Esportazioni Turchia: una strategia per i paesi lontani

CONDIVIDI

venerdì 8 ottobre 2021

Il governo turco mira ad aggiungere un volume di 80 miliardi di dollari per aumentare le esportazioni attraverso la "strategia per i paesi lontani". Questo quanto dichiarato dal Ministro del Commercio Mehmet Muş il 7 ottobre in un'intervista all'emittente privata NTV.

La strategia dei paesi lontani

"La Turchia effettua il 65 per cento delle sue esportazioni entro un'area di 2.000 chilometri. Spesso non andiamo più lontano - ha dichiarato Muş -. Abbiamo lavorato su una strategia per i paesi lontani per il prossimo periodo. Stiamo raccogliendo opinioni dal mondo degli affari"- conlcude Muş. Secondo le osservazioni del ministro, quasi il 55 % del volume commerciale annuale della Turchia è costituito da esportazioni e importazioni con i paesi europei, sia membri dell'Unione europea che altri. La quota di merci turche nelle importazioni di quei paesi, che distano almeno 8.000 chilometri dai confini della Turchia, è appena dello 0,25 per cento.

“Vogliamo aumentare quel tasso di quattro volte. Pertanto, abbiamo un obiettivo di aumento di 80 miliardi di dollari nelle esportazioni. Per raggiungere questo obiettivo, la Turchia sta cercando di integrare i suoi centri logistici esteri con la propria piattaforma di e-export”- ha affermato il Ministro. La Turchia sta anche cercando di diversificare le sue esportazioni di servizi, aumentando il sostegno ai settori dei contratti, del turismo sanitario e dello sviluppo dei giochi.

Un accordo di unione doganale tra Turchia ed EU

Il Ministero della Cultura e del Turismo ha fissato un obiettivo di 25 milioni di turisti stranieri e 20 miliardi di dollari di entrate turistiche per quest'anno.
“La Turchia si è distinta come un paese fornitore affidabile durante la pandemia- ha osservato Muş- a causa dei problemi logistici nelle catene di approvvigionamento, notiamo che i paesi stanno cercando modi per soddisfare i propri bisogni da luoghi più vicini. Allo stesso tempo, la Turchia ha raggiunto la qualità, la velocità e il know-how nelle esportazioni verso l'UE. La Turchia ha un'esperienza significativa ora e lo ha dimostrato durante la pandemia". Continua il ministro: "Apparentemente, la Turchia diventerà una base di produzione dei pesi massimi nei prossimi anni.

L'aggiornamento dell'accordo di unione doganale tra Turchia e Ue, che ha una storia di 25 anni, è una questione di tempi. Sono in gioco i benefici economici e il benessere di entrambe le parti. Per l'approvazione nel prossimo vertice Ue, sono fiducioso. Ma non sarei sorpreso se non lo fosse"- conclude Muş , accusando la politica interna dei paesi dell'UE. Rispondendo a una domanda sull'aumento dell'inflazione dei costi alimentari, il ministro ha infine affermato che le ispezioni nei supermercati continueranno a contrastare i prezzi esorbitanti, ma che il governo rimarrà fedele ai principi del libero mercato.

 

Fonte: Hurryet daily news

Tag: Turchia, trasporto merci, logistica

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Italia-Turchia, scambi in crescita: intervista esclusiva con l’ambasciatore Ömer Gücük

Con uno scenario economico dinamico, settori storici forti e ben avviati come il manifatturiero affiancati da realtà più innovative legate al mondo dell’automotive e alla...

Green Pass autotrasporto: Conftrasporto, estenderlo agli autisti esteri che entrano in Italia

Oltre una settimana fa era arrivata una circolare dal MIMS e dal ministero della Salute (ne avevamo parlato qui), che esenta gli autotrasportatori provenienti dall’estero dall’obbligo del...

Green pass, porto di Genova: protesta ai varchi per chiedere tamponi gratutiti

Continuano le proteste collegate alle nuove misure che impongono l'obbligo di Green pass per l'accesso ai luoghi di lavoro. Stamattina, al porto di Genova è stato messo in atto uno sciopero...

Nel 2021 crescita record per Turkish Cargo: intervista esclusiva con Turhan Özen, chief cargo officer

Nonostante la grave crisi sanitaria ed economica che ha attanagliato il mondo intero, Turkish Cargo - brand della compagnia di bandiera nazionale Turkish Airlines - ha continuato a operare senza...

Green pass sui luoghi di lavoro anche in Austria, camionisti esentati

In arrivo Green pass sui luoghi di lavoro anche in Austria, ma probabilmente i camionisti non saranno sottoposti alla misura. Mentre tornano a salire i contagi di covid-19, le autorità...

Porto di Trieste: traffico ferroviario in ripresa, 20 treni manovrati rispetto ai 5 del giorno precedente

In aumento l’operatività del porto di Trieste. Termometro della ripresa, il traffico ferroviario gestito da Adriafer che ieri ha operato a regime con 2 squadre e 20 treni manovrati...

Divieti Brennero, ANITA, FAI e FEDIT: nessun provvedimento dall'Ue, attivato team legale

La questione divieti al Brennero torna al centro dell'attenzione delle associazioni dell'autotrasporto italiano. ANITA, FAI e FEDIT hanno deciso di intraprendere un’azione di messa in mora...

ASTRE Italia: una rete in evoluzione che crea valore per le imprese dell’autotrasporto

Etica, professionalità, innovazione. Sono questi i valori alla base di ASTRE, la rete europea di piccole e medie imprese nata per creare valore nei settori trasporti e logistica. Tali valori...