Ecco cosa offre Amazon Relay ai trasportatori in cerca di opportunità

CONDIVIDI

giovedì 21 ottobre 2021

Una cosa è certa: negli ultimi anni Amazon è cresciuta e oggi, a maggior ragione dopo aver gestito in modo impegnativo l’emergenza sanitaria, è pronta ad effettuare ulteriori passi in avanti. Per poter continuare in questa direzione, Amazon necessita di sempre maggiore capacità di trasporto, che viene alimentata grazie ad un programma dedicato: Amazon Relay.

Di cosa si tratta? È un semplice portale che permette alle aziende di trasporto di crescere insieme ad Amazon. Infatti, Relay permette di moltiplicare le proprie rotte, fare crescere la propria attività e contenere il più possibile i viaggi a vuoto, raggiungendo un’ottimizzazione della propria operatività.

Per farci comprendere meglio la realtà di Relay, Amazon ha condiviso con noi diverse informazioni interessanti e molto utili.

Con Relay, Amazon pubblica online le proprie necessità di carico. Ma qual è lo scopo ultimo che vi siete posti nel creare un portale di questo tipo?

Amazon pianifica i propri carichi in molteplici modi: molti di questi vengono assegnati direttamente ai suoi collaboratori principali, tramite la gestione di tender. Tuttavia, a causa della fluttuazione della domanda dei clienti o di eventi imprevedibili e non compatibili con i carichi fissi già pianificati, esiste anche un numero limitato di singole rotte che Amazon non assegna direttamente.

Tutti questi carichi vengo inseriti sul portale Amazon Relay e sono disponibili per i collaboratori registrati sul portale.

In questo modo, Amazon Relay consente ai corrieri di piccole e medie dimensioni di prenotare questi viaggi e di sviluppare la propria attività insieme ad Amazon.

È fondamentale sottolineare che il portale è gratuito e che non ci sono obblighi minimi di carico. La scelta di lavorare sul portale ricade totalmente sul corriere.

Se un corriere si registra su Relay avrà poi Amazon come unico partner contrattuale?

Dal momento che tutti i carichi offerti su Relay sono gestiti esclusivamente da Amazon Transportation Services, non esistono altri partner contrattuali per le attività di trasporto presenti sulla piattaforma Relay.

Amazon utilizza Relay per offrire, esclusivamente sulla piattaforma, migliaia di carichi all'interno della propria rete logistica europea. Pertanto, ci sono molte offerte diverse con percorsi e distanze differenti che consentono ai corrieri di qualsiasi dimensione di selezionare un carico adatto alle proprie esigenze ed evitare viaggi a vuoto. Inoltre, il corriere ha anche la possibilità di offrire direttamente il proprio volume di carico su Amazon Relay. 

Ma tutti i corrieri possono registrarsi o sono richiesti particolari requisiti?

Per poter registrare la propria azienda di trasporti su Amazon Relay è necessario disporre di una licenza valida per il trasporto internazionale di merci (licenza UE) oppure di una nazionale, di un'assicurazione valida per il trasporto merci (assicurazione CMR - vettoriale) e di un'assicurazione che copre i propri veicoli.

A tal proposito, i corrieri devono infatti disporre di una propria flotta di veicoli. Tutte le informazioni utili al riguardo possono essere consultate all'indirizzo https://relay.amazon.it

Abbiamo parlato genericamente di carichi. Ma più in dettaglio di che tipologia sono quelli che si possono trovare su Amazon Relay?

Tutti i carichi offerti su Relay sono carichi completi (FTL) fra i magazzini della rete italiana (ed europea) di Amazon e contengono pacchi in consegna al cliente o necessari per il bilanciamento degli inventari.

Oltre a pacchi e colli esistono anche trasporti di merce che richiedono un controllo della temperatura o che necessitano di attrezzature speciali?

I collaboratori registrati su Relay trasportano solo ordinativi di clienti precedentemente stoccati nei centri logistici. Tutti i carichi offerti da Amazon sono merci non refrigerate. Per il trasporto è necessario un semirimorchio classico, telonato o furgonato. I pacchi vengono impilati su bancali e caricati.

In che modo avvengono le relazioni tra Amazon e il corriere?

Per fare in modo che Amazon Relay sia il più accessibile e intuitiva possibile, l'intero processo di registrazione può essere eseguito digitalmente e in diverse lingue.
Inoltre, è presente un team dedicato che segue tutti i collaboratori durante la fase di registrazione e crescita.
Grazie ad Amazon Relay, i corrieri hanno inoltre la possibilità di offrire la propria capacità di carico e di indicare la tariffa richiesta per un trasporto. Se nella tabella di carico è presente un'offerta adeguata a tale richiesta, viene immediatamente indicata al corriere, il quale può decidere di accettarla.
L'applicazione Relay offre inoltre, in modo totalmente automatizzato, sia la localizzazione della posizione del magazzino, sia l’autorizzazione per l’accesso nei siti di carico. Questo significa che l'autocarro in arrivo condivide la propria posizione con il personale del sito tramite il GPS nell'app, viene registrato e riceve direttamente le istruzioni su come consegnare o ritirare il carico presso il sito Amazon.

Cliccate su questo link per iniziare la registrazione, un team dedicato vi seguirà nel processo!

Tag: amazon, logistica, trasporto merci

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Attivo il Piano Neve 2021-2022: ecco le tratte dove può essere attuato il fermo temporaneo dei mezzi pesanti

Sul sito del Ministero dell'Interno sono disponibili i documenti relativi al nuovo piano neve predisposto da Viabilità Italia per la stagione invernale 2021-2022. Il piano contiene quanto...

Carenza di autisti nel Regno Unito: situazione in miglioramento in base agli ultimi dati delle associazioni di categoria

Nel Regno Unito è in atto un’inversione di tendenza del problema rappresentato dalla carenza di autisti di mezzi pesanti e di altri lavoratori della logistica venutosi a creare nei mesi...

Logistica: a Padova il nuovo centro di smistamento GLS Italy

Nuovo polo logistico a Padova per GLS Italy. Il centro di smistamento sorge in una posizione strategica con l'accessibilità alla tangenziale est della città, all'autostrada A13 che...

Dal 1° gennaio l’Ue lancia il nuovo sistema di gestione del rischio doganale

Rafforzare i controlli doganali dell'Ue e proteggere i cittadini e le imprese dell'Unione, nonché gli interessi finanziari europei. Questi gli obiettivi del nuovo sistema di gestione del...

Porto di Cagliari: la nuova società MITO gestirà l’attività terminalistica del Gruppo Grendi

La new company Mito gestirà l’attività terminalistica del Gruppo Grendi nel Porto Canale di Cagliari. Mediterranean Intermodal Terminal Operator si occuperà del nuovo...

Rhenus Group: obiettivo zero emissioni per le spedizioni Groupage entro il 2030

Rhenus Group azzererà le emissioni di carbonio di tutte le spedizioni Less than Container Load (LCL) entro il 2030. A partire dal 2022, i carichi consolidati spediti dal gateway sito a Hilden...

Divieti Brennero: l’IRU e 12 associazioni europee chiedono l’intervento dell'Ue

I provvedimenti austriaci che impongono il contingentamento dei mezzi pesanti nel corridoio del Brennero continuano a mettere in difficoltà il comparto trasporto...

Intermodalità: Gts Rail attiva un nuovo collegamento Bologna-Rotterdam

Dal prossimo 13 dicembre Gts Rail attiverà un nuovo collegamento ferroviario Bologna-Rotterdam. Un'operazione che punta a togliere dalle strade interessate dal tragitto oltre 20 mila camio...