Porti e logistica: la Turchia guarda allo scalo di Ravenna

CONDIVIDI

martedì 28 aprile 2015

Il porto di Ravenna è tra gli interessi degli operatori turchi: è quanto emerso al termine del secondo incontro  tra i rappresentanti del porto della città emiliana (Autorità Portuale di Ravenna, Terminal Container Ravenna e Fondazione Istituto Trasporti e Logistica) e il Consolato Generale d’Italia ad Istanbul.

L’obiettivo è integrare i commerci tra i due porti in modo da poter creare migliori servizi, soprattutto in termini di trasporti e logistica.  
“Per il Porto di Ravenna quello turco è un mercato ‘chiave’. Abbiamo incontrato molti nostri potenziali clienti ed avuto rassicurazioni dell’interesse anche da quelli che già sono presenti nel nostro porto .– ha commentato il Presidente dell’Autorità portuale di Ravenna, Galliano Di Marco- Questa missione ha confermato che il nostro porto dalle enormi potenzialità nell’area East-Med, dove già detiene una leadership significativa in Italia”.

Oltre a Di Marco, al meeting erano presenti anche l’Ambasciatore d’Italia in Turchia Luigi Mattiolo, il Console Generale d’Italia ad Istanbul Federica Ferrari Bravo, il Segretario Generale della Chamber of Shipping di Istanbul Mr. Murat Tuncer e il Vice Direttore dell’ICE Fabio Pizzullo.

La tavola rotonda si è inserita all’interno di una serie di appuntamenti sui temi della globalità presso la residenza dell’Ambasciatore Italiano a Istanbul, tra le imprese industriali presenti con stabilimenti in Turchia.


Barbara Gherardi

Tag: porto di ravenna, Turchia

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Green Deal Turco: il piano per la progettazione di zone industriali verdi

Obiettivo green per la Turchia: al via zone e regioni industriali verdi come parte del piano d'azione Green Deal dell'Unione europea, che mira a rendere l'Europa il primo continente a impatto zero...

Turchia, pronta la Road Map del Green Deal

Pubblicato  il 16 luglio  dal Ministero del Commercio Turco, il piano dettagliato per adeguarsi agli standard del Green Deal europeo,  in particolare nei settori esportatori. “Il...

Veicoli elettrici: la Bers finanzia 650 milioni per la produzione di Ford Otosan

La Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo (BERS) finanzia l’azienda turca Ford Otosan con un prestito di 650 milioni di euro per la  produzione di una gamma di varianti ibride...

La Turchia guida gli investimenti ad impatto

L’impact investing è una nuova generazione di investimenti che contraddistingue l’investitore per il suo scopo sociale, sull’assunto che i capitali privati possano...

CeSPI: Italia-Turchia, un interscambio commerciale per oltre 18mld di dollari

L’economia della Turchia sta vivendo una fase di grande sviluppo sotto molto profili. Le opportunità di investimento per i Paesi europei sono molteplici e l’Italia, in...

Turchia, macchinari: opportunità di investimento per un settore che registra una crescita del 25%

Si è svolto ieri il webinar “Turchia: focus sul settore macchinari”, organizzato dall’area internazionalizzazione di Confindustria Bergamo, in collaborazione con...

Turchia: la crisi dei chip non ostacola l’impennata delle esportazioni automobilistiche

La Turchia continua a portare avanti con successo le proprie esportazioni nel settore automobilistico, nonostante la carenza globale di semiconduttori che ha afflitto l'industria negli ultimi tempi....

L'aeroporto di Istanbul è il primo a guadagnare il riaccreditamento ACI

L'aeroporto di Istanbul in pole position per il riaccreditamento ACI sulle misure sanitarie, come annunciato il 6 luglio dagli Airports Council International (ACI) World e ACI EUROPE. L'aeroport...