Autostrasporto, distacco autisti: Conftrasporto esprime soddisfazione per una sentenza Ue contro il dumping sociale

martedì 21 luglio 2020 10:30:39

In una diatriba fra l’Olanda e Cipro, una nuova sentenza della Corte di Giustizia europea  si pone in contrasto verso il dumping sociale. La Corte, infatti, ha stabilito che “il datore di lavoro di conducenti di autoveicoli pesanti impiegati nel trasporto internazionale è l’impresa di trasporto che esercita su tali conducenti l’autorità effettiva, sopporta il costo salariale e dispone del potere effettivo di licenziarli, e non quella con la quale il lavoratore-conducente ha stipulato un contratto di lavoro”.
Lo ha comunicato Conftrasporto esprimendo soddisfazione.

Prima di questa sentenza, le imprese olandesi sostenevano il costo del lavoro degli autisti, ma i contributi sociali finivano a Cipro perché quegli stessi autisti, distaccati in Olanda, risultavano impiegati da una società cipriota.
Tutto nasce da una causa tra la Afmb (società con sede a Cipro) e l’ente statale olandese di previdenza sociale sulla retribuzione di autisti distaccati nei Paesi Bassi. La vertenza è partita dalla richiesta dell’ente previdenziale olandese di sottoporre alla normativa dei Paesi Bassi sulla previdenza sociale alcuni autisti che la società cipriota Afmb aveva distaccato presso alcune imprese di autotrasporto olandesi, applicando le retribuzioni (compresi i contributi previdenziali) di Cipro, che sono più favorevoli rispetto a quelle olandesi.

Ne è seguita una serie di corsi e ricorsi sfociata nella sentenza della Corte di Giustizia Europea, che ha dato ragione all’Olanda, dicendo, in sostanza, che se le aziende olandesi si accollavano il costo del lavoro degli autotrasportatori, i contributi dovevano rimanere in Olanda (e non ‘migrare’ a Cipro).

“Con questa sentenza, giunta dopo l’approvazione del primo Pacchetto mobilità, la questione del dumping sociale ha quindi registrato una nuova ‘scossa’, che si ripercuote sulla sicurezza e incide sulle entrate dello Stato – spiega il vicepresidente di Conftrasporto-Confcommercio Paolo Uggè - La Corte europea ha stabilito un principio importante, che impatterà sui rapporti in essere tra imprese e conducenti in tutti i Paesi europei”.

“L’azione olandese ha portato a quadro di certezze per i lavoratori e per le entrate dell’Ente che gestisce la previdenza sociale – aggiunge Uggè – Ma mentre l’Olanda ha raccolto il grido d’allarme delle proprie imprese, l’Italia è rimasta a guardare. Spiace per il tempo perso dal nostro Paese, che ha passivamente consentito che il fenomeno della concorrenza sleale prendesse piede e danneggiasse lavoratori e imprese nazionali”, conclude il vicepresidente di Conftrasporto-Confcommercio.

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata


Leggi anche

Leggi gli altri articoli della categoria: Autotrasporto

Altri articoli della stessa categoria

Camion: Conftrasporto protesta contro possibili aumenti delle accise sul diesel

giovedì 6 agosto 2020 19:01:21
"Il ministro all’Ambiente Sergio Costa annuncia aumenti delle accise sui diesel, Conftrasporto medita il fermo nazionale". Lo scrive l'associazione in...

Trasporti internazionali: riunione tecnica al Mit, sul tavolo Pacchetto Mobilità e tassa sul traffico pesante in Svizzera

mercoledì 5 agosto 2020 09:17:41
Si è svolta la riunione di informazione e consultazione tecnica sui dossier relativi ai trasporti internazionali convocata dal Ministero Infrastrutture...

Trasporto rifiuti: fino a 30 giorni non è stoccaggio

mercoledì 5 agosto 2020 16:56:49
E' quanto previsto dalla bozza del dlgs Imballaggi, la nuova disciplina in materia di trasporto intermodale dei rifiuti facente parte del pacchetto...

Tachigrafi alterati: per i camionisti scattano multa e ritiro della patente

mercoledì 5 agosto 2020 17:53:29
Multa di 1.736 euro e sospensione della patente di guida per tre autotrasportatori per aver manomesso il cronotachigrafo digitale dei loro camion, ovvero la...

In Cina premiato autotrasportatore eroe

mercoledì 5 agosto 2020 18:18:20
La principale casa automobilistica cinese, First Automotive Works Group (FAW), ha regalato un camion del suo marchio principale Jiefang a un autista che ha...