Assoporti: più infrastrutture e meno burocrazia per competere con altri Paesi del Mediterraneo

CONDIVIDI

mercoledì 9 marzo 2022

"Le autostrade del mare sono principi di economia intelligente che vanno rilanciate con forza anche perché danno risposte alla sostenibilità che è un valore sempre più richiesto, anche dalle comunità con le quali i porti si devono misurare, ma occorre procedere con la sburocratizzazione delle procedure e la realizzazione di infrastrutture materiali e immateriali per il rilancio dei porti, in modo da sostenere la concorrenza con i competitor del Mediterraneo”.

Così Rodolfo Giampieri, presidente di Assoporti, intervenendo alla prima giornata dell’edizione 2022 di Shipping, forwarding and logistics meet industry, l’appuntamento annuale dedicato all’incontro tra il mondo della logistica, delle spedizioni, dei trasporti, e il mondo dell’economia produttiva italiana, in corso a Milano fino all’11 marzo.

Puntare sulle Zes e Zls


"Il Mediterraneo - ha ricordato Giampieri – è l'area più intensa al livello europeo di short shipping, con 507 milioni di tonnellate trasportate, il 32% del totale e le grandi macroregioni del mondo tenderanno a scambiarsi merci più tra grandi blocchi che non su scala globale".

In un contesto mediterraneo in cui i porti competitor dell'Italia stanno investendo molto in infrastrutture e in sempre più numerose leve di attrazione di capitale, Giampieri prende atto di come nel nostro Paese le Zone economiche speciali (Zes) e le Zone logistiche speciali (Zls) debbano ancora decollare, per diventare un volano di sviluppo su cui tanti territori fanno affidamento.

Perché ciò avvenga però occorre superare le criticità esistenti, ha spiegato Giampieri, ricordando, ad esempio, che i nostri scali soffrono di problemi infrastrutturali sia lato mare sia lato terra, di capacità intermodale limitata, le reti stradali e ferroviarie sono inadeguate, soprattutto in nodi strategici: su questo scenario l’auspicio è che il PNRR intervenga con forza.

Infrastrutture immateriali

Ci sono poi le infrastrutture immateriali, che saranno determinanti per la ripresa della competitività portuale. Oggi per controllare la merce sono necessari 177 procedimenti amministrativi in capo a 17 amministrazioni pubbliche, e questo si traduce in 20mila ore lavoro perse, per un valore di circa 30 miliardi.

“Siamo in situazioni che potrebbero essere risolte a costo zero – ha concluso Giampieri –. Senza una severa semplificazione delle procedure dell'iter amministrativo e burocratico e tempi definiti per ogni pratica perdiamo tutti i treni".

Tag: trasporti internazionali, trasporto marittimo, assoporti

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Porto di Civitavecchia: partite 120 Maserati verso l’Oriente

Partito dal porto di Civitavecchia il primo viaggio con 120 auto Maserati trasportate su bisarche provevienti dallo stabilimento di Cassino e dirette in Oriente (Cina, Giappone e Australia le...

Norme IMO e Fit for 55: allarme per le conseguenze sui traghetti italiani in due studi di Assarmatori

Nel 2025 il 73% delle navi ro-ro e traghetti italiani risulteranno non ottemperanti alle nuove norme IMO sulle emissioni e quindi potenzialmente non più in grado di navigare. Un vero e proprio...

Vettori ucraini: il Mims estende l'esenzione da autorizzazione per il trasporto internazionale di merci

Estesa l'esenzione da autorizzazione al trasporto internazionale di merci su strada per i vettori di nazionalità ucraina.  Il provvedimento è in atto dallo scorso marzo e consente...

Porti: in arrivo 220 milioni di euro di contributi per impianti di liquefazione gas e trasporto Gnl

Arrivano contributi per 220 milioni di euro, finanziati dal Fondo Nazionale Complementare (Pnc), per la realizzazione di impianti di liquefazione di gas naturale, di punti di rifornimento nei porti...

Utili in crescita e bilanci positivi: i risultati delle compagnie di navigazione nell'indagine Fedespedi

Il 2021 è stato l’anno della ripresa dopo il difficile 2020 segnato dal Covid; il 2022 avrebbe dovuto essere l’anno della conferma della ripresa, ma lo scoppio del conflitto...

Dal 1° luglio la Romania monitorerà il trasporto su strada di merci ad alto rischio fiscale

Dal prossimo 1° luglio la Romania monitorerà il trasporto su strada di merci ad alto rischio fiscale tramite il sistema elettronico integrato Ro e-Transport. Il provvedimento, contenuto...

International Chamber of Shipping: Emanuele Grimaldi eletto presidente

L’Assemblea dell'International Chamber of Shipping (ICS) ha eletto Emanuele Grimaldi presidente dell'organizzazione che rappresenta a livello globale le associazioni armatoriali nazionali e...

Porto di Civitavecchia primo in Italia a consentire lo scarico del bitume ship to truck

Arrivata al porto di Civitavecchia la prima nave che scaricherà bitume direttamente sui camion, senza passare da depositi dedicati. Si tratta della Iver Ambassador, proveniente dalla Turchi...