Mercato europeo auto: estate ancora critica, a luglio calo del 3,7% rispetto al 2019

CONDIVIDI

giovedì 17 settembre 2020

Secondo i dati diffusi oggi da Acea, nel complesso dei Paesi dell’Unione europea a luglio le immatricolazioni di auto ammontano a 1.281.740 unità, con un calo del 3,7% rispetto a luglio 2019. Ad agosto il mercato si ferma invece a 884.394 immatricolazioni complessive, il 17,6% in meno rispetto allo stesso mese dell’anno precedente.

Nel periodo gennaio-agosto 2020, i volumi immatricolati raggiungono 7.267.621 unità, con una variazione negativa del 32,9% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

“Dopo una chiusura del semestre in forte ribasso (-39,5%), a luglio 2020 il mercato auto europeo registra un calo relativamente contenuto (-3,7%) – afferma Paolo Scudieri, Presidente di ANFIA. Sette dei 27 Stati membri, infatti, riportano, una crescita nel mese, tra cui Francia (+3,9%) e Spagna (+1,1%), e, al di fuori del perimetro UE, anche il Regno Unito (+11,3%), mentre Italia e Germania si mantengono in flessione rispettivamente del 10,9% e del 5,4%.

Ad agosto, mese dai volumi tradizionalmente bassi, tuttavia, la flessione delle immatricolazioni torna ad essere più marcata (-17,6%), anche se non ai livelli dei mesi precedenti (giugno aveva chiuso a -24%). Guardando ai cinque major market (UK incluso), l'Italia, grazie al rifinanziamento e alla rimodulazione degli incentivi previsti dal Decreto ‘Agosto’, ha ottenuto la migliore performance restando sostanzialmente stabile (-0,4%), mentre per gli altri quattro Paesi il segno negativo è più evidente, con UK a -5,8% e Spagna (-10,1%), Francia (‐19,8%) e Germania (‐20%) in ribasso a doppia cifra.

Nei primi 8 mesi dell’anno il mercato auto europeo ha perso 2,67 milioni di unità. Per la filiera automotive dell’UE la situazione rimane quindi difficile, con prospettive economiche recessive e l’ombra di una Brexit senza accordo che aggraverebbe ulteriormente le perdite. Speriamo che i piani di incentivazione della domanda che, insieme alle altre misure per l’uscita dalla crisi, i governi dei maggiori Paesi hanno messo in campo per far ripartire il settore, portino frutto nei prossimi mesi, con risultati di mercato tangibili e vengano integrati laddove ancora risultano scoperti alcuni comparti – per l’Italia, ad esempio, quello dei veicoli commerciali leggeri – senza dimenticare gli interventi strutturali di politica industriale necessari per continuare a indirizzare gli attori della filiera verso gli obiettivi comunitari di decarbonizzazione e digitalizzazione della mobilità”.

In Italia, le immatricolazioni totalizzate a luglio si attestano a 136.653 unità (-10,9%), mentre ad agosto i volumi ammontano a 88.801 unità (-0,4%). Nei primi otto mesi del 2020, le immatricolazioni complessive ammontano a 809.655, con un decremento del 38,9% rispetto ai volumi dello stesso periodo del 2019.

Secondo i dati ISTAT, ad agosto l’indice nazionale dei prezzi al consumo registra un aumento dello 0,3% su base mensile e una diminuzione dello 0,5% su base annua (da -0,4% del mese precedente). L’inflazione negativa continua ad essere determinata per lo più dall’andamento dei prezzi dei Beni energetici regolamentati (-13,7%) e di quelli non regolamentati (-8,6%), mentre l’ampliarsi della flessione dell’indice generale si deve

prevalentemente al calo più netto dei prezzi dei Servizi relativi ai trasporti (da -0,9% a -2,3%). Nel comparto dei Beni energetici non regolamentati, guardando all’andamento dei prezzi dei carburanti, quelli del Gasolio passano da -12,1% a -11,7% in termini tendenziali (-0,2% il congiunturale), quelli della Benzina da -11,1% a -10,8% (-0,2% su base mensile), e quelli degli Altri carburanti da -5,2% a -3,6% (-0,3% rispetto a luglio).

Analizzando il mercato per alimentazione, nel cumulato da inizio 2020 la quota di auto nuove diesel è del 35%, con immatricolazioni in calo del 48,5%. La quota delle auto a benzina si attesta, invece, al 42%, con volumi in flessione del 42% a gennaio-agosto.

Le auto ad alimentazione alternativa conquistano il 23% del totale immatricolato nel progressivo (8,5 punti in più di un anno fa), con un ribasso del 4%. In particolare, le auto a gas diminuiscono del 41%, mentre le immatricolazioni di auto elettriche (BEV) crescono del 106%; le ibride plug-in aumentano del 200%, le ibride non ricaricabili a benzina del 30% e le non ricaricabili diesel del 78%. Le autovetture elettrificate rappresentano insieme, il 14% del mercato a gennaio-agosto 2020.

Prendendo in esame i canali di vendita, i privati hanno acquistato 483.000 vetture da inizio anno (-34%), mentre le società, con 327.000 registrazioni, hanno subito una flessione del 45%. La quota di auto intestate a persone fisiche sale al 60% nel periodo gennaio-agosto (5 punti in più della quota di gennaio-agosto 2019). Le marche italiane hanno registrato, in Europa, 70.903 immatricolazioni nel mese di luglio (-7,2%), con una quota di mercato del 5,5%, mentre ad agosto le unità registrate ammontano a 50.585 (-6,9%), con una quota del 5,7%.

Nei primi otto mesi del 2020, i volumi totalizzati ammontano a 412.270 unità (-38,6%) con una quota di penetrazione del 5,7%.

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Ue, presentata la strategia per la mobilità sostenibile e intelligente alla commissione TRAN

Il Commissario europeo ai Trasporti, Adina Valean, ha presentato la strategia per la mobilità sostenibile e intelligente alla commissione TRAN del Parlamento europeo. Confartigianato Trasporti...

Nel 2020 salgono i prezzi delle auto nuove: +2,4%, scende l'usato -1%

Aumento medio del 2,4% per i prezzi delle autovetture nuove in Italia nel 2020 (rispetto al 2019). Si tratta di un aumento significativo considerato che, sempre nello stesso periodo, il tasso di...

Auto, Peugeot: buone le quote di mercato nel 2020 anche grazie ai suv

Nonostante la crisi che ha coinvolto il mondo dell’auto, nel 2020 Peugeot ha mantenuto una buona quota di mercato. Soprattutto i suoi modelli più venduti, 3800 e 5800, hanno spinto la...

Ue: Italia terzo Paese per dimensioni della flotta di tir dopo Polonia e Germania

Dati Acea (Associazione europea dei costruttori di automobili) hanno rivelato che l'Italia è la terza nazione Ue per dimensioni della flotta di tir. Con quasi 1,2 milioni di camion, la...

Auto: l'emergenza Covid-19 sta accelerando il processo di vendita online

Se è vero che, in generale, l’e-commerce è esponenzialmente cresciuto negli ultimi anni, è pur vero che per le spese importanti ci sia ancora un po’ di resistenza ad...

Brexit: conseguenze e nuove prospettive per l'autotrasporto

Con l'arrivo del 2021 finisce il periodo di transizione fra Unione europea e Regno Unito e comincia una nuova fase di rapporti commerciali in Europa. Una situazione che ha ripercussioni sulle...

Mercato auto: nel 2020 vendite in calo del 27,93%

Che il 2020 sarebbe stato un anno complicato per il settore auto era chiaro fin dalla primavera. Il comparto, come molti altri settori, aveva subito una flessione netta, soccombendo sotto il peso...

Brexit, gli autotrasportatori inglesi non sono pronti

Le conseguenze della Brexit che scatteranno dal 1° gennaio, quando il Regno Unito non sarà più formalmente un Paese UE,  creeranno non poche difficoltà al comparto...