Dossier Anfia trasporto passeggeri: forte invecchiamento del parco autobus italiano

CONDIVIDI

giovedì 23 dicembre 2021

Negli ultimi vent’anni sono stati immatricolati in Italia complessivamente 76 mila autobus nuovi. Nel decennio 2001-2010 la media annuale degli autobus venduti è stata di 4.533 unità, mentre nel decennio successivo, 2011-2020, la media è scesa a poco meno di 3.100 unità.
Questi sono solo alcuni dei dati emersi dal Dossier Trasporto Passeggeri e Mobilità 2021 elaborato da Anfia.

Il trend individuato nel report evidenzia le conseguenze della crisi economica sul settore autobus: una domanda appiattita su una media annuale di 2.800 autobus dal 2009 al 2014, conseguente al calo degli investimenti delle Regioni per l’ampliamento e il rinnovo delle flotte di autobus destinate al trasporto pubblico locale.

Questo trend ha determinato un forte invecchiamento del parco autobus, con effetti negativi per l’ambiente, per la sicurezza dei veicoli e dunque dei passeggeri e degli autisti.

"Possiamo senz’altro affermare che è venuta a mancare a livello nazionale e locale l’urgenza di investire nella mobilità pubblica con servizi moderni ed efficienti alternativi al trasporto privato e un’azione concreta contro l’inquinamento atmosferico", si legge nel documento Anfia.

I dati delle immatricolazioni

Dal 2015 le immatricolazioni di autobus sono progressivamente aumentate fino al 2018. Nel 2019 si è registrato un lieve calo e nel 2020, complice l’avvento della pandemia da Covid-19 e le relative restrizioni alla mobilità, c’è stata una vera e propria discesa: -28.1% rispetto all’anno precedente.

Nel 2020 ci sono state infatti 3.143 nuove immatricolazioni (elaborazioni ANFIA sui dati del Ministero dei Trasporti al 31/03/2021, e la categoria di bus meno richiesta è stata quella dei turistici. Considerando il fortissimo impatto della pandemia sul settore turistico nel 2020, questo dato non ci stupisce particolarmente.

Il mercato ha registrato un calo del 37.5% nel primo semestre 2020, quello del primo lockdown da marzo a maggio, mentre nel secondo la diminuzione si è fermata al 18.6%, grazie ai piccoli recuperi dell’ultimo trimestre, unico periodo dell’anno ad essere stato in positivo insieme a gennaio, quando ancora non potevamo immaginare ciò che sarebbe capitato durante l’anno.

Nel primo semestre 2021 le immatricolazioni sono aumentate del 19,3% rispetto al primo semestre del 2020, soprattutto a causa dei mesi di lockdown e chiusura delle attività non essenziali, quando le nuove registrazioni avevano subìto un impatto enorme. Non si può comunque dire che il mercato sia andato bene: considerando il confronto con il primo semestre del 2019 i volumi sono calati del 25,4%.


L’emergenza sanitaria ha innescato cambiamenti immediati e duraturi nei comportamenti individuali e collettivi capaci di influenzare il modello di vita della maggioranza delle persone. Lo smart working, per esempio, è entrato in modo permanente nell’organizzazione del lavoro di molte aziende pubbliche e private e questo è un fattore che continuerà ad esserci anche nel futuro.
Sempre parlando di lavoro, molte riunioni si svolgeranno online, visto il boom di quel tipo di piattaforme multimediali durante il primo lockdown. Allo stesso modo gli studenti universitari, grandi fruitori dei mezzi pubblici, avranno la possibilità di seguire le lezioni anche in via telematica. Questa rivoluzione avrà dunque effetti positivi sulla congestione del traffico e sull’affollamento dei mezzi pubblici.

Tag: passeggeri, immatricolazioni

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Mercato europeo veicoli commerciali di nuovo in calo: a giugno -22,5%

  Ancora segno negativo per il mercato Ue dei veicoli commerciali. A giugno 2022, le immatricolazioni sono crollate del 22,5% rispetto allo stesso mese del 2021, registrando 144.210...

Mercato auto, Unrae: a giugno immatricolazioni ancora in calo (-15%)

Il calo delle immatricolazioni di auto in Italia non si ferma: nel mese di giugno il mercato ha registrato 127.209 nuove immatricolazioni, con una flessione del 15,0% rispetto a giugno 2021.Il primo...

Prorogati i termini per l'Ecobonus 2022: fino a 270 giorni per le immatricolazioni

Ecobonus 2022, definiti tempi più lunghi per l'immatricolazione di auto che beneficiano degli incentivi. Lo stabilisce una norma del decreto sulle semplificazioni fiscali proposta dal ministro...

Mercato rimorchi e semirimorchi, Unrae: a maggio 2022 +47,5%

Nuovi dati dal Centro Studi e Statistiche dell’Unrae relativamente al mercato dei veicoli rimorchiati per il mese di maggio 2022. Sulla base dei dati di immatricolazione forniti dal Ministero...

Autocarri e veicoli trainati: mercato in recupero a maggio. Autobus ancora in flessione

Il mercato degli autocarri e dei veicoli trainati torna positivo a maggio, dopo le pesanti flessioni di aprile. Registrato un rialzo a doppia cifra. Si aggrava, invece, la flessione già...

Veicoli industriali: a maggio mercato positivo trainato dai pesanti

Segno positivo per il mercato dei veicoli industriali a maggio. A comunicarlo è il Centro Studi e Statistiche Unrae, sulla base dei dati di immatricolazione forniti dal Ministero delle...

Mercato auto: Unrae, a maggio calo delle immatricolazioni del 15%

Nel mese di maggio il mercato delle autovetture, con 121.299 immatricolazioni, ha registrato un calo del 15,1% (su 142.932 di maggio 2021). Si tratta del dato più modesto da inizio...

Trasporto passeggeri: Anav, il presidente designato Biscotti presenta le linee programmatiche 2022-2026

ll comparto del trasporto passeggeri, in via di ripresa dopo la crisi pandemica, traccia il percorso per il pieno recupero del settore in linea con le nuove esigenze di sostenibilità. Le...