Esportazioni Turchia: una strategia per i paesi lontani

CONDIVIDI

venerdì 8 ottobre 2021

Il governo turco mira ad aggiungere un volume di 80 miliardi di dollari per aumentare le esportazioni attraverso la "strategia per i paesi lontani". Questo quanto dichiarato dal Ministro del Commercio Mehmet Muş il 7 ottobre in un'intervista all'emittente privata NTV.

La strategia dei paesi lontani

"La Turchia effettua il 65 per cento delle sue esportazioni entro un'area di 2.000 chilometri. Spesso non andiamo più lontano - ha dichiarato Muş -. Abbiamo lavorato su una strategia per i paesi lontani per il prossimo periodo. Stiamo raccogliendo opinioni dal mondo degli affari"- conlcude Muş. Secondo le osservazioni del ministro, quasi il 55 % del volume commerciale annuale della Turchia è costituito da esportazioni e importazioni con i paesi europei, sia membri dell'Unione europea che altri. La quota di merci turche nelle importazioni di quei paesi, che distano almeno 8.000 chilometri dai confini della Turchia, è appena dello 0,25 per cento.

“Vogliamo aumentare quel tasso di quattro volte. Pertanto, abbiamo un obiettivo di aumento di 80 miliardi di dollari nelle esportazioni. Per raggiungere questo obiettivo, la Turchia sta cercando di integrare i suoi centri logistici esteri con la propria piattaforma di e-export”- ha affermato il Ministro. La Turchia sta anche cercando di diversificare le sue esportazioni di servizi, aumentando il sostegno ai settori dei contratti, del turismo sanitario e dello sviluppo dei giochi.

Un accordo di unione doganale tra Turchia ed EU

Il Ministero della Cultura e del Turismo ha fissato un obiettivo di 25 milioni di turisti stranieri e 20 miliardi di dollari di entrate turistiche per quest'anno.
“La Turchia si è distinta come un paese fornitore affidabile durante la pandemia- ha osservato Muş- a causa dei problemi logistici nelle catene di approvvigionamento, notiamo che i paesi stanno cercando modi per soddisfare i propri bisogni da luoghi più vicini. Allo stesso tempo, la Turchia ha raggiunto la qualità, la velocità e il know-how nelle esportazioni verso l'UE. La Turchia ha un'esperienza significativa ora e lo ha dimostrato durante la pandemia". Continua il ministro: "Apparentemente, la Turchia diventerà una base di produzione dei pesi massimi nei prossimi anni.

L'aggiornamento dell'accordo di unione doganale tra Turchia e Ue, che ha una storia di 25 anni, è una questione di tempi. Sono in gioco i benefici economici e il benessere di entrambe le parti. Per l'approvazione nel prossimo vertice Ue, sono fiducioso. Ma non sarei sorpreso se non lo fosse"- conclude Muş , accusando la politica interna dei paesi dell'UE. Rispondendo a una domanda sull'aumento dell'inflazione dei costi alimentari, il ministro ha infine affermato che le ispezioni nei supermercati continueranno a contrastare i prezzi esorbitanti, ma che il governo rimarrà fedele ai principi del libero mercato.

 

Fonte: Hurryet daily news

Tag: Turchia, trasporto merci, logistica

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Turchia Business Forum: le opportunità di investimento nei settori della meccanica, meccatronica, medicale e farmaceutico

Si è svolto ieri  presso la fondazione Circolo dei Lettori di Torino il "Türkiye Business Forum", organizzato dalla Camera di commercio di Torino, in collaborazione con Invest in...

Autotrasporto: Dl Taglia prezzi convertito in legge, ecco le misure per il settore

Il decreto Taglia prezzi è stato convertito in legge. Confermate le misure previste per l'autotrasporto nel protocollo del 17 marzo scorso.Lo ha comunicato l'associazione Anita. Riduzione...

Nel 2021 crescono gli investimenti nel mercato immobiliare della logistica in Europa

Crescono gli investimenti in immobili logistici in Europa. Nel 2021 il settore ha registrato un volume di 68 miliardi di euro, pari a oltre il 20% delle risorse allocate nel comparto immobiliare, con...

FCA Bank estende i servizi al settore autocarri: partnership con Ford Trucks

Continua il percorso di diversificazione ed espansione della strategia di business di FCA Bank con la firma della prima partnership strategica nel mondo degli autocarri pesanti. La banca...

Volvo Trucks: la velocità del cambio I-Shift aumenta fino al 30%

Novità per I-Shift, il cambio intelligente e automatizzato di Volvo Trucks. Aumentata la reattività per garantire una migliore guidabilità e fluidità, sia nei veicoli...

Scania: 110 autocarri elettrici per l’azienda Einride

Il più grande ordine di veicoli pesanti elettrici per Scania: l’azienda svedese di trasporto merci Einride potenzia la sua flotta con 110 autocarri elettrici Scania, in consegna a...

Camion elettrici: da Acea una mappa per distribuire in modo efficiente i punti di ricarica in Europa

Una mappa per definire una distribuzione adeguata ed efficiente di nuovi punti ricarica per camion elettrici in Europa. E' questo l'oggetto dello studio del Fraunhofer Institute for Systems and...

Autotrasporto e obiettivi di sostenibilità: Uggè (Conftrasporto) chiede all'Ue politiche realistiche per le imprese

Dai contingentamenti al traffico merci al Brennero al sistema delle emissioni ETS- il sistema per lo scambio delle quote di emissione a effetto serra-, ai nuovi motori con il passaggio...