Trasporto pubblico: Seta presenta i nuovi filobus elettrici per la rete di Modena

CONDIVIDI

lunedì 15 febbraio 2021

Nella flotta filoviaria urbana di Modena entrano in servizio 8 nuovi filobus Solaris Trollino full electric, mezzi dalle caratteristiche tecniche innovative. Gli 8 nuovi filobus Trollino sono stati acquistati da Seta: nel 2022 seguiranno poi altri 2 filobus: i 10 nuovi mezzi elettrici garantiranno così un deciso rinnovamento del parco mezzi elettrici (composto da 20 filobus) ed il sensibile abbassamento dell’età media.

Dal 2024 in poi, il rinnovamento sarà completato grazie agli ulteriori filobus che saranno acquistati nell’ambito del Piano strategico nazionale per la mobilità sostenibile del Comune di Modena.

Una nuova flessibilità per il servizio filoviario

Tra le principali innovazioni dei nuovi filobus Solaris Trollino ha un ruolo di particolare rilievo la propulsione autonoma esclusivamente elettrica, senza motore ausiliario termico ma utilizzando un gruppo di batterie ad alta capacità in grado di assicurare la marcia autonoma per oltre 12 km del filobus senza collegamento diretto con la linea aerea.

Questa caratteristica – unita al dispositivo automatico di attacco/stacco del trolley in linea - consentirà di gestire il servizio filoviario con una flessibilità finora preclusa: ad esempio sarà possibile variare in parte i percorsi delle linee senza realizzare nuove costose infrastrutture. In tal senso, sarà avviata nei prossimi mesi una sperimentazione lungo viale Vittorio Veneto, che sarà percorso dai nuovi filobus interamente in marcia autonoma. Alle innovative prestazioni tecniche si aggiungono migliori elementi di comfort e sicurezza per i passeggeri e l’accessibilità facilitata per le persone con disabilità o ridotta capacità motoria grazie al pianale ribassato.

Il Piano di investimenti 2020-2023 di Seta

Seta guarda oltre la pandemia ed investe per rinnovare il servizio di trasporto pubblico offerto, che migliora in efficienza, innovazione, sostenibilità ambientale, sicurezza e comfort per gli utenti grazie ad un consistente piano pluriennale che l’azienda - con il sostegno degli Enti locali e della Regione Emilia-Romagna - ha deliberato nei mesi scorsi e già avviato.

Entro il 2023 è previsto lo stanziamento complessivo di oltre 70 milioni di euro (di cui 20 in totale autofinanziamento) per l’acquisto di circa 260 nuovi mezzi dotati delle più moderne tecnologie, con la conseguente riduzione dell’età media e dell’impatto ambientale della flotta circolante nei tre bacini provinciali serviti di Modena, Reggio Emilia e Piacenza. Sarà ampliata la flotta alimentata a metano, sia nella versione CNG mild hybrid, sia nell’innovativa modalità LNG che offre importanti vantaggi in termini di autonomia, costi di esercizio, prestazioni e sostenibilità, inoltre verranno realizzate nuove infrastrutture di supporto per i mezzi che utilizzano il gas naturale.

Oltre al contributo dell’azienda, le risorse sono garantite dalla Regione Emilia-Romagna per complessivi 26 milioni e dagli Enti locali di riferimento per 24 milioni (di cui 8,6 milioni dal Comune di Modena). I 260 nuovi mezzi saranno così distribuiti: 114 (31 urbani e 83 extraurbani) per il bacino di Modena, 81 per il bacino di Reggio Emilia (48 urbani e 33 extraurbani) e 61 per quello di Piacenza (26 urbani e 35 extraurbani).

L’età media della flotta automobilistica passerà dagli attuali 12,7 anni a 9,3 anni (senza investimenti sarebbe cresciuta fino a circa 16 anni), valore molto più vicino all’età media delle flotte pubbliche dei Paesi europei più avanzati. I nuovi mezzi arriveranno grazie alla gara congiunta regionale, attualmente in corso, che vede come capofila Tper e coinvolge anche Tep e Start Romagna, in un processo di rinnovamento delle flotte pubbliche improntato all’ecocompatibilità sostenuto dalla Regione. In quest’ambito, per SETA è previsto l’arrivo di circa 130 mezzi entro i prossimi diciotto mesi, considerando i tempi tecnici necessari per l’aggiudicazione dei lotti, la produzione dei mezzi, l’immatricolazione ed altri passaggi burocratici.

Investimenti a Modena

Per il bacino di Modena il piano di investimenti SETA prevede l’arrivo entro il 2023 di 114 nuovi mezzi (31 urbani e 83 extraurbani), di cui circa 60 già entro l’inizio del 2022. Il valore totale ammonta a 30,3 milioni di euro: 9,7 milioni a carico di SETA, 12 garantiti dalla Regione Emilia-Romagna e 8,6 milioni dal Comune di Modena. Nel capoluogo arriveranno 27 nuovi mezzi: 2 filobus Solaris Trollino e 22 bus urbani da 12 metri ad alimentazione mild hybrid (elettrico + metano CNG) e 3 bus urbani da 18 metri a metano. Con questi nuovi acquisti l’intera flotta urbana di Modena (composta da 82 mezzi) sarà a basso o nullo impatto ambientale in quanto alimentata ad energia elettrica, a metano ‘puro’ o metano mild hybrid.

Verranno inoltre acquistati 41 mezzi extraurbani alimentati a metano LNG (gas naturale liquido), che saranno impiegati sulle linee provinciali con partenza o destinazione da/per Modena e sostituiranno altrettanti bus di categoria Euro2/Euro3 a gasolio, molto vecchi ed inquinanti. L’impiego di questa nuova tipologia di mezzi extraurbani sarà reso possibile dall’ampliamento del distributore interno di gas metano, nel quale sono già presenti 4 colonnine per gas compresso (CNG) alle quali saranno aggiunte 2 nuove colonnine di rifornimento per gas naturale liquido (LNG). Il piano di investimenti è completato dall’acquisto di ulteriori 42 mezzi extraurbani di categoria Euro 6 da 12 metri e da 4 mezzi urbani a metano per il servizio urbano di Carpi.

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Trasporto pubblico: a Firenze in arrivo due linee Bus Rapid Transit

Grazie al Piano urbano di mobilità sostenibile della Metrocittà, saranno introdotte a Firenze due linee di Bus Rapid Transit (Brt), gli autobus a transito rapido con corsia...

Trasporto scolastico: in dirittura d’arrivo gli stanziamenti per i Comuni

Dei 5mila Comuni italiani titolari di contratto di servizio per il trasporto scolastico, solo in 3mila hanno risposto all’appello del MIT per avere informazioni al fine di procedere con lo...

Il futuro dei trasporti: l'Italia entra nel progetto Hyperloop, da Milano a Roma in trenta minuti

Da Milano a Roma in trenta minuti grazie a capsule supersoniche in grado di raggiungere i 1200 chilometri orari. È il trasporto futuribile proposto da Hyperloop Italia, startup di Gabriele...

Trasporto scolastico: Trenord potenzia le corse sulla linea linea Colico-Lecco

Trenord potenzia il servizio per agevolare lo spostamento degli studenti provenienti dall’area dell’Alto Lago verso Lecco. Da lunedì 15 febbraio saranno a disposizione degli...

Lunedì 8 febbraio sciopero trasporto pubblico: possibili disagi a Modena, Reggio Emilia e Piacenza

Seta, Società Emiliana Trasporti Autofiloviari, ha comunicato che lunedì 8 febbraio è stato indetto uno sciopero nazionale di 4 ore del trasporto pubblico. Possibili...

Roma, lunedì 8 febbraio sciopero bus e metro: le modalità del fermo

Lunedi 8 febbraio trasporto pubblico a rischio disagi per lo sciopero nazionale di 4 ore, dalle 8,30 alle 12,30, proclamato dai sindacati Cgil, Cisl, Uil, Ugl, Faisa Cisal, Fast Confsal. A Roma...

Recovery Plan: Giana (AGENS), ci aspettiamo interventi decisi e un sistema normativo che consenta l'esecuzione

Arrigo Giana, presidente dell'Agenzia confederale dei trasporti e dei servizi (AGENS), è intervenuto oggi in audizione presso la commissione Trasporti della Camera nell’ambito...

Trasporto Pubblico: Bologna e Ferrara, lunedì 8 febbraio sciopero bus Tper

Lunedì 8 febbraio i servizi di trasporto pubblico Tper di Bologna e Ferrara non saranno garantiti a causa di uno sciopero locale dalle ore 11 alle ore 15. Ecco le modalità previste per...