Porti di Trieste e Monfalcone: primo trimestre da record per le merci movimentate

CONDIVIDI

martedì 3 maggio 2022

Performance decisamente positiva per i porti di Trieste e Monfalcone nel primo trimestre del 2022, con alcuni risultati record registrati nei due scali governati dall’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Orientale.

Nel merito, gli oltre 14 milioni di tonnellate di merce movimentata nel primo trimestre 2022 per il porto di Trieste, implicano un incremento del 19,58% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Lo sprint nei primi tre mesi dell’anno è determinato soprattutto dalle rinfuse liquide (+27,72%) con 9.386.581 tonnellate movimentate. Le merci varie si attestano su 4.542.690 tonnellate (+4,53%), mentre le rinfuse solide con 210.158 mettono a segno un consistente recupero (+62,29%).

Un primo dato da record lo fornisce il settore Ro-Ro (+12,7%), con 80.654 unità transitate: si tratta del valore più alto di sempre su base trimestrale.

A distinguersi però anche il settore contenitori, con 201.134 teu (+2,93%), che rappresenta il miglior trimestre di sempre per teu movimentati.

Il dato evidenzia, da un lato, la tenuta dei traffici al terminal container del molo VII e, dall’altro, la continua crescita del settore a bordo delle navi Ro-Ro da/per la Turchia con 30.374 teu (+20,90%).

Incoraggiante, inoltre, il risultato della movimentazione ferroviaria (+13,79%) con 2.500 treni movimentati. Risultato che corrisponde al secondo migliore I trimestre in assoluto, superato solamente da I trimestre del 2019, quando vennero movimentati 2.665 treni. Un risultato riconducibile prevalentemente al trend di crescita registrato al Molo VI, Siderurgica Triestina e Piattaforma Logistica.

 

Porto di Monfalcone: volumi in crescita del 9%

Passando al porto di Monfalcone, i volumi complessivi dei primi tre mesi del 2022 raggiungono 820.407 tonnellate di merce (+9,08%).

Balzo a doppia cifra per le rinfuse solide (+24,78%) con 649.052 tonnellate. Nello specifico, la sottocategoria prodotti metallurgici ha registrato una variazione positiva del 27,82% (613.782 tonnellate): quest’ultima tipologia merceologica ha rappresentato il 74,81% del totale.

Da evidenziare gli arrivi di carbone, con 9.834 tonnellate destinate alla locale centrale termoelettrica e con prospettive di forte ripresa del traffico; inoltre spicca un aumento del 93,13% nella sottocategoria cereali con 5.485 tonnellate.

Forte calo per le merci varie (-26,14%), dovuto sostanzialmente alla caduta della “voce” cellulosa (-35,21%) e dei veicoli (-34,96%) a conferma dell’andamento ormai critico del mercato dell’auto con una curva discendente iniziata nel 2020.

Per contro, emerge un forte incremento dei contenitori (+207,23%) pari a 510 teu rispetto ai 166 dello stesso periodo dello scorso anno, anche se si tratta chiaramente di valori in assoluto poco rilevanti.

Come per lo scalo giuliano, anche per Portorosega l’impulso dato al traffico ferroviario manifesta un buon trend (+22,86%) con 344 treni.

 

 

Tag: porto trieste, trasporto marittimo

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Digitalizzare il trasporto marittimo: Tim e Confitarma siglano un accordo di collaborazione

Per rispondere alle sfide del PNRR il settore del trasporto marittimo deve intraprendere un percorso di sinergia tra la transizione ecologica e quella digitale, rivolgendo particolare attenzione alle...

Porto di Trieste: accordo tra l'Autorità del Mar Adriatico Orientale e FER per la formazione ferroviaria del personale

L’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Orientale compie un passo fondamentale verso l’obiettivo strategico di diventare gestore della propria infrastruttura...

Porto di Bari: via al bando di gara per la realizzazione del nuovo terminal passeggeri

Un nuovo terminal moderno e funzionale che si svilupperà su una superficie di circa 3.000 mq. La caratteristica principale dell’edificio sarà la sua polifunzionalità: oltre...

Al porto di Civitavecchia la nave portacontainer più lunga mai ormeggiata

Continua il processo di sviluppo e ampliamento dei traffici nel porto di Civitavecchia, che punta a crescere ulteriormente tra i più importanti scali del Mediterraneo, oltre che per le...

Governance, riforme e semplificazioni: Confindustria presenta Progetto Mare

L’Economia del Mare è un comparto sul quale è più che mai necessario elaborare una strategia complessiva e specifica, valorizzandone le singole e già rilevanti...

Porti dell’Adriatico centrale: traffico merci in aumento rispetto ai numeri pre Covid

Dati più che positivi i per il traffico merci dei porti di Ancona e Ortona nel primo trimestre 2022, che registrano una netta crescita anche rispetto al periodo precedente alla pandemia....

Porti di Trieste e Monfalcone: le compagnie sottoscrivono il Blue Agreement per ridurre le emissioni

Con la sottoscrizione anche da parte delle compagnie armatoriali, diventa operativo il “Trieste & Monfalcone Blue Agreement”, l’accordo volontario teso a ridurre sensibilmente...

Approvata la legge Salvamare: i pescatori potranno portare a terra la plastica recuperata con le reti

Giornata storica per il mare: Marevivo e Federazione del Mare, insieme ad Assonave, Assoporti, Confindustria Nautica, Confitarma, Federpesca, Lega Navale, Lega Italiana Vela, Stazione Zoologica Anton...