Pums Verona: più della metà dei cittadini usa l’auto anche per coprire brevi distanze

CONDIVIDI

mercoledì 22 luglio 2020

Troppi veronesi utilizzano l’auto per muoversi, anche per tragitti molto brevi. Il 61% dei cittadini, infatti, sceglie la macchina per spostarsi in città, nonostante il 50% dei tratti urbani percorsi sia sotto i 3 chilometri. Dati pre-Covid che potrebbero registrare un’impennata a settembre, se anche solo una parte del 23% dei fruitori del trasporto pubblico, circa 10 mila lavoratori e 28 mila studenti nelle ore di punta, iniziasse a preferire la macchina all’autobus. Una tendenza che, nell’arco di una decina d’anni, potrebbe portare alla congestione del traffico cittadino. Solo il 5% dei veronesi, infatti, sceglie la bicicletta per muoversi durante il giorno e l’11% va a piedi.

È quanto emerge dal Pums, il primo Piano urbano della mobilità sostenibile di Verona ultimato in queste settimane. Un documento che analizza e studia i flussi di movimento in città, proponendo indicazioni precise su come intervenire sulle infrastrutture, sulle piste ciclabili e sul trasporto pubblico. Dopo la raccolta dei dati, la valutazione dei 3 mila questionari compilati dai cittadini, gli incontri con tutti i portatori d’interesse, tra cui le scuole, e lo studio dei sistemi di trasporto alternativo, ora il documento è pronto. E presenta una fotografia della mobilità scaligera. Un’istantanea che, nel futuro, sarà integrata dalle nuove infrastrutture inserite nel Pums, interventi che puntano a incentivare l’uso dei mezzi sostenibili e, quindi, un vero e proprio cambio di mentalità.

Sono circa 70 mila i veicoli che attraversano la città ogni giorno, 5 mila, invece, i mezzi commerciali e mille i camion. Sul totale dei passaggi registrati, il 50% resta circoscritto all’interno del territorio comunale. Macchine, quindi, che si muovono partendo e arrivando in punti diversi della città, ma senza fare lunghi percorsi. Di questi, la metà fa meno di 5 chilometri, con punte del 38% per tragitti inferiori ai 4 chilometri e del 22% addirittura sotto i 3 chilometri. Tratte brevi che potrebbero essere fatte anche con mezzi sostenibili e alternativi all’auto.

Tra le soluzioni per migliorare la viabilità cittadina, il nuovo attraversamento sotto i binari della ferrovia per congiungere Santa Lucia allo Stadio. Così come il collegamento ferroviario tra l’aeroporto Catullo e la fiera. Ma anche il potenziamento del trasporto pubblico locale, il raddoppio delle piste ciclabili previsto dal ‘Biciplan’ e nuove cerniere di mobilità, ossia parcheggi scambiatori serviti non solo da navette e bus ma anche da altri mezzi sostenibili.

Allo studio anche nuove infrastrutture per la connettività del traffico veicolare, come il potenziamento della centralizzazione semaforica, dei pannelli a messaggio variabile, dell’interazione attraverso smartphone. E, infine, l’implementazione della micromobilità, bici elettriche e monopattini in primis.

Il Piano della mobilità ora passa in Regione per l’approvazione della Valutazione ambientale strategica. Una volta superato lo screening regionale, potrà essere adottato dalla Giunta comunale e quindi essere pubblicato e consultabile da tutti. Successivamente sarà il Consiglio comunale a esaminare il documento e a esprimersi in merito. In caso di approvazione anche da parte dell’aula consiliare, il Piano potrà trovare attuazione. 

“I dati raccolti e gli studi effettuati ci dicono che se non invertiamo le percentuali, e riduciamo le auto in circolazione, tra una decina di anni il traffico sarà congestionato – ha spiegato l’assessore alla Viabilità, Luca Zanotto –. Effetti che potremmo vedere anche a breve. Se a settembre, post Covid, solo il 3% dei fruitori dei mezzi pubblici dovesse decidere di usare la macchina, i 40 minuti oggi necessari per attraversare la città diventerebbero più di 60. Non possiamo creare nuove strade, al di là di qualche collegamento strategico, serve un vero e proprio cambio di mentalità che ci porti a utilizzare i mezzi alternativi, sostenibili ed ecologici, per le brevi percorrenze. O ad integrare l’uso dell’auto, che può rimanere lungo la cinta esterna della città, con altri sistemi di trasporto. Soluzioni di intermodalità cittadina, che trovano applicazione nel nuovo concetto di cerniere di mobilità, spostamenti urbani fatti con mezzi diversi, a partire dai parcheggi scambiatori. E quindi lasciando l’auto fuori dalla città, per poi usare la bici, il monopattino o il bus per raggiungere la destinazione. Stiamo parlando del futuro della nostra città, per questo investiremo sul raddoppio delle piste ciclabili e sul potenziamento della micromobilità, ma il vero cambiamento sarà possibile solo se ognuno di noi deciderà di fare la propria parte”.

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Roma Capitale: presentati al Mit progetti per la mobilità per oltre un miliardo di euro

Roma Capitale ha presentato al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti una serie di progetti legati alla mobilità per ottenere finanziamenti per circa 1,3 miliardi di euro. Tra...

Amazon apre due nuovi centri in Italia: Novara e Spilamberto (MO). Prevista tecnologia Amazon Robotics per supportare i dipendenti

Nel 2021 Amazon aprirà due nuovi centri in Italia: il centro di distribuzione di Novara e il centro di smistamento di Spilamberto (MO). Amazon creerà così 1100 posti di lavoro a...

Isole minori Sicilia: 4 milioni per l'acquisto di mezzi elettrici e a guida autonoma

In arrivo bus, minibus e altri mezzi a innovazione tecnologica nelle isole minori della Sicilia per incentivare il turismo ecosostenibile. La Regione ha destinato 4 milioni di euro (a valere sui...

La Regione Lazio adotta il Piano della Mobilità, dei Trasporti e della Logistica

La Regione Lazio ha adottato il Piano della Mobilità, dei Trasporti e della Logistica. La redazione del documento, supportata dall’Università La Sapienza, è iniziata nella...

MAN: un video sui benefici dell’elettrico per usare meglio il van eTGE

Video tutorial per sensibilizzare e raccontare le potenzialità della mobilità a zero emissioni: è l’iniziativa che MAN ha abbinato al nuovo eTGE, il suo furgone elettric...

Il car sharing crea spazio urbano: lo studio del MIT di Boston

I numeri dello sharing in Italia stanno crescendo.Secondo gli studi più recenti, infatti, la condivisione, se si considerano tutti i modi di trasporto, conta attualmente ben 5 milioni di...

Dal Mise 100 milioni di euro per sostenere le imprese che investono nella mobilità sostenibile

Sostenere gli investimenti delle imprese produttrici di beni e servizi nella filiera dei mezzi di trasporto pubblico su gomma e di sistemi intelligenti per il trasporto. Una direttiva del Ministro...

Trasporto pubblico: in arrivo 1,150 miliardi ai Comuni per rinnovare il parco autobus

Risorse per complessivi 1,150 miliardi di euro a favore di tutti i comuni sopra i 100 mila abitanti per rinnovare il parco autobus del trasporto pubblico. La Conferenza Stato Regioni ha dato il...