Commissione Ue: un piano di emergenza in 10 azioni per proteggere i trasporti

CONDIVIDI

lunedì 23 maggio 2022

Negli ultimi anni il settore dei trasporti è stato chiamato ad affrontare emergenze particolarmente gravi, cambiamenti e nuove sfide, a cominciare dalla pandemia di Covid-19, per arrivare alla guerra tra Russia e Ucraina.

Entrambe le crisi hanno gravemente colpito il trasporto di merci e di persone, ma la resilienza di questo settore e il migliore coordinamento tra gli Stati membri si sono rivelati fondamentali per la risposta dell'Ue a queste sfide.

Proprio al fine di rafforzare la resilienza dei trasporti in tempi di crisi Commissione Europea ha adottato oggi un piano di emergenza per i trasporti che si basa sugli insegnamenti tratti dagli eventi traumatici con cui il settore sta ancora facendo i conti.

"L'odierno piano di emergenza, che si basa in particolare sugli insegnamenti tratti dalla pandemia di Covid-19 e e sulle iniziative adottate per affrontarla, crea un quadro solido per un settore dei trasporti dell'Ue resiliente e a prova di crisi – ha dichiarato Adina Vălean, Commissaria europea per i Trasporti –. Sono assolutamente convinta che questo piano costituirà un fattore determinante per la resilienza del settore dei trasporti, visto che molti degli strumenti previsti dal piano si sono già rivelati essenziali nel sostegno offerto all'Ucraina. Mi riferisco tra l'altro ai corridoi di solidarietà Ue-Ucraina, che aiutano quest'ultima a esportare i cereali di cui è produttrice".

L'iniziativa odierna risponde all'invito rivolto dal Consiglio alla Commissione di elaborare un piano di emergenza per il settore europeo dei trasporti in caso di pandemie e altre gravi crisi. Il piano onora uno degli impegni della Commissione nell'ambito della Strategia per una mobilità sostenibile e intelligente ed è stato sviluppato di concerto con le autorità degli Stati membri e i rappresentanti del settore.

 

Una lezione in 10 punti derivata dalle recenti crisi

Il piano individua 10 azioni per guidare l'Ue e i suoi Stati membri nell'introduzione di misure di emergenza in risposta alle crisi. In particolare emerge l'importanza di garantire una connettività minima e la protezione dei passeggeri, sviluppare la resilienza agli attacchi informatici e testare regolarmente la resilienza in generale.

Sottolinea anche la pertinenza dei principi delle corsie verdi, principi che garantiscono che nel trasporto merci via terra l'attraversamento delle frontiere possa avvenire in meno di 15 minuti, e rafforza il ruolo della rete di punti di contatto delle autorità nazionali responsabili dei trasporti.

Sia le corsie verdi sia la rete dei punti di contatto si sono dimostrate fondamentali durante la pandemia di Covid-19 e nell'attuale crisi causata dall'aggressione russa nei confronti dell'Ucraina.

In dettaglio i 10 punti d'azione individuati sono:

1. rendere le normative dell'Ue in materia di trasporti adatte alle situazioni di crisi;

2. garantire un sostegno adeguato al settore dei trasporti;

3. garantire la libera circolazione delle merci, dei servizi e delle persone;

4. gestire i flussi di rifugiati e il rimpatrio dei passeggeri e dei lavoratori del settore dei trasporti rimasti bloccati;

5. garantire una connettività minima dei trasporti e la protezione dei passeggeri;

6. condividere informazioni sui trasporti;

7. rafforzare il coordinamento della politica in materia di trasporti;

8. rafforzare la cybersecurity;

9. mettere alla prova la risposta alle emergenze nel settore dei trasporti;

10. cooperare con i partner internazionali.

Una lezione fondamentale della pandemia – sottolinea la Commissione – è l'importanza di coordinare le misure di risposta alle crisi per evitare, ad esempio, situazioni in cui gli autocarri, i loro conducenti e i beni essenziali restino bloccati alle frontiere, come osservato nei primi giorni della pandemia.

Il piano di emergenza per i trasporti introduce principi guida finalizzati ad assicurare che le misure di risposta alle crisi siano proporzionate, trasparenti, non discriminatorie, in linea con i trattati dell'Ue e in grado di garantire che il mercato unico continui a funzionare correttamente.

L’impegno della Commissione Ue per sostenere il settore dei trasporti

La Commissione e gli Stati membri ricorreranno a questo piano di emergenza per rispondere alle sfide attuali e future che interessano il settore dei trasporti. La Commissione si impegna in questo modo a sostenere gli Stati membri e guidare il processo di preparazione alle crisi in cooperazione con le agenzie dell'Ue, coordinando la rete di punti di contatto nazionali per i trasporti e mantenendo discussioni regolari con i partner internazionali e i portatori di interessi.
Per rispondere alle sfide immediate e permettere all'Ucraina di esportare i cereali che produce e anche di importare le merci di cui ha bisogno (dagli aiuti umanitari ai mangimi per animali fino ai fertilizzanti), la Commissione coordinerà la rete dei punti di contatto dei corridoi di solidarietà e la piattaforma di incontro dedicata ai corridoi di solidarietà.

 

Tag: trasporti internazionali

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Vettori ucraini: il Mims estende l'esenzione da autorizzazione per il trasporto internazionale di merci

Estesa l'esenzione da autorizzazione al trasporto internazionale di merci su strada per i vettori di nazionalità ucraina.  Il provvedimento è in atto dallo scorso marzo e consente...

Dal 1° luglio la Romania monitorerà il trasporto su strada di merci ad alto rischio fiscale

Dal prossimo 1° luglio la Romania monitorerà il trasporto su strada di merci ad alto rischio fiscale tramite il sistema elettronico integrato Ro e-Transport. Il provvedimento, contenuto...

Assarmatori: nuovi accordi commerciali per superare blocco delle materie prime da Russia e Mar Nero

Con il Mar Nero e Mar d’Azov interdetti alle unità mercantili italiane e il rischio nei porti russi del Baltico, come San Pietroburgo e Murmansk, di ritorsioni contro le navi italiane...

Assoporti: in crescita il traffico merci nel 2021 ma ancora non a livelli pre pandemia

Nel 2021 nei porti italiani sono state movimentate complessivamente 481,5 milioni di tonnellate di merci, in crescita dell’8,4% rispetto al 2020 (444 milioni di tonnellate). Un dato che, per...

Assoporti: più infrastrutture e meno burocrazia per competere con altri Paesi del Mediterraneo

"Le autostrade del mare sono principi di economia intelligente che vanno rilanciate con forza anche perché danno risposte alla sostenibilità che è un valore sempre più...

Dalle vignette ai pedaggi: il Parlamento Ue approva la riforma della tassazione

Il Parlamento europeo ha approvato le nuove norme sulla tariffazione dei veicoli su strada. Si procede dunque nella definizione delle tariffe che i Paesi Ue possono imporre a bus, furgoni e autocarri...

BAI Review: nell’anno appena iniziato cargo aereo ancora alle prese con criticità registrate nel 2021

È appena iniziato quello che in base al calendario cinese sarà l'anno della Tigre. Gli Indici Baltic Air Freight (BAI) indicano per il mese di gennaio tariffe notevolmente raffreddate...

DHL: consegnati 2 miliardi di vaccini anti-Covid nel mondo. In Italia 100 milioni

Due miliardi di vaccini consegnati in 175 Paesi in tutto il mondo, di cui 100 milioni in Italia. È questo il bilancio del primo anno di gestione della distribuzione globale dei vaccini anti...