Ristori Covid-19: Enac eroga 300 milioni di anticipo alle società di gestione aeroportuale

CONDIVIDI

lunedì 7 marzo 2022

Trecento milioni di euro erogati alle società di gestione aeroportuale. Si tratta di un anticipo del 50% rispetto alle richieste di ristoro avanzate per i danni causati dall’emergenza sanitaria da Covid-19. Un aiuto concreto che Enac, in coordinamento e condivisione con il Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili, riconosce agli operatori aeroportuali per fare fronte alle gravi difficoltà finanziarie che il settore ha dovuto sostenere negli ultimi 2 anni per l’emergenza sanitaria.

In aggiunta a ciò Enac sta anche valutando la possibilità di adottare un analogo provvedimento a favore delle società che forniscono i servizi di assistenza a terra (handler) e quelle di catering. È questo il motivo dell’incontro con i vertici Assaeroporti e Aeroporti 2030, convocato per oggi.

“Grazie a una procedura semplificata e accelerata l’Enac fornisce liquidità alle imprese di un settore strategico per il Paese tra i più colpiti dalla pandemia – ha sottolineato il ministro delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili, Enrico Giovannini –. Si tratta di un sostegno fondamentale in questa fase ancora critica che consentirà alle società di gestione aeroportuale di affrontare l’attuale momento di difficoltà e di prepararsi alla ripresa delle attività che ci auguriamo possa avvenire al più presto”.

“La ferma volontà di tutelare le imprese e i lavoratori e di contribuire al rilancio dell’economia - commenta il presidente Enac, Pierluigi Di Palma – ci ha portato a poter superare un rigoroso rispetto dell’iter burocratico per venire incontro alle esigenze di uno dei comparti più colpiti dalla crisi con una prima tranche di 300 milioni di euro. Con l’avvio dei ristori, lo snellimento della burocrazia e la velocizzazione delle istruttorie, si rafforza l'efficacia dell'azione amministrativa e l’effettivo conseguimento dell’interesse pubblico, a favore di soggetti che hanno subito danni ingenti. Aiutiamo il settore a ripartire, senza esitazioni”.

L’erogazione avviata dall’Enac deriva dall’attuazione di quanto disposto dalla legge di bilancio 2021 che ha previsto l’istituzione di un fondo dal valore totale di 800 milioni di euro per l’attribuzione di contributi in favore degli operatori aeroportuali per compensare i danni subiti a causa dell’emergenza sanitaria da Covid-19.

Enac, in attesa della definizione delle attività istruttorie, al fine di consentire alle società di gestione aeroportuale di fronteggiare le difficoltà finanziarie, anche gravi, in cui sono venute a trovarsi, ha deciso, una volta verificato il non superamento della disponibilità complessiva del fondo, di accordare un’anticipazione nella misura del 50% della richiesta di ristoro del danno.

Soddisfazione per il provvedimento è stata espressa dal presidente di Assaeroporti Carlo Borgomeo: “Si tratta di una importante misura di sostegno che Assaeroporti ha fortemente richiesto alle istituzioni considerati i gravi impatti della pandemia sul settore. Diamo atto al Parlamento della sensibilità dimostrata con lo stanziamento nella Legge di Bilancio 2021 di risorse a favore degli aeroporti, al MIMS del lavoro svolto per ottenere il via libera da parte della Commissione europea e all’Enac dell’intensa attività istruttoria condotta in queste settimane sulle domande presentate dai gestori”.

“Accogliamo con grande favore la scelta di accelerare l’erogazione dei ristori in favore dei gestori aeroportuali – ha aggiunto il presidente di Aeroporti 2030, Alfonso Celotto – un’anticipazione che costituisce una boccata di ossigeno per il settore e che segna il superamento della fase di crisi. Questi ristori sono il riconoscimento da parte dello Stato della strategicità del settore aeroportuale e soprattutto in questo momento di grande incertezza che ci accompagna sia per la pandemia che per il contesto internazionale, rappresentano un volano per la ripresa del settore”.

Tag: enac

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Sicurezza, licenze e certificazioni di volo: siglato un accordo di cooperazione tra Italia e Libano

Sviluppare varie forme di cooperazione tra Italia e Libano nell’ambito dell’aviazione civile, con particolare riguardo a sicurezza del volo, licenze del personale di vol...

Italia e Stati Uniti confermano la collaborazione per lo sviluppo del trasporto spaziale commerciale

Proseguire la collaborazione per il progresso del trasporto spaziale commerciale e sviluppare il progetto Criptaliae Spaceport, lo spazioporto di Taranto Grottaglie. Questi i principali punti al...

Droni per trasporto di medicinali e attrezzature: accordo tra Enac e Croce Rossa

Avviare servizi dedicati all’emergenza sanitaria, per potenziare l’azione di prevenzione e soccorso, attraverso l’utilizzo di nuove tecnologie per il trasporto, come aeromobili a...

Mobilità aerea avanzata: Enac e Comune di Firenze firmano un protocollo di collaborazione

La mobilità aerea avanzata è il futuro delle città, reso possibile dallo sviluppo di servizi di mobilità aerea efficienti, sicuri, sostenibili e interoperabili con le...

Fine dell’emergenza Covid-19: ecco le linee guida per viaggiare in aereo

A seguito della cessazione dello stato di emergenza dovuto alla pandemia da Covid-19, l’Ente nazionale per l’aviazione civile (Enac) ha aggiornato le linee guida per gli operatori del...

Enac-Regione Lazio: un protocollo di intesa per l'uso di droni per trasporto medicinali

“L’Advanced Air Mobility è in grado di introdurre una terza dimensione, quella aerea, al trasporto di persone, merci, e di medicali offrendo una alternativa alla mobilità...

Enac: anticipo di 34 milioni alle società di handling e catering come ristori per danni da Covid-19

“Si tratta di un sostegno rilevante a un comparto che occupa migliaia di lavoratori e che contribuisce in modo determinante alla qualità dei servizi aeroportuali. Sosteniamo con fiducia...

Enac eroga gli anticipi dei ristori per danni da Covid-19

L’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile avvierà nei prossimi giorni l’erogazione di un anticipo pari al 50% delle richieste di ristoro del danno determinato...