Tav, per Conftrasporto un'arma contro il dumping sociale

CONDIVIDI

giovedì 14 febbraio 2019

“Con la Tav le imprese italiane avrebbero le armi per combattere contro il dumping sociale che le aziende dell’Est europeo fanno ai loro danni”. Ne è convinto il vicepresidente di Confcommercio e di Conftrasporto Paolo Uggè, che spiega perché l’opera porterebbe, fra i tanti vantaggi, anche quello di salvare dagli effetti di una concorrenza distorta le imprese di trasporto italiane, con benefici per lo Stato anche sul piano fiscale.

“Grazie alla Tav - spiega Uggè – i nostri autotrasportatori effettuerebbero il servizio dalla fabbrica fino alla stazione di partenza caricando sui treni i container o i semirimorchi del committente, che verrebbero poi prelevati alla stazione di arrivo da corrispondenti della stessa impresa per essere consegnati nei luoghi di destinazione.  Questo consentirebbe ai vettori italiani di gestire il primo e l’ultimo miglio riducendo di molto l’incidenza del costo del lavoro, e il fatturato resterebbe in Italia a beneficio delle entrate per i maggiori introiti fiscali nelle casse dello Stato”.

“Questo tipo di attività intermodale - aggiunge il vicepresidente di Conftrasporto - non sarebbe invece conveniente per le imprese dell’Est, che attualmente ‘gestiscono’ i collegamenti con i Paesi dell’Ovest europeo basando la loro competitività sui percorsi effettuati esclusivamente su gomma grazie al bassissimo costo degli autisti, che diventa così il loro principale punto di forza rispetto alle imprese italiane”.

“Con il treno - prosegue Uggè - si consentirebbe quindi di eliminare l’elemento più significativo di concorrenza ‘distorta’ e, venendo meno la concorrenza di vettori esteri che stazionano nel nostro Paese, le conclusioni alle quali è giunta la commissione costi-benefici della Tav si modificherebbero. A questo occorre aggiungere la maggior sicurezza sulle strade, quindi minor incidentalità (la vita di una persona quanto vale nel computo dei costi benefici?) ed un maggior rispetto per l’ambiente”.

“Avrei qualcosa da dire anche sulla questione delle accise sui carburanti - conclude Uggè -  Conftrasporto ha evidenziato subito il grave errore, compiuto su questo fronte dall’analisi costi-benefici, di includere nei costi per la Tav i mancati introiti derivanti dall’accisa. Chi opera nei trasporti sa che l’autonomia degli automezzi è di circa 2mila chilometri e che gli autotrasportatori si riforniscono là dove il costo del gasolio è più conveniente. Da qui, dunque, non risulta alcun mancato introito per le casse dello Stato”.

Tag: conftrasporto, trasporto intermodale

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Logistic Digital Community: appuntamento a Genova il 24 gennaio con il convegno su cyber security e logistica

"Cyber security, un'emergenza per la filiera Trasporti e Logistica". E' questo il titolo della tavola rotonda organizzata dalla Logistic Digital Community dedicata al tema della sicurezza...

Gts Rail: da febbraio nuova tratta Brindisi-Bologna. Con la novità di tariffe last minute

Dal prossimo 5 febbraio l’operatore intermodale ferroviario Gts Rail opererà la nuova tratta Brindisi-Jesi-Bologna. La nuova linea andrà ad affiancare l’ormai consolidata...

Conftrasporto: probabili nuove restrizioni per i tir al Brennero, necessario un chiarimento da parte del governo

Un nuovo provvedimento restrittivo per i mezzi pesanti in transito sull’autostrada A22? L'allarme è stato lanciato da Conftrasporto-Confcommercio con una nota che annuncia la...

Lavoro e vaccino obbligatorio, Conftrasporto: rischio concorrenza sleale delle imprese straniere in Italia

Rendere obbligatorio il vaccino per tutti i lavoratori potrebbe creare disparità nel settore trasporti tra gli operatori italiani e quelli che vengono dall'estero. L'allarme arriva da...

Regione Lombardia: via libera a sostegno per formare nuovi autisti

La Regione Lombardia ha approvato un sostegno economico per il conseguimento della patente di autista. Ne ha dato notizia Conftrasporto-Confommercio. La misura approvata prevede fino a 8mila euro...

CLdN Cargo sbarca in Italia: una nuova sede nel centro di Milano per ampliare i mercati del Made in Italy

CLdN Cargo è pronta a investire nel mercato Italiano. L’operatore logistico internazionale ha siglato un accordo di rappresentanza con la neo costituita Macama srl che...

Conftrasporto: no all'emendamento Cingolani, servono sostegni per le imprese che hanno investito nel GNL

Il ministro della Transizione ecologica, Roberto Cingolani ha annunciato un emendamento per ridurre le agevolazioni sui carburanti fossili. Ma da Conftrasporto arriva parere negativo e, con una...

Vimodrone (MI), Unes: nuova protesta Si Cobas, bloccati magazzino e camion

Dura condanna da parte di Fai (Federazione Autotrasportatori Italiani) nei confronti della manifestazione di protesta organizzata dal sindacato di base Si Cobas presso la piattaforma logistica Unes...