Trasporto in conto proprio: documenti da esibire in caso di controlli

CONDIVIDI

giovedì 15 luglio 2021

In arrivo precisazioni in materia di qualificazione iniziale e formazione periodica degli autisti, in risposta ad alcuni quesiti pervenuti al ministero dell’interno.
Lo ha comunicato l'Anita.

I chiarimenti riguardano in particolare il trasporto in conto proprio e la documentazione da esibire in fase di controllo su strada per dimostrare che la guida non costituisce l’attività principale del conducente.

Riguardo alle deroghe previste, vengono esaminate le seguenti ipotesi:

  • Art.16, comma 1, lettera g)
    A seguito delle modifiche introdotte al D.Lvo 286/2005, tale deroga non necessita più che il trasporto sia eseguito a fini privati ma è sufficiente che sia eseguito per fini non commerciali, cioè senza remunerazione.
    Tale deroga, tuttavia, non può essere applicata in ogni caso al trasporto in conto proprio in quanto per definizione esso è un trasporto commerciale per le finalità dell’impresa.
    Il “trasporto non-commerciale”, secondo l’art.4, paragrafo 1, lettera r) del Regolamento 561/2016, è qualsiasi trasporto stradale che non rientra nel trasporto in conto terzi o per conto proprio.
    Non rientra nella deroga, ad esempio, il trasporto di un mezzo speciale dotato di attrezzature per particolari attività, in quanto vi è il fine commerciale.
    Rientra invece nella deroga la guida di veicoli appartenenti o nella disponibilità di soggetti – quali associazioni o onlus - che non svolgono, nemmeno in maniera residuale, attività commerciale e quindi senza scopo di lucro, non prevedendo la remunerazione, diretta o indiretta, dell’attività di trasporto effettuato.
  • Art.16, comma 1, lettera h)
    La deroga relativa al trasporto di materiale, attrezzature e macchinari utilizzati dal conducente nell’esercizio della propria attività – a condizione che la guida non costituisca attività principale – può essere applicata al trasporto in conto proprio soltanto se ricorrono due specifiche condizioni:
    a) la guida dei veicoli non deve costituire l’attività principale del conducente (cioè deve occupare meno del 30% dell’orario di lavoro mensile continuativo);
    b) il materiale deve essere utilizzato dal conducente nell’esercizio della propria attività (ad esempio, nel settore edilizio).
  • Art.16, comma 2, lettera c)
    La deroga sul “trasporto occasionale” che non incide sulla sicurezza stradale può trovare applicazione nei trasporti in conto proprio soltanto se ricorrono le seguenti tre specifiche condizioni:
    a) l’autista non deve avere la qualifica di conducente professionale ma lo stesso deve essere assunto per svolgere mansioni diverse (magazziniere, ecc);
    b) il trasporto non deve costituire la principale fonte di reddito del conducente; c) il trasporto non deve incidere sulla sicurezza stradale (non deve essere un trasporto eccezionale).

Per comprovare che la guida non costituisce attività principale del conducente, le norme in vigore non prevedono alcun obbligo sulla documentazione da esibire in fase di controllo su strada. Di conseguenza, può essere ritenuto valido qualsiasi documento.
Gli organi di controllo possono verificare dal tachigrafo – se presente sul veicolo – se l’attività di guida svolta dal conducente nel corso del mese lavorativo solare (dal primo all’ultimo giorno del mese) sia superiore al 30% rispetto all’orario di lavoro complessivo.

Tag: cqc, trasporto merci

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

S.O.S camionisti, lunga carenza dalla metà degli anni 2000

Persiste la carenza globale di conducenti di camion, con prevedibili conseguenze gravi per l’economia. Gli analisti affermano che il problema ha origini lontane, precisamente sin dalla...

Liberalizzazione autoarticolati 18 metri: Anita, nuova era nel trasporto nazionale di merci

Il Decreto legge Infrastrutture ha autorizzato la libera circolazione di autoarticolati (complessi veicolari trattore-semirimorchio) con lunghezza fino a 18 metri (ne abbiamo parlato...

Ultimo miglio: Catena del Freddo, la soluzione Geotab per il trasporto refrigerato

La pandemia ha determinato un incremento delle consegne dell'ultimo miglio che probabilmente persisterà. Solo nel 2020, le consegne business-to-consumer sono aumentate del 25% circa e, secondo...

La più grande cooperativa Conad potenzia la rete logistica con Tesisquare e Shippeo

La più grande cooperativa del consorzio Conad ha scelto i partner tecnologici Tesisquare e Shippeo per migliorare la visibilità dei trasporti in tempo reale e potenziare così la...

Interporto Verona: confermato Gasparato alla presidenza. Nominato il consiglio direttivo 2021-2026

Nuovo consiglio direttivo per il Consorzio Zai Interporto Quadrante Europa di Verona. Riconfermato alla presidenza Matteo Gasparato; Andrea Prando sarà il vicepresidente. Per il quinquennio...

Trasporti internazionali, richiesta di autorizzazioni per l’anno 2022: ecco le scadenze

Scadenze in vista per la presentazione al Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità sostenibili delle domande per la richiesta di autorizzazioni ai trasporti internazionali per...

Logistica urbana: nuovo edificio Prologis a Milano

Prosegue l’attività di sviluppo di edifici di ultimo miglio da parte di Prologis a Milano (ne avevamo parlato qui). Consegnato un secondo innovativo edificio build-to-suit di Classe A ad...

Carenza autisti autotrasporto: Cna Fita Abruzzo chiede fondi per formazione e patenti

Ripensare profondamente le politiche dedicate alla formazione delle figure destinate alla guida dei mezzi pesanti. Lo chiede alla regione Luciana Ferrone, presidente di Cna Fita Abruzzo (sigla che...