Porto di Trieste al centro di nuovi corridoi merci verso l’Europa

CONDIVIDI

mercoledì 19 ottobre 2022

Il porto di Trieste sempre più integrato in una rete di nuovi corridoi merci multimodali attraverso l’Europa.

Alpe Adria, gruppo logistico di Trieste specializzato nel trasporto coordinato stradale, ferroviario e marittimo, prosegue la propria strategia per potenziare le connessioni tra il sistema delle imprese friulane e i mercati internazionali.

Lo scorso 6 settembre era stata annunciata la creazione di un corridoio ferroviario merci tra Lituania e Italia attraverso il Friuli Venezia Giulia e il suo sistema logistico e portuale (TriesteKaunas). Ora sono in fase di lancio nuove iniziative:

• il corridoio dei Due Mari
• il corridoio Uk
• i corridoi verso Duisburg (Germania) e Belgrado (Serbia).

Alpe Adria stima di movimentare, a fine 2022, oltre 6mila treni merci (+40% sull’anno precedente), contribuendo a sviluppare l’intermodalità, con particolare riguardo al trasporto combinato nave+treno.

I nuovi corridoi merci da Trieste all’Europa

Il corridoio dei Due Mari punta a creare un asse Est-Ovest tra l’Adriatico Settentrionale e il Mar Ligure, ma con una forte proiezione internazionale. Il collegamento studiato da Alpe Adria è tra l’interporto di Cervignano del Friuli (Udine), l’interporto di Padova, Milano e Alessandria, che in questo caso fungerebbe da retroporto di Genova. Questo collegamento incrocerebbe, nei pressi di Alessandria, il corridoio internazionale Reno-Alpi, imperniato sul Terzo valico (la grande galleria ferroviaria attualmente in costruzione tra Genova e Novi Ligure).

L’asse Reno-Alpi, meglio noto come corridoio Genova-Rotterdam, mette a sua volta in relazione il Mediterraneo con il mare del Nord, avvicinando Genova e il suo porto al cuore dell’Europa. In questa complessa rete di collegamenti europei ora potrebbe entrare, attraverso Alpe Adria, anche il porto di Trieste.

Il corridoio Uk punta invece a facilitare e integrare le connessioni intermodali tra il porto di Trieste e il Regno Unito.

“Il progetto – spiega il Ceo di Alpe Adria, Antonio Gurrieri – sfrutterà l’attuale connessione ferroviaria Trieste-Bettembourg (Lussemburgo), che potrà contare su un’ulteriore connessione con il porto fiammingo di Zeebrugge (Belgio), consentendo così il raggiungimento del mercato britannico via nave. I soggetti promotori saranno Alpe Adria, Cfl Multimodal e Mercitalia Rail (la compagnia merci del Gruppo Fs)”.

Infine, Alpe Adria svilupperà la propria rete intermodale su due ulteriori direttrici: TriesteDuisburg e Trieste-Belgrado.

“Per quanto riguarda il numero di treni operati da Alpe Adria in joint con i suoi partner nei mercati di riferimento – aggiunge Guerrieri – si registra un aumento del 108% da/per la Germania nell’anno in corso. Forti incrementi, nel 2022 sul 2021, anche dei treni da/per l’Austria (+5%), da/per l’Ungheria (+10%) e da/per la Repubblica Ceca (+9%)”.

Tag: porto trieste, trasporto intermodale

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Porti di Trieste e Monfalcone: merci in crescita nei primi dieci mesi dell’anno. Record per i container

"I numeri parlano chiaro: il porto è fondamentale driver di crescita e, non di meno, un formidabile rilevatore delle tendenze macro economiche globali. Vedremo nei prossimi mesi quali fenomeni...

Sostenere la transizione ecologica e digitale: accordo tra Porto di Trieste e Unicredit

Promuovere e supportare programmi di investimento in ottica di crescita, trasformazione digitale, internazionalizzazione e Industria 4.0, transizione ecologica ed energetica ed inclusione sociale in...

Dal pullman al monopattino: Helbiz e Cotral incentivano trasporti sostenibili a Roma e nel Lazio

Supportare l’intermodalità con il Trasporto Pubblico Locale e Regionale al fine di agevolare i collegamenti tra Roma città e l’intera regione Lazio. Helbiz, società...

Zeno d’Agostino nuovo presidente dell’Organismo europeo dei porti

Zeno d'Agostino è il nuovo presidente della European Sea Ports Organisation (Espo). Eletto all'unanimità dai rappresentanti dei 23 Paesi membri dell'Associazione nel corso...

Porto di Trieste sempre più proiettato verso l’Europa: nuovo ufficio a Bruxelles

Il porto di Trieste amplia la propria rappresentanza all’estero, continuando a proiettarsi fuori dai confini italiani per promuovere attività che diano sempre più conto della sua...

Meno code al porto di Trieste: scatta la nuova procedura di accesso per i camion

Accelerare il transito ai gate riducendo i tempi necessari per espletare le formalità doganali connesse agli imbarchi e migliorare così gli standard operativi del porto di Trieste: a...

Porto di Vado Ligure: via ai lavori per il potenziamento dei collegamenti ferroviari

Nel porto di Vado Ligure hanno preso il via i lavori per l’ampliamento e il potenziamento del parco ferroviario a servizio dell’infrastruttura. Al momento le operazioni di carico e...

Intermodalità: accordo Sangritana-Honda per il trasporto di componenti

I problemi della viabilità autostradale, la necessità di decarbonizzare i trasporti, i nuovi modelli di supply chain richiedono un ripensamento delle reti di trasporto dalla gomma alla...