Mercato auto europeo ancora in brusca flessione a maggio

Nei Paesi dell’Unione europea allargata all’EFTA e al Regno Unito a maggio le immatricolazioni di auto ammontano a 623.812 unità, con un calo del 56,8% rispetto a maggio 2019.
Nei primi cinque mesi del 2020 i volumi immatricolati si attestano a 3.969.714 unità, con una flessione del 42,8% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Questa la situazione fotografata dagli ultimi dati diffusi da ACEA.

“A maggio 2020, nonostante il progressivo allentamento delle misure
emergenziali di contenimento del Covid-19 e la riapertura dei concessionari in molti
Paesi, il mercato auto europeo subisce un'altra brusca flessione (-56,8%), seppur
inferiore rispetto a quella di aprile (-78,3%) – ha spiegato Paolo Scudieri, presidente di ANFIA –. Ciascuno dei 27 Paesi europei (incluso UK) ha chiuso nuovamente il mese in calo a doppia cifra. Tra i major market, registrano la contrazione peggiore Regno Unito (-89%) e Spagna (‐72,7%), mentre le vendite sono diminuite di circa la metà, a livello tendenziale, in Francia, Italia e Germania.
Nel mese, i cinque major market pesano per il 67% del mercato auto complessivo,
mentre la loro quota a maggio 2019 era del 72%, e registrano una diminuzione delle
immatricolazioni del 59,5%. Nei primi cinque mesi dell’anno, il mercato ha subìto una
perdita complessiva di quasi 3 milioni di auto.

Di fronte a una situazione tanto grave - ha concluso -, mentre la Germania ha varato misure di
sostegno al mercato, la Francia un vero e proprio piano di rilancio del settore
automotive da 8 miliardi di euro e la Spagna ne ha recentemente annunciato a
sua volta uno, gli altri Paesi citati, tra cui l’Italia, tardano a intervenire in maniera
simile. E questo ritardo si paga anche in termini di perdita di vantaggio competitivo, a maggior ragione visto che gli interventi non stanno seguendo un’unica regia a livello Ue,
come sarebbe stato auspicabile”.

Il mercato nel dettaglio dei major market europei

In Italia, le immatricolazioni totalizzate a maggio si attestano a 99.711 unità
(-49,6%). Nei primi cinque mesi del 2020, le immatricolazioni complessive ammontano a 451.366 unità, con una contrazione del 50,4% rispetto ai volumi dello stesso periodo del 2019.

L’analisi del mercato per alimentazione mostra che la quota di auto nuove diesel è del
35,7% a maggio e del 34,5% nel cumulato, mentre la quota di auto a benzina si attesta al
41,5% nel mese e al 44,2% nel cumulato. Le alimentazioni alternative conquistano il
22,7% del mercato nel mese e il 21,3% nel cumulato. Le vendite di auto ad
alimentazione alternativa attenuano la caduta con flessioni del 21% a maggio e del 23% nei primi 5 mesi; il calo dei volumi è imputabile alle auto alimentate a gas, -50% nel
mese e -48% nel cumulato. In controtendenza, invece, le vendite di auto elettriche e
ibride, che registrano, nel mese, i seguenti rialzi: BEV +51%, PHEV +145%, Ibride BE +2% e Ibride GE +76%. Solo le ibride BE mantengono il segno negativo nel cumulato (-9%).

Le marche italiane hanno registrato, in Europa, 44.099 immatricolazioni (-56,6%), con una quota di mercato del 7,1%. Nel periodo gennaio-maggio 2020, le immatricolazioni delle marche italiane ammontano a 225.592 unità (-49,9%), con una quota di penetrazione del 5,7%.

La Spagna totalizza 34.337 immatricolazioni nel mese di maggio 2020, il 72,7% in
meno rispetto allo stesso mese 2019. Nei primi cinque mesi dell’anno, il mercato risulta in flessione del 54,2%, con 257.202 unità immatricolate.
In crescita nel mese solo le vendite di vetture ibride plug-in (+12%), mentre calano le auto diesel (-70%, con una quota del 31% del totale immatricolato), quelle a benzina (-77%, 50,5% di quota), le elettriche (-59%, 1% di quota), quelle a gas (-83%, 1,5% di quota) e le ibride tradizionali (-55%, 14% di quota). Nel complesso, le autovetture ad alimentazione alternativa cedono, nel mese, il 58% delle immatricolazioni e rappresentano il 18% del mercato. Nel cumulato, risultano in calo tutti i tipi di alimentazione, tranne le vetture elettriche (+3%) e le ibride plug-in (+34%).

In Francia, a maggio, si registrano 96.310 nuove immatricolazioni, con una
flessione del 50,3% rispetto a maggio 2019. Nei primi cinque mesi del 2020, la flessione si attesta al 48,5%, per un totale di 481.986 immatricolazioni.
A maggio, le immatricolazioni di auto diesel si riducono del 59% e la quota si attesta al
29%, sei punti in meno rispetto a maggio 2019. Le auto a benzina, con il 53% del
mercato, perdono 4,5 punti di quota rispetto a maggio 2019, anche in questo caso con
volumi in flessione del 54%. Le auto ad alimentazione alternativa rappresentano il 17%
del mercato di maggio, con 16.716 unità (+27%), di cui 4.112 auto elettriche (+50% e
4,3% di quota), 3.064 ibride plug-in (+134% e 3,2% di quota) e 8.956 ibride tradizionali
(+0,6% e 9,3% di quota). Nei primi cinque mesi dell’anno, le immatricolazioni per
alimentazione risultano così ripartite: 50% auto a benzina, 32% auto diesel, 11% auto
ibride (di cui 2,7% ricaricabili), 6,5% auto elettriche.

Nel mercato tedesco sono state immatricolate a maggio 168.148 unità (-49,5%).
Nei primi cinque mesi del 2020, le immatricolazioni si attestano a 990.350 unità, in
ribasso del 35%, il valore più basso a gennaio-maggio dalla riunificazione della Germania. Le vendite di autovetture a benzina sono state 85.904, con una quota di mercato del 51%; le vetture diesel 53.218 (-52%) con una quota del 32% e quelle ad alimentazione alternativa valgono il 17%. Tra queste, le ibride sono il 13,6%, (22.844 unità, +18%), di cui il 4% ricaricabili (6.755 unità, +107%). Le vetture elettriche rappresentano il 3,3% del mercato, pari a 5.578 immatricolazioni, in crescita del 20,5%, mentre le vendite di vetture a metano sono state 378 e le Gpl 200.

Il mercato inglese, infine, a maggio totalizza 20.247 nuove registrazioni (-89%).
Nel cumulato gennaio-maggio 2020, le immatricolazioni si attestano a 508.125, il 51,4% in meno rispetto allo stesso periodo del 2019.
Secondo il tipo di alimentazione, si registra una flessione del 93% per le auto diesel nel mese e del 66% nel periodo gennaio-maggio, mentre la auto a benzina calano del 90,5% nel mese e del 55% nel cumulato, con il 60% di quota. Le auto ad alimentazione
alternativa valgono il 28% del mercato di maggio 2020 (era il 10% nel 2019) e il 21% del
mercato dei primi 5 mesi (era l’8% nel 2019). A maggio le auto BEV sono il 12% del
mercato e crescono in volumi del 21,5%, mentre nel cumulato la quota è del 4% con un
aumento dei volumi del 132%.

 

 

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

CONDIVIDI
Leggi anche

Aeroporti di Parigi: ad agosto 3,2 milioni di passeggeri

Gli aeroporti di Parigi hanno accolto ad agosto 3,2 milioni di passeggeri, registrando una diminuzione di traffico del 68,8% rispetto ad agosto 2019.In totale nei mesi di luglio e agosto, il traffico...

Ad Airbus Helicopters l’assistenza compete degli H135 della Nasa

La Nasa ha firmato un contratto HCare Infinite, del valore di 15 milioni di dollari, con Airbus Helicopters per un programma completo di assistenza. Il contratto, inizialmente della durata di due...

Bike to work: a Parma un progetto diffuso di mobilità a due ruote

Firmato dall’assessora alla Mobilità Sostenibile del Comune di Parma, Tiziana Benassi, il Protocollo che dà l’avvio a un progetto diffuso di mobilità a due ruote in...

ADV