerente (più lungo dell’attuale a parità di condizioni) con le reali disponibilità delle imprese”.

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

CONDIVIDI
Leggi anche

Allarme di Federlogistica-Conftrasporto: la Cina spia i dati italiani di merci e logistica

Federlogistica-Conftrasporto lanciano un allarme sul disegno geopolitico economico della Cina, alla luce delle ultime notizie apparse negli organi di stampa, invitando il Governo ad un’azione...

Sardegna, obbligo di certificazione di negatività al Covid. Conftrasporto: violata la libera circolazione

E' in vigore da lunedì 14 settembre la disposizione, valida fino al prossimo 7 ottobre, relativa al certificato di negatività al Covid-19 per chi arriva in Sardegna. Per...

Nuovo Codice della Strada, Conftrasporto: ipotesi pericolose, daremo battaglia

Ipotesi “demenziali” e “pericolosissime” per la sicurezza. Così il vicepresidente di Conftrasporto, Paolo Uggè, definisce in una nota le intenzioni del...