Cluster portuale: la Legge di Bilancio non recepisce le richieste condivise con il MIMS

CONDIVIDI

giovedì 23 dicembre 2021

Il cluster portuale rappresentato da tutte le parti stipulanti il Contratto Collettivo Nazionale dei Lavoratori dei Porti esprime in una nota "profonda delusione" riguardo il mancato recepimento nell’iter di approvazione della “Legge di Bilancio” delle principali richieste di provvedimenti normativi condivise nel corso delle interlocuzioni ministeriali. Tutto ciò per altro – sottolineano ASSOPORTI, ASSITERMINAL, ASSOLOGISTICA FISE-UNIPORT, FILT-CIGIL, FIT-CISL, UILTRASPORTI – alla luce del recente Verbale d’Accordo tra ministero delle Infrastrutture e della Mobilità sostenibili e organizzazioni sindacali della scorsa settimana e dell’istituzione del “tavolo del Mare”.

Mancato recepimento della proroga ai sostegni ai lavoratori e fondo amianto

"Incomprensibile – spiega la nota – il mancato recepimento della proroga dei sostegni ai lavoratori portuali delle imprese e il supporto economico all’istituendo fondo dei lavoratori dei porti, con risorse del settore e pertanto non aggiuntive, per il prepensionamento dei lavoratori portuali inabili al lavoro in considerazione del ricambio generazionale necessario, anche alla luce delle dichiarazioni del Governo e, quindi, per creare un ricambio generazionale che permetta ai giovani la dignità di un lavoro stabile e duraturo".

Analogo discorso vale per gli effetti sul mancato recepimento dell’integrazione del fondo amianto a favore delle famiglie delle vittime da patologie asbesto-correlate.

La politica non percepisce la strategicità del settore Porti

"Queste circostanze – sottolinea il cluster – pongono un accento di ulteriore pregiudizio alla questione più generale di tenuta del principio normativo dell’autonomia finanziaria delle Autorità di Sistema Portuale e del settore nel suo insieme: tutti elementi di forte preoccupazione per le parti stipulanti il Ccnl, poiché tutto ciò sembra significare che la politica non percepisce la strategicità del settore della portualità".

"I tempi e i modi per intervenire – conclude la nota – la politica e il Governo li possono ancora trovare laddove vogliano dare un segnale di riscontro che dia sostanza alle necessità del settore. Le iniziative che potranno essere intraprese, a fronte dell’assenza di risposte, vedranno il cluster coeso nella coerenza di un percorso di dialogo e confronto ormai consolidato nel merito delle problematiche e delle istanze risolutive per la tenuta e lo sviluppo del settore". 

Tag: assologistica, assoporti, uiltrasporti, ccnl

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Guardia Costiera e Assoporti: accordo per migliorare il monitoraggio del traffico navale

Mettere a fattor comune dati e informazioni di reciproco interesse, attraverso la condivisione con le Autorità di Sistema di dati e informazioni acquisiti nell’ambito della rete...

Le AdSP possono costituire comunità energetiche: soddisfazione di Assoporti

Soddisfazione di Assoporti per la previsione inserita nel decreto legge sulle politiche energetiche nazionali e aiuti a famiglie e imprese approvato ieri, che riconoscendo ai porti lo status di...

Assoporti: in crescita il traffico merci nel 2021 ma ancora non a livelli pre pandemia

Nel 2021 nei porti italiani sono state movimentate complessivamente 481,5 milioni di tonnellate di merci, in crescita dell’8,4% rispetto al 2020 (444 milioni di tonnellate). Un dato che, per...

Assoporti: più infrastrutture e meno burocrazia per competere con altri Paesi del Mediterraneo

"Le autostrade del mare sono principi di economia intelligente che vanno rilanciate con forza anche perché danno risposte alla sostenibilità che è un valore sempre più...

Condividere progetti, strategie e iniziative legislative: siglato accordo tra Anita e Assologistica

Concordare e condividere le principali attività associative a livello nazionale ed europeo.Portare avanti un’attività condivisa di comunicazione esterna in merito al valore...

Misure a favore dei portuali nel decreto Milleproroghe. Soddisfazione di Assoporti

Soddisfazione dall’Associazione dei Porti Italiani (Assoporti) per l’inserimento nel decreto “Milleproroghe” di alcuni emendamenti che riguardano il settore portuale...

Assoporti: nel 2021 è iniziata la risalita dei porti italiani

La crescita del trasporto marittimo mondiale, in termini di tonnellaggio, è attesa al 3,4% nel 2022: ad avanzare sono soprattutto i porti di Medio Oriente e Nord Africa, riducendo il gap con...

Assologistica: caro energia penalizza imprese di un settore cruciale per il Paese

"L'aumento del costo dell'energia è estremamente penalizzante per le attività imprenditoriali nel nostro Paese. Le imprese produttive sono penalizzate, ma altrettanto se non di...