Veicoli pesanti: in Ue più sicurezza sulle strade con le nuove regole sul sistema avanzato di frenata di emergenza

CONDIVIDI

martedì 8 febbraio 2022

Le Nazioni Unite rafforzano il regolamento sulla frenata di emergenza per autocarri e autobus per aumentare la sicurezza sulle strade.

Il numero di incidenti stradali che coinvolgono camion e autobus potrebbe presto essere ridotto grazie all'estensione del sistema avanzato di frenata di emergenza (AEBS). Inizialmente concepito per migliorare la sicurezza sulle autostrade, l'ambito di applicazione del regolamento ONU n. 131 - che contiene disposizioni concernenti l'omologazione dei veicoli a motore in relazione ai dispositivi avanzati di frenata d'emergenza AEBS - sarà ampliato per includere altri contesti stradali, anche nelle aree urbane. Lo ha comunicato con una nota l'UNECE, la Commissione economica per l'Europa delle Nazioni Unite.

Il regolamento 131 delle Nazioni Unite è stato adottato nel novembre 2012 e reso obbligatorio nell'Unione europea nel 2013 per i nuovi autocarri e autobus. Per le auto diventerà obbligatorio nell'UE a luglio 2022.
Le nuove disposizioni per autocarri e autobus dovrebbero entrare in vigore entro febbraio 2023.

Le nuove misure puntano a ridurre significativamente incidenti e vittime

Le disposizioni rafforzate introducono una frenata automatizzata molto più forte in risposta al rilevamento di oggetti fermi, anche se il conducente non è stato preventivamente avvisato da un sistema di allarme. Si tratta di una misura molto utile, ad esempio, se la situazione del traffico peggiora improvvisamente a causa di una forte frenata dei veicoli.

Le nuove misure, che si basano sull'esperienza acquisita con l'AEBS negli ultimi anni, dovrebbero ridurre significativamente gli incidenti e il numero di vittime in situazioni di ingorgo. 

Le nuove disposizioni limiteranno anche le condizioni di disattivazione dei sistemi di assistenza alla frenata di emergenza: una volta spenti, i sistemi devono essere riattivati ​​automaticamente dopo 15 minuti, il che significa che in pratica il sistema verrà attivato quasi in modo permanente. Inoltre, le modifiche proposte prevedono che l'AEBS dei veicoli pesanti sia in grado di rispondere al rilevamento di pedoni ed evitare incidenti fino a una velocità di guida di 20 km/h.

Tag: sicurezza stradale, trasporto merci

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Trasporti eccezionali: nuovi strumenti digitali per ridurre i costi e semplificare i processi

Il piano di trasformazione digitale di Autostrade per l’Italia cresce grazie all'implementazione di nuovi servizi dedicati al trasporto merci. Dal 6 febbraio 2023 saranno disponibili per...

Bonus patente autotrasporto, Fit-Cisl: ottima opportunità per i giovani ma è necessario intervento su stipendi

Il Ministero delle Infrastrutture e Trasporti ha stanziato un bonus patenti di 25,3 milioni di euro destinato ai giovani tra i diciotto e trentacinque anni che desiderano conseguire la patente o le...

Nuova flotta per Autotrasporti Pigliacelli: 50 IVECO S-WAY in consegna

Autotrasporti Pigliacelli, azienda che si occupa di trasporto nazionale ed internazionale, ha ricevuto cinquanta IVECO S-WAY. La cerimonia si è svolta presso la sede del cliente a Veroli, alla...

Autotrasporto: la Serbia chiede all’Italia l’abolizione dei permessi per i camion

Abolizione reciproca dei permessi di transito per i camionisti che percorrono le tratte che collegano l'Italia alla Serbia. Lo ha proposto al ministro Matteo Salvini il suo omologo serbo Goran...

Federauto Trucks&Van: autotrasporto ancora in difficoltà, manca continuità nei sostegni

Le difficoltà delle aziende dell'autotrasporto, costrette a fronteggiare i costi elevati dei carburanti, sono seguite con attenzione e apprensione da Federauto Trucks&Van. Nonostante la...

TDV Group entra nella rete ASTRE Italia

ASTRE Italia ha annunciato l’ingresso nella Rete di un nuovo socio: TDV Group, società portoghese operativa dal 1977.ASTRE è il 1° Raggruppamento europeo di...

Polo Logistico Gruppo FS: Fit-Cisl, necessario un concreto rilancio del cargo ferroviario

Grande interesse è stato espresso dalla Fit-Cisl per il nuovo Piano industriale del Gruppo Fs Italiane, che prevede anche la riorganizzazione delle società in quattro Poli di...

La ferrovia del Brennero al limite, Anita sollecita l'eliminazione divieti di transito

Le questioni aperte e le sfide che deve affrontare oggi la filiera del trasporto merci sono state al centro dell'incontro che si è svolto a Roma tra il Ministro delle Infrastrutture...