Il Freight Leaders Council chiede un piano nazionale per il trasporto ferroviario

CONDIVIDI

martedì 26 settembre 2017

“Serve un piano nazionale per l’intermodalità ferroviaria in grado di definire il target, individuare le criticità, rimuovere gli ostacoli e raggiungere un obiettivo molto urgente: abbassare l’impronta ambientale dei trasporti, l’unico comparto industriale che non è stato finora in grado di ridurre le emissioni di Co2”. E’ l’appello lanciato da Antonio Malvestio, Presidente del Freight Leaders Council intervenuto a Mercintreno, la manifestazione in corso oggi e domani a Roma sul trasporto ferroviario delle merci. 

Il Freight Leaders Council, l’associazione che raggruppa i maggiori operatori della logistica italiana, ha pubblicato lo scorso anno il Quaderno #25 sulla sostenibilità ambientale del trasporto e della logistica con l’obiettivo di individuare azioni concrete per la riduzione delle emissioni. Tra le 6 proposte presentate al Governo e alle istituzioni, anche quella di predisporre un piano nazionale per l’intermodalità. Un’azione utile a mettere in chiaro le criticità e potenzialità del trasporto ferroviario delle merci in Italia. Una situazione ancora claudicante nel panorama europeo: oggi la quota modale del ferro per le merci in Italia è del 14,6% a fronte del 18% dell’Ue e contro l’85,4% della strada, dieci punti superiori alla media europea. Il ferrobonus, l’aiuto trimestrale che il Governo ha varato recentemente, è sicuramente un’azione positiva, ma insufficiente per una programmazione reale e duratura dell’intermodalità ferroviaria. 

“Non tutte le merci possono viaggiare in treno – continua Malvestio – Bisogna individuare con attenzione la quota da spostare. Rimuovere gli ostacoli, tra cui per esempio la crescente illegalità che caratterizza il trasporto su strada, vittima di un forte dumping sociale ad opera di operatori dell’Est Europa: basti pensare che il tasso di lavoro irregolare nei trasporti è superiore al 70%, i distacchi e le somministrazioni irregolari di autisti dell’Est è cresciuta negli ultimi due anni del 116%, il cabotaggio è esploso e lo sforamento degli orari di guida sta diventando oramai la regola”. Il piano per l’intermodalità dovrebbe prendere in considerazione anche le soluzioni a queste problematiche che rendono il trasporto ferroviario – insieme ad altri gap infrastrutturali – poco competitivo.

“Il miglioramento delle performance ambientali – ha concluso Malvestio – può incidere favorevolmente sull’intera filiera della logistica. Il Freight Leaders Council ha nel suo stesso logo l’incontro tra la strada e la ferrovia e gestisce dal 2012 in esclusiva l’edizione italiana del premio Lean&Green assegnato alle imprese che si impegnano a ridurre del 20% le emissioni inquinanti: un bollino che certifica lo sforzo e attesta procedure in linea con la sostenibilità ambientale”.

Tag: intermodalità

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

L'Ue incentiva trasporti multimodali e sostenibili con un bando da 7 miliardi euro

Sette miliardi di euro per progetti di infrastrutture di trasporto europee. Questa la somma messa a disposizione dall'Ue con l'invito a presentare proposte nell'ambito del Connecting Europe Facility...

Autotrasporto e intermodalità al centro dell'attività di RAM

RAM Logistica, Infrastrutture e Trasporti Spa, la società in house del ministero delle Infrastrutture e Mobilità Sostenibili dal 2004 segue una serie di temi legati direttamente al...

Mobilità sostenibile e logistica integrata al centro della nuova intesa Federdistribuzione-Assologistica

Tra le priorità del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, la digitalizzazione e la transizione ecologica hanno un ruolo prepondernate. Tali fattori sono fondamentali al fine di...

Ferro e gomma insieme per la sostenibilità del trasporto merci

Provvedimenti come il Marebonus e il Ferrobonus hanno permesso di incentivare scelte sempre più sostenibili nel mondo del trasporto merci. Ma per raggiungere la quota del 30% di trasporto...

Intermodalità: nuovo collegamento GTS Brindisi-Piacenza

Dal 28 aprile 2021, un nuovo collegamento ferroviario intermodale operato da GTS collegherà Piacenza e Brindisi. Il servizio affianca quelli già operati, sempre dal terminal...

Porti: la genovese Circle a supporto dei collegamenti Regno Unito-Francia

Nella cornice delle Autostrade del Mare, i collegamenti portuali e marittimi attraverso l'Arco Atlantico, in particolare tra Irlanda e Francia nord-occidentale, hanno un ruolo sempre più...

Porto di Trieste: al via progetto banchina estesa ferroviaria verso le aree interne degli interporti

Un concept per estendere le funzioni portuali alle aree degli interporti regionali. Il porto di Trieste cresce e si sviluppa in quest'ottica, non solo con le sue infrastrutture a mare, ma anche con...

Milano: un accordo per sviluppare l'intermodalità ferro/aria del terminal Sacconago e della Cargo City aeroportuale

Sviluppare processi logistici nell'ambito dell'intermodalità ferro/aria e della mobilità sostenibile per valorizzare il terminal ferroviario di Sacconago e l’ampia area della...