Green pass e autisti stranieri: ecco le proposte di Conftrasporto

CONDIVIDI

giovedì 23 settembre 2021

Il tema green pass e autisti stranieri in Italia è ancora al centro dell'agenda di Conftrasporto-Confcommercio. Sul tema è in atto un confronto con il ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili (ne avevamo parlato qui).

L’aggiornamento del Protocollo covid approntato in questi giorni dal ministero accoglie il favore della Confederazione dei Trasporti e della Logistica, che ne sottolinea il valore come strumento di riferimento per le imprese. Tuttavia, Conftrasporto "rileva alcune criticità sulla concreta estensione, dal 15 ottobre, del greenpass ai lavoratori della logistica e dell’autotrasporto, in particolare a quelli stranieri, componente numericamente rilevante e in molti casi preponderante, specie nell’autotrasporto", fa sapere l'associazione.

Le criticità e le ipotesi di soluzione di Conftrasporto

Secondo l'associazione è necessario riconoscere il greenpass per gli autisti stranieri che lavorano per le imprese italiane e che si sono vaccinati a casa loro (anche con vaccini oggi non riconosciuti in Italia). Inoltre, si dovrebbe garantire che il greenpass venga effettivamente esteso agli autisti di imprese straniere che operano in Italia, evitando così di creare trattamenti differenziati con le imprese italiane.

Infine, prevedere una qualche forma di deroga per gli autisti sprovvisti di green pass al 15 ottobre sulla falsa riga di quanto già fatto nel DL n. 127 art. 2 c. 8: “Le disposizioni del presente articolo non si applicano ai soggetti.… che accedono agli uffici giudiziari, ivi inclusi gli avvocati e gli altri difensori, i consulenti, i periti …”.

La deroga potrebbe essere attuata prevedendo tutte le misure di tutela in termini di distanziamento e DPI necessarie e subordinandola al vincolo per l’autista di rimanere in cabina nelle fasi di interazione con altri lavoratori (in particolare nelle operazioni di carico/scarico).

“L’ultimo punto - spiega Conftrasporto - nasce dalla forte preoccupazione che l’attuale carenza di autisti (ne mancherebbero 20mila), l’alta percentuale di non vaccinati nel comparto (come confermerebbe una prima indagine qualitativa) e l’oggettiva impossibilità di procedere al tampone rispettando modalità e tempi dell’attività lavorativa, possano produrre una tempesta perfetta sulle imprese di autotrasporto, che si troverebbero impossibilitate a garantire i servizi, con conseguenze su tutto il sistema italiano”.

Tag: coronavirus, trasporto merci, Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Green Pass autotrasporto: Conftrasporto, estenderlo agli autisti esteri che entrano in Italia

Oltre una settimana fa era arrivata una circolare dal MIMS e dal ministero della Salute (ne avevamo parlato qui), che esenta gli autotrasportatori provenienti dall’estero dall’obbligo del...

Trasporti: l'agenda delle commissioni di Camera e Senato per la settimana dal 25 al 29 ottobre 2021

Pubblichiamo l'agenda dei lavori delle Commissioni Trasporti e Lavori pubblici di Camera e Senato per la settimana in corso. L'agenda della Camera Lunedì 25 ottobre 2021 -Ore 15 COMMISSIONI...

Green pass, porto di Genova: protesta ai varchi per chiedere tamponi gratutiti

Continuano le proteste collegate alle nuove misure che impongono l'obbligo di Green pass per l'accesso ai luoghi di lavoro. Stamattina, al porto di Genova è stato messo in atto uno sciopero...

Nel 2021 crescita record per Turkish Cargo: intervista esclusiva con Turhan Özen, chief cargo officer

Nonostante la grave crisi sanitaria ed economica che ha attanagliato il mondo intero, Turkish Cargo - brand della compagnia di bandiera nazionale Turkish Airlines - ha continuato a operare senza...

Green pass sui luoghi di lavoro anche in Austria, camionisti esentati

In arrivo Green pass sui luoghi di lavoro anche in Austria, ma probabilmente i camionisti non saranno sottoposti alla misura. Mentre tornano a salire i contagi di covid-19, le autorità...

Esigente e disposto a spendere di più pur di avere la vista mare: l’identikit del crocierista post Covid

Cercano comfort e relax, anche se questo significa mettere mano al portafoglio. Prediligono vacanze vista mare e hanno fretta di partire anche se da soli. Questo l’identikit dei nuovi...

Porto di Trieste: traffico ferroviario in ripresa, 20 treni manovrati rispetto ai 5 del giorno precedente

In aumento l’operatività del porto di Trieste. Termometro della ripresa, il traffico ferroviario gestito da Adriafer che ieri ha operato a regime con 2 squadre e 20 treni manovrati...

Divieti Brennero, ANITA, FAI e FEDIT: nessun provvedimento dall'Ue, attivato team legale

La questione divieti al Brennero torna al centro dell'attenzione delle associazioni dell'autotrasporto italiano. ANITA, FAI e FEDIT hanno deciso di intraprendere un’azione di messa in mora...