Turismo sostenibile: studio Flixbus, investire nelle infrastrutture per una rivoluzione green

CONDIVIDI

mercoledì 7 aprile 2021

In Italia, esiste, una comunità di viaggiatori responsabili disposti ad accogliere la sfida di una rivoluzione ecologica nella mobilità. Ma le carenze infrastrutturali vincolano a scelte di viaggio meno ecologiche anche gli italiani più responsabili, che in vacanza diventano inoltre più esigenti a livello di comodità.

Lo rivela lo studio “Il viaggiatore green”, commissionato da FlixBus all’istituto di ricerca Squadrati e somministrato a un campione di 850 Italiani dichiaratamente ecologisti.
Lo studio indaga i comportamenti degli italiani attenti all’ambiente con riferimento al viaggio e, in generale, allo stile di vita, per individuare i preconcetti e le criticità che rischiano di ostacolare la piena affermazione di una concezione propriamente green del viaggio.

L’83% dichiara pronto a rinunciare all’auto privata

Molti intervistati utilizzano l’auto privata per spostarsi, sia in città che fra una città e l’altra, per l’assenza di alternative. Infatti, l’83% dichiara che rinuncerebbe all’uso del mezzo personale se potesse arrivare a destinazione con mezzi collettivi, e il 53% sarebbe pronto a raggiungere la meta con più mezzi, ma meno inquinanti.

Anche chi dichiara di avere a cuore l’ambiente vi presta meno attenzione in vacanza: il 44% degli intervistati indica come prioritari il contenimento dei costi, il 17% la brevità del viaggio e il 12% il numero ridotto di cambi; solo per il 4% il contenimento delle emissioni è cruciale nella pianificazione del soggiorno. L’esigenza di comodità in vacanza si riflette nelle preferenze accordate ai mezzi di trasporto: l’auto è la soluzione preferita per le vacanze in Italia, l’aereo per quelle all’estero.

I pregiudizi (sbagliati) nei confronti dell’autobus

Un altro ostacolo alla ripresa in chiave green del turismo e della mobilità è rappresentato dalla scarsa consapevolezza dell’anima green dell’autobus (l’autobus può sostituire fino a 30 auto su strada), un problema che riguarda soprattutto le generazioni più anziane. Secondo lo studio, l’autobus patisce infatti una maggiore diffidenza sul tema dell’inquinamento rispetto ad altri mezzi come il treno, ritenuto assai più sostenibile: il 65% degli intervistati dichiara che userebbe gli autobus a lunga percorrenza ‘se non inquinassero’, e solo il 9% li userebbe per compiere un viaggio in modo green.

L’autobus viene indicato nella ricerca di Squadrati come opzione di viaggio preferita da più di 1 Millennial su 5 (21%) e da quasi 1 su 4 fra gli appartenenti alla Generazione Z (23%), da sempre la fetta predominante del pubblico di FlixBus, complici sì i costi ridotti, ma anche una più spiccata consapevolezza dei benefici derivanti da un approccio intermodale al viaggio.

D’altronde, se i Millennials (24-39 anni) e la Generazione Z (18-23 anni) si dichiarano propensi a utilizzare mezzi collettivi, i Baby Boomers (54-64 anni) accordano una netta preferenza all’auto privata (68%), confermando l’esistenza di un profondo divario generazionale nelle modalità con cui gli Italiani che dichiarano un orientamento green si relazionano alla mobilità.

Tag: autobus ibridi, flixbus, sostenibilità

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Federlogistica: Luigi Merlo confermato alla presidenza fino al 2024

Il Consiglio direttivo di Federlogistica ha confermato Luigi Merlo presidente per il prossimo triennio. Nella squadra dei vicepresidenti, che vede confermati Bianca Martinelli e Davide Falter...

Autotrasporto: nelle Storie Olimpiche di GOLIA l'azienda Riboni e la sostenibilità sociale

Nel nuovo appuntamento con le “Storie Olimpiche”, i fari del PodTruck di GOLIA sono puntati sulla sostenibilità sociale. La serie podcast nasce per dare spazio alle storie non...

Auto ibride ed elettriche: aumento delle vendite in Turchia

Aumentano a passo elevato le vendite delle auto ibride ed elettriche in Turchia, superando i dati del 2020. Gli alti tassi di aumento (il 218,8% per le auto ibride e il 436,3% per le auto elettriche)...

Carburanti: arriva Rimula R7, l'olio motore Shell di nuova generazione per i mezzi pesanti

Maggiore risparmio di carburante, controllo dell’ossidazione, protezione contro la corrosione e pulizia dei pistoni migliorata del 36%: Shell potenzia la gamma di oli ad alte prestazioni per...

Logistica urbana: nuovo edificio Prologis a Milano

Prosegue l’attività di sviluppo di edifici di ultimo miglio da parte di Prologis a Milano (ne avevamo parlato qui). Consegnato un secondo innovativo edificio build-to-suit di Classe A ad...

Decarbonizzazione trasporto marittimo: la proposta dell'International Chamber of Shipping

Una tassa globale sulle emissioni di carbonio delle navi. La propone l'ICS-International Chamber of Shipping, che rappresenta le associazioni nazionali degli armatori mondiali e oltre l'80% della...

Autostrade: Diego Cattoni nuovo presidente Aiscat

È Diego Cattoni il nuovo presidente dell'Aiscat. L'amministratore delegato di Autostrada del Brennero è stato eletto all'unanimità dall'assemblea dei soci dell'Associazione...

Dl Infrastrutture: fondi alle regioni per attuare le linee guida per la sicurezza dei trasporti

Fondi alle regioni per potenziare i controlli sui mezzi pubblici al fine di attuare le nuove linee guida sulla sicurezza dei trasporti. Lo prevede il Dl Infrastrutture trasporti approvato dal...