Trasporto merci: nel 2018 il 44% di import/export viaggia su gomma

martedì 2 luglio 2019 13:49:32

Nel 2018 il 44% dei trasporti ha viaggiato su gomma a fronte del 30,1% via nave e al 14,8% del trasporto via ferrovia. Lo si evince da un focus redatto da Confartigianato Trasporti. 

In particolare le esportazioni sono trasportate su strada per il 47,3% e le importazioni per il 41,0%; rispetto al 2017, la quota delle esportazioni è stabile mentre le importazioni scendono di un punto percentuale. In volume il 52,7% del commercio estero viene trasportato per mezzo di navi, il 26,7% è trasportato su strada e l’11,8% tramite la ferrovia.

La quota di mercato dei vettori italiani nel trasporto internazionale delle merci su strada è pari al 20,5% e registra un recupero di 0,3 punti percentuali rispetto al 2017. Nel lungo periodo si osserva una costante riduzione della quota che tra il 2008 e il 2018 scende di 11,6 punti percentuali.

Si registra poi una costante riduzione del peso dei vettori nazionali a vantaggio di imprese di trasporto di paesi a più basso costo del lavoro. Situazione analoga che si verifica anche rispetto alle tonnellate di merci trasportate. I Paesi a basso costo del lavoro acquisiscono quote di mercato a fronte di una perdita delle stesse registrata dall’Italia e dai Paesi dove il costo del lavoro grava maggiormente.

Dal confronto europeo sul paese di origine degli autotrasportatori più attivi nell’interscambio commerciale su strada nell’UE da e verso l’Italia emerge la Polonia al 1° posto con 25.073 milioni di tonnellate per kilometro, seguita da Italia con 10.853 milioni di t-km. A fronte di una caduta delle quote di mercato gli autotrasportatori italiani hanno evidenziato un marcato efficientamento delle proprie imprese, con un robusto aumento della produttività delle piccole imprese di trasporto merci. Dall’analisi dei dati Eurostat emerge che nel 2016 la produttività del trasporto merci su strada delle piccole imprese cresce del 18,5% rispetto al 2008 fronte di un calo di 4,6% registrato dalla Germania, riducendo il gap che, nel 2016, arriva ad essere di soli 1,8 punti percentuali. Nell’ultimo triennio la produttività dei piccoli autotrasportatori italiani sale del 16,8%nell’ultimo triennio rispetto al calo del 2,7% degli omologhi tedeschi.


© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata


Leggi anche

Leggi gli altri articoli della categoria: Autotrasporto

Altri articoli della stessa categoria

Misure Coronavirus: lunedì 2 marzo riunione al Mit per le associazioni del trasporto e della logistica

venerdì 28 febbraio 2020 15:15:28
Si svolgerà lunedì 2 marzo alle 15.00, nella sede di Porta Pia, la riunione con le principali associazioni legate alla logistica e al trasporto...

Coronavirus: nuove misure urgenti per il contenimento

giovedì 27 febbraio 2020 10:29:19
Arrivano nuove misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19. Lo ha annunciato l'associazione Anita.Dopo...

Coronavirus: Uggè (Conftrasporto), l'Italia faccia richiesta al Fondo di solidarietà Ue

giovedì 27 febbraio 2020 17:17:58
“Cosa aspetta l’Italia a inviare la richiesta d’intervento al Fondo di solidarietà dell’Unione Europea?”. Lo chiede...

Scania e ASKO, inaugurano progetto pilota per l’elettrificazione del trasporto in Norvegia

mercoledì 26 febbraio 2020 12:04:02
ASKO e Scania insieme per elettrificare il trasporto in Norvegia, presentati 4 nuovi veicoli a gas idrogeno con propulsione elettrica destinati al trasporto...

Conftrasporto: Coronavirus, il sistema della logistica rischia di incepparsi

mercoledì 26 febbraio 2020 14:00:20
Il segretario generale di Conftrasporto-Confcommercio Pasquale Russo (30mila imprese della logistica e dei trasporti rappresentate), chiede al governo di...