Veicoli commerciali: mercato in recupero a ottobre ma il 2020 chiude con un calo del 14%

CONDIVIDI

venerdì 13 novembre 2020

Dopo la dura flessione del primo semestre, in calo del 36%, le consegne rimandate durante il lockdown hanno portato il mercato dei veicoli commerciali al segno positivo, con un trend di recupero anche in ottobre, +9,6%. Tuttavia nel consolidato dei 10 mesi la flessione rimane molto pesante.

Per il mese di ottobre, le stime elaborate e diffuse dal Centro Studi e Statistiche Unrae,
evidenziano immatricolazioni pari a 18.850 autocarri con ptt fino a 3,5t, rispetto ai 17.201 dello stesso periodo 2019. Nei primi 10 mesi di quest’anno il mercato perde circa 28.000 veicoli da lavoro, segnando una pesante contrazione del 18,3% a 124.330 unità complessivamente immatricolate (152.100 nel gennaio-ottobre 2019).

L’analisi della struttura del mercato dei primi 9 mesi (con dati ancora suscettibili di leggeri
aggiustamenti nei prossimi due mesi, a causa dei ritardi di immatricolazione) presenta forti flessioni per tutti i canali di vendita che “migliorano” leggermente grazie al contributo del mese di settembre.
In particolare, fanno meglio i privati la cui contrazione si ferma al 15,5%, al 22,8% di quota di mercato (+1,7 p.p.). Il calo della domanda business, invece, è allineato fra il 23 e il 25%. Le società si confermano market leader, pur riducendo di oltre mezzo punto la rappresentatività, fermandosi al 47,3% del totale. Il noleggio in calo nei 9 mesi del 24,8% perde un punto di quota sfiorando il 30% delle vendite, per una contrazione del 37,3% del breve termine a cui si affiancano la flessione del 22,3% del lungo termine, la parte più significativa del noleggio degli autocarri, e del 22,4% delle autoimmatricolazioni uso noleggio effettuate da Concessionari e Case auto.

Sotto il profilo delle alimentazioni, peggiora l’andamento del benzina che nei 9 mesi perde il 45% delle immatricolazioni, scendendo al 3,5% di quota di mercato. Anche il Gpl prosegue il trend di forte ridimensionamento, dimezzando la rappresentatività all’1,2%; il diesel flette del 21,7% recuperando qualche decimale e sfiorando l’89% del totale mercato, in contrazione anche il metano che si ferma al 3,1%. In forte accelerazione le immatricolazioni di veicoli ibridi che arrivano a rappresentare il 2,7% del mercato (era lo 0,2% un anno fa). Flettono del 19% i veicoli elettrici, che recuperano un decimale, allo 0,7% di quota sul totale.

In leggera crescita (+0,5%) le emissioni medie di CO2 dei veicoli con ptt fino a 3,5t che nei primi 9 mesi dell’anno raggiungono i 163,2 g/km rispetto ai 162,4 del gennaio-settembre 2019.

“Le criticità di natura economico-sanitaria che gravano sullo scenario fanno prospettare spunti di ripresa molto contenuta per la parte finale dell’anno - afferma Michele Crisci, Presidente dell’UNRAE, l’Associazione delle Case automobilistiche estere. Il mercato dei veicoli commerciali dovrebbe, infatti, registrare a fine 2020 un forte calo del 14%, con immatricolazioni tra le 160.000 e le 165.000 unità. Un ulteriore inasprimento delle misure di contenimento dell’emergenza, quale ad esempio un nuovo lockdown nazionale, avrebbe effetti pesanti in questi ultimi mesi oltre che sul quadro economico anche sugli investimenti in beni stumentali quali i veicoli commerciali.”
“Considerato, inoltre – conclude il Presidente – che la Commissione Europea sta portando avanti le procedure di infrazione verso l’Italia per il superamento dei limiti delle emissioni di PM10, appare sempre più urgente un concreto ed efficace intervento per accelerare il rinnovo del parco dei veicoli commerciali, che per vocazione e destinazione sono molto utilizzati nelle aree urbane. Parco circolante che conta ancora un 47% di veicoli molto anziani, rispondenti alle direttive di emissione ante Euro 4 e che, ai ritmi attuali, ci vorrebbero 12 anni per sostituirli tutti".

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Rimorchi e semirimorchi: mercato in perdita del 21,2% nel 2020

Nel mese di dicembre 2020 il mercato dei rimorchi e semirimorchi con massa totale a terra superiore a 3,5t denuncia una condizione di stabilità rispetto al dicembre 2019, facendo registrare...

Auto aziendali, una nuova indagine sui cambiamenti delle flotte: prevista crescita degli ibridi

Nel 2021 avere una vettura con alte emissioni di CO2 costerà caro ai dipendenti delle aziende. È questo uno dei dati più significativi emersi dalla instant survey “Flotte...

Unrae: nel 2020 il mercato dei veicoli commerciali ha perso il 15,1%

Se il 2020 dei veicoli industriali non è stato uno degli anni migliori (ne avevamo parlato qui), non è andata meglio per i veicoli commerciali. Lo conferma Unrae, l’associazione...

Unrae: il mercato dei veicoli industriali ha chiuso il 2020 con un calo a doppia cifra

Il 2020 è stato un anno in perdita per il settore dei veicoli industriali. Il comparto, infatti, dopo i mesi di grande difficoltà affrontati nel primo lockdown, non è riuscito a...

Renault Trucks D Wide Z.E. rende più green i trasporti dell’azienda svizzera Rhyner Logistik

Il Renault Trucks D Wide Z.E. 100% elettrico, facente parte della nuova generazione dei veicoli della casa francese desinati alla distribuzione, “entrerà in scena” a Zurigo....

Unrae: il mercato di rimorchi e semirimorchi in caduta libera

Il mercato dei rimorchi e semirimorchi ha messo a segno un novembre positivo che, però, non è riuscito a compensare l'annus horribilis del settore, in perdita, nei primi undici mesi del...

Autotrasporto: a novembre 2020 emissioni di CO2 da benzina e gasolio in calo del 17,8%

  A novembre 2020 le emissioni di CO2 derivate dall’uso di benzina e gasolio per autotrazione sono diminuite di 1.354.425 tonnellate rispetto allo stesso mese del 2019. Tale diminuzione...

Sostenibilità: nuovi camion privi di fossili entro il 2040, industria e scienza uniscono le forze

In una dichiarazione senza precedenti, i produttori di autocarri europei concordano che entro il 2040 tutti i nuovi camion venduti dovranno essere privi di fossili per eliminare il carbonio entro il...